Crea sito

Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi

La Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi è un delizioso primo piatto molto veloce da realizzare e soprattutto leggero. I finocchi sotto sotto…zitti zitti…alla fine sono tra le verdure invernali più consumate… Con i finocchi facciamo delle ottime insalate…il pinzimonio…sformati e polpette…e perchè no anche deliziose vellutate. I finocchi hanno la proprietà di essere poveri di calorie ma ricchissimi di fibre, acqua e  vitamine, tre elementi importantissimi per il corpo umano. Io amo portarli anche come spezzafame e se abbiamo la fortuna di trovare quelli piccoli e dolci è un piacere sgranocchiarli. Visto che oggi la giornata lo permette che ne dite di realizzare allora uno splendido piatto caldo…anche unico direi visto che andremo ad aggiungere un pò di ricotta , dei crostini di pane e una manciata di pistacchi che rendono il nostro piatto davvero unico!!! Vediamo insieme i pochi e semplici passaggi per realizzare la nostra Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi. Velluta di finocchi con crostini e pistacchi

Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi, dose per due persone

  • 500 gr di finocchi puliti
  • acqua quanto basta
  • 100 gr di ricotta di mucca
  • 30 gr di pistacchi al naturale
  • 2 fettine di pane raffermo
  • sale
  • olio
  • steli di finocchio

Fare la Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi è semplice e veloce. Puliamo bene i finocchi eliminando le foglie esterne più dure e mettendo da parte alcuni steli che ci serviranno per la decorazione del piatto. Facciamoli a fettine, laviamoli bene e mettiamoli in un tegame bello ampio. Aggiungiamo dell’acqua fino a coprirli leggermente, insaporiamo con un pizzico di sale, copriamoli e lasciamoli cuocere fino a quando non saranno diventati praticamente scotti. Una volta tiepidi con un frullatore ad immersione omegeneizziamo i nostri finocchi insieme a 100 gr di ricotta per la nostra vellutata più densa e cremosa. Qualora fosse troppo liquida basta rimettere il tegame qualche minuto sul fuoco per farla addensare. Bene, la nostra Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi è pronta. Non resta che abbrustolire due buon fette di pane raffermo fatto a tocchetti e dare una tagliata ai pistacchi. Perfetto, possiamo servire la nostra Velluta di finocchi , terminando con un filo di olio, i crostini, i pistacchi e gli steli di finocchio lasciati da parte. Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram

Semifreddo di ricotta pralinato ai pistacchi

Il Semifreddo di ricotta pralinato ai pistacchi è un dolce molto goloso perfetto per un fin pasto.

Quello che rende speciale e particolare questo dolce è la presenza dei pistacchi pralinati..vale a dire saltati in padella con dello zucchero di canna.. e che danno quella croccantezza al dessert che lo rende particolare.

Di certo poi la presenza della pera e la leggerezza della ricotta di vaccina completano questa delizia.

Ancora una volta ho preso spunto da una ricetta ma l’idea di utilizzare il mascarpone non mi andava a genio semplicemente perchè volevo qualcosa di molto più leggero in grado di concludere un pranzo già impegnativo in maniera soft.

I miei ospiti non devono mai sentirsi appesantiti e devo alzarsi da tavola con la pancia piena..soddisfatta ma non con quel senso di gonfiore!!!

E così ho optato per la ricotta di vaccina..tra l’altro molto più leggera di quella di pecora…risultato eccellente e visto che ne è avanzato l’ho riposto nel surgelatore in monodose.

Allora che ne dite di vedere insieme questa semplice e veloce ricettina???

Semifreddo di ricotta pralinato ai pistacchi

Semifreddo di ricotta pralinato ai pistacchi, dose per 4 persone

  • 200 gr di ricotta di vaccina
  • 150 ml di panna
  • 30 gr di pistacchi
  • 30 gr di zucchero
  • 1 pera
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 limone
  • 4 gr di colla di pesce

Fare il Semifreddo di ricotta pralinato ai pistacchi è molto semplice.

Innanzitutto mettiamo i pistacchi in un padellino antiaderente, aggiungiamo lo zucchero e mettiamo sul fuoco a fiamma lenta.

Giriamo fino a quando lo zucchero non si sarà del tutto sciolto e avrà avvolto i pistacchi rendendoli pralinati.

Trasferiamoli su un foglio da carta da forno e lasciamoli raffreddare.

Nel frattempo laviamo e sbucciamo una pera, tagliamola a tocchetti e facciamola cuocere con un cucchiaio di zucchero e il succo di un limone fino a quando non riusciamo a schiacciarla con una forchetta.

Mettiamo la colla di pesce nell’acqua fredda per farla ammorbidire.

Montiamo la panna e spezzettiamo grossolanamente i pistacchi

Lavoriamo ora la ricotta insieme alla purea di pere possibilmemte con una frusta per evitare che la ricotta lasci grumi, aggiungiamo ora i nostri pistacchi ed infine incorporiamo la panna.

In un piccolo pentolino facciamo scaldare 1 cucchiaio di panna o di latte e andiamo a sciogliere la colla di pesce.

Uniamola al nostro composto e amalgamiamo bene il tutto.

Prendiamo ora 4 stampini monodose, riempiamoli del nostro dessert e trasferiamoli in frigo per almeno 4 ore.

Al momento di servirli non resta che trasferirli nei singoli piattini e poi aggiungere altra granella di pistacchi.

Buon dessert!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram

Petto di pollo alla birra con pistacchi e uvetta

Il Petto di pollo alla birra con pistacchi e uvetta è un secondo piatto alternativo e molto sfizioso per gustare una tipologia di carne già di per se molto leggera e delicata.

Ormai ho scoperto la birra nel suo uso in cucina e mi sto applicando per rendere delle pietanza ancora più buone.

Se infatti fino ad ora ho sfumato le carni con il vino bianco, questa variante della birra mi ha davvero entusiasmata.

Le carni restano infatti morbide e con un gusto particolare e per niente amaro come si può pensare.

Il Petto di pollo alla birra con pistacchi e uvetta è un piatto da non sottovalutare se vogliamo fare una cena all’insegna dell’importanza…il dolce dell’uvetta e la parte croccante data poi dai pistacchi è davvero “equilibrante”.

 

Petto di pollo alla birra con pistacchi e uvetta

Petto di pollo alla birra con pistacchi e uvetta, dose per due persone

  • 300 gr di petto di pollo intero
  • 30 gr di pistacchi
  • 1 cucchiao di uvetta
  • 1 bicchiere di birra
  • farina
  • sale
  • olio

Il Petto di pollo alla birra con pistacchi e uvetta è semplice e veloce.

Mettiamo l’uvetta in ammollo in acqua calda

Prendiamo un petto di pollo intero e dividiamoli in tocchetti di medie dimensioni…considerando ogni cubetto un boccone.

Dopo averlo salato e pepato infariniamolo  e facciamolo cuocere pochi minuti per parte in un ampio tegame antiaderente dovre avremo fatto ben scaldare due cucchiai di olio.

A questo punto sfumiamolo con la birra, abbassiamo la fiamma e lasciamolo cuocere fino al quasi completo assorbimento del liquido.

Cerchiamo di fare in modo che resti un velo di cremina.

Pochi minuti prima di spegnere aggiungiamo l’uvetta strizzata e i pistacchi tritati grossolanamente.

Bene, il nostro secondo piatto a base di Petto di pollo alla birra con pistacchi e uvetta è pronto per essere gustato caldo.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o anche su Twitter

 

Muffin con fragole frullate e pistacchi

Muffin con fragole frullate e pistacchi sono dei morbidissimi e golosi dolcetti perfetti per la prima colazione ma anche per una merenda sana e leggera.

Non so voi, ma anche se le temperature salgono io non riesco proprio a fare a meno di una colazione che ti dia la carica per affrontare la giornata…e le classiche merendine del supermercato a me non soddisfano…hanno tutte lo stesso sapore.

E così con pochi ingredienti possiamo realizzare noi un bel dolce.

La particolarità dei Muffin con fragole frullate e pistacchi è proprio quella  di avere le fragole frullate nell’impasto, praticamente ridotte a purea.

In questo modo abbiamo due grandi vantaggi…innanzitutto andiamo a consumare delle fragole in eccesso magari troppo mature.

E poi ne sentiamo il profumo e il sapore senza vederle!!!

Infine l’aggiunta di una manciata di pistacchi rende i muffin ancora più particolari e deliziosi.

E allora che ne dite di vedere insieme la ricettina?

Muffin con fragole frullate e pistacchi

Muffin con fragole frullate e pistacchi, dose per 12/15 muffins

  • 250 gr di farina di farro
  • 300 gr di fragole ben mature
  • 50 gr di pistacchi
  • 3 uova
  • 120 gr di zucchero di canna
  • 80 ml di olio di riso
  • 1 limone bio
  • 1 bustina di lievito

Fare i Muffin con fragole frullate e pistacchi è molto semplice e veloce.

Laviamo accuratamente le fragole, togliamo il picciolo e trasferiamole in un frullatore ottenendo la nostra purea.

Tritiamo anche i pistacchi ottenendo una granella non troppo fine ed infine grattugiamo la buccia di un buon limone bio.

In una terrina montiamo molto bene le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungiamo l’olio, la purea di fragole, i pistacchi e il limone.

Uniamo ora molto lentamente la farina setacciata insieme al lievito e amalgamiamo bene il tutto ottenendo un impasto omogeneo e senza grumi.

Prendiamo dei pirottini usa e getta per muffin, riempiamoli per 3/4 di impasto e trasferiamoli su una placca da forno.

Passiamo in forno in modalità statica a 180 gradi per 15 minuti.

Una volta verificata la cottura con la prova stecchino non resta che farli raffreddare e gustarli!!!

Già solo il profumo vi conquisterà.

Buon dolce.

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale,

 

Tonno alle zucchine e cipolle caramellate

Il Tonno alle zucchine e cipolle caramellate è un secondo piatto davvero gustoso e particolare. Dovessi attribuirgli un solo aggettivo direi che è raffinato e si realizza davvero con poco.

Non ho mai fatto le cipolle caramellate per paura magari di un loro sapore troppo dolce e invece mi sono dovuta ricredere perché esaltano la pietanza rendendola gustosa.

In questo caso ho abbinato anche le zucchine e della granella di pistacchi per realizzare un piatto quasi completo.

Il Tonno alle zucchine e cipolle caramellate è oltretutto un piatto anche leggero.

Di certo il Tonno (intendo quello fresco) apporta grosse quantità di proteine ed è molto magro quindi è perfetto per chi segue un regime alimentare controllato.

Per quel che riguarda la parte che lo accompagna ci sono piccolissime quantità di zucchero e di olio…quindi nel complesso possiamo davvero considerarla una preparazione dietetica a tutti gli effetti.

Se abbiamo una cena anche importante quindi non possiamo non prenderlo in considerazione…in fondo il tonno va semplicemente scottato su una piastra …tempo davvero 10 minuti.

Vediamo allora come realizzare insieme la ricettina.

Tonno alle zucchine e cipolle caramellate

Tonno alle zucchine e cipolle caramellate, dose per due persone.

  • 2 tranci di tonno fresco
  • 2 zucchine piccole
  • 2 scalogni
  • 1 cucchiaio di olio
  • 4 cucchiai di acqua
  • 4 cucchiai di aceto
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 30 gr di pistacchi

Realizzare il Tonno alle zucchine e cipolle caramellate è come dicevo molto semplice,

Laviamo e spuntiamo le zucchine, quindi affettiamole alla julienne eliminando parte dell’anima bianca.

Facciamo lo stesso con lo scalogno affettandolo finemente.

Trasferiamo le nostre verdurine in un padellino antiaderente, aggiustiamole con un pizzico di sale, aggiungiamo 1 cucchiaio di olio, 4 di acqua, 4 di aceto, 1 cucchiaino di zucchero, copriamo e passiamo sul fuoco.

Facciamo cuocere a fiamma bassa per circa 20 minuti fino a quando il liquido non si sarà del tutto ritirato e le verdure inizieranno appunto a caramellare.

Un paio di minuti prima di spegnere aggiungiamo la granella di pistacchi.

Allontaniamo la padellina dal fuoco e trasferiamo il condimento in un piattino.

Ora per rendere il piatto più gustoso possiamo scottare i tranci di tonno nello stesso padellino oppure utilizzare una piastra a parte.

Attenzione alla cottura, se si va oltre il tonno diventa molto stoppaccioso…a seconda dello spessore tenetelo al massimo 5 minuti per lato.

Una volta cotto mettiamo il tonno nei singoli piatti e ricopriamolo con le cipolle e zucchine caramellate.

Possiamo irrorare ancora con un filo di olio e spargere qualche altro pistacchio.

Bene il nostro delizioso piatto è pronto.

Non resta che gustare caldo.

Buon appetito.

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.