“Torta della nonna”

Per me è senza alcun dubbio il dolce più buono, quello che preferisco in assoluto. Una gustosa frolla che incontra la dolcezza della crema pasticciera al limone e la croccantezza dei pinoli tostati, il connubio perfetto. Ci sono tantissime ricette di questo dolce, io prediligo questa di Gianluca Fusto dal libro Crostate. Un libro veramente interessante, ci sono molti dolci del maestro, il livello è medio alto, di certo non si tratta di un libro per principianti ma è da avere nella propria libreria.
Per questa torta ho usato uno stampo microforato da 15, ma potete utilizzare anche una normale tortiera da crostata.
La differenza tra questa torta e le altre è che non ha il guscio di frolla al di sopra, ma solamente una spolverata di pinoli. Utilizzando il microforato ho inserito la frolla nello stampo, poi l’ho fatta riposare in congelatore per circa un ora, poi l’ho messa in forno a 165° per circa 15 minuti. Una volta visto che la frolla comincia a colorare l’ho tolta dal fuoco e l’ho lasciata raffreddare. Ho inserito all’interno la crema preparata in precedenza e l’ho lasciata raffreddare, fino al bordo, l’ho coperta con i pinoli e posta di nuovo in forno per altri 15/20 minuti. Una volta raffreddata la torta ho spolverato dello zucchero a velo sopra. Questa ricetta non vi deluderà.
Gli accorgimenti che voglio suggerirvi sono i seguenti: quando grattugiate le zest di limone fatelo direttamente sopra la crema in quanto gli oli essenziali del limone andranno direttamente nella crema. Quando cuocete la frolla a valvola aperta basta inserire un cucchiaio di legno nello sportello del forno, cosi facendo il vapore in eccesso uscirà dal forno senza deformare la frolla. Per qualsiasi domanda o dubbio potete lasciare un commento a fine ricetta.

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 1kg di frolla alle mandorle di Gianluca Fusto

  • 200 gburro
  • 175 gzucchero a velo
  • 60 gfarina di mandorle
  • 5 gsale
  • 100 guova
  • 120 gfarina 00
  • 340 gfarina 00

Ingredienti per 1 kg di crema pasticciera ai limoni

  • 660 glatte
  • 115 gtuorli freschi
  • 132.5 gzucchero
  • 92.5 gfarina 00
  • 1 bacca di vaniglia
  • 6 gzest di limone
  • 15 gburro

Preparazione della frolla

  1. Ammorbidire il burro a 25°C, aggiungere lo zucchero a velo e le uova in una planetaria munita di foglia.

    Amalgamare senza aggiungere bolle d’aria. Unire la farina di mandorle. Legare il tutto con la prima quantità di farina. Terminare con la restante farina.

    Formare un panetto avvolto da pellicola a contatto e conservare in frigorifero almeno 3 ore.

    Stendere a 2,5 mm di spessore e foderare lo stampo prescelto. Metterlo in congelatore a riposare per circa 1 ora. Cuocere in forno ventilato a 165°C a valvola aperta per circa 15/20 minuti. Far raffreddare e inserire all’interno la crema pasticciera al limone fino al bordo. Cospargere la superficie di pinoli e infornare nuovamente a 160°C per altri 15/20 minuti. Far raffreddare e cospargere di zucchero a velo.

    La cottura della frolla dovete vederla in base al vostro forno, nella prima cottura la frolla non deve colorarsi troppo, cosi quando la rimetterete in forno diventerà ben dorata e profumata.

Crema pasticciera ai limoni

  1. Portare il latte in un pentolino ad ebollizione e mettere la stecca di vaniglia, precedentemente incisa e aperta, in infusione.

    In una ciotola unire i tuorli e lo zucchero e miscelare con una frusta. Unire anche la farina e miscelare nuovamente.

    Quando il latte sarà caldo versare nel composto di tuorli e mescolare, rimettere tutto nel pentolino e cuocere la crema sino al punto di ebollizione mescolando continuamente.

    Quando la crema sarà cotta unire il burro freddo e le zest di limone.

    Versare la crema cotta in una ciotola e coprire con la pellicola alimentare a contatto e mettere in frigorifero.

4,5 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.