Crea sito

La crema pasticcera

La crema pasticcera e’ forse un po’ il dolce per eccellenza e la base di tanti altri peccati di gola…la possiamo mangiare cosi’…utilizzarla per farcire torte, bigne’, cornetti…per decorare un piatto di  frutta…insomma dove la metti sta bene…e poi non dimentichiamoci le sue varianti…

Per renderla più “leggera” in termini di corposità ovviamente possiamo aggiungere la panna oppure amalgamarla con del cioccolato fuso per qualcosa di più goloso.

Di sicuro e’ uno di quei dolci che non ho dovuto imparare a fare leggendo qua e la’…perche’ ricordo ancora quando la faceva la mia mamma per farcire le torte tipo zuppa inglese…a pensarci bene non so’ se era piu’ quella che finiva nella torta o nella mia bocca…e uso sempre la stessa ricetta.

La crema pasticcera è una di quelle preparazioni che si realizzano molto facilmente ma ha anche tante insidie…

Che ne dite allora di vedere la mia versione?

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è crema-720x720.jpg

 

Crema pasticcera, dose di 2 uova 

Fare la Crema pasticcera è molto semplice e questa dose e’ sufficiente per farcire una base per la crostata di frutta (23/26 cm)

  • 2 tuorli 
  • 250 gr di latte
  • 35 gr di farina
  • 50 gr di zucchero
  • 3 scorze di limone

La preparazione della crema pasticcera e’ fondamentale per evitare che poi durante la cottura si formino dei grumi.  Molti scaldano il latte…io la faccio cosi’:

Sgusciamo le uova e separiamo gli albumi dai tuorli.

Mettiamo questi in un recipiente, aggiungiamo lo zucchero, la farina setacciandola con un piccolo setaccio e battiamo il tutto con una frusta elettrica o anche a mano ma facendo attenzione a sciogliere bene tutti gli ingredienti.

A questo punto allunghiamo lentamente il latte e mescoliamo bene per fare assorbire tutto il liquido al composto di uova.

Quando abbiamo terminato trasferiamo la nostra crema pasticcera in un pentolino, aggiungiamo le scorza del limone e accendiamo il gas mantenendo la fiamma bassa.

Cominciamo a girare con un cucchiaio di legno senza smettere per evitare che la crema si attacchi e per evitare la separazione dalla parte piu’ solida da quella liquida.

Continuiamo fino a quando non si sara’ addensata…ma mamma mi faceva comunque continuare fino a quando non raggiungeva il bollore…a questo punto la crema è pronta e possiamo spegnerla proseguendo a girarla per un minuto lontano dalla fiamma

Per evitare che si formi una patina superficiale mentre si fredda possiamo coprire il recipiente con della pellicola o spolverizzare con dello zucchero a velo…ma forse la prima soluzione e’ la piu’ comoda.

La nostra deliziosa crema pasticcera è pronta

Buon dessert!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sui miei profili Twitter ed Instagram

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.