Crea sito

Colomba Pasquale

La colomba pasquale, cosi’ come il panettone o il pandoro, e’ il dolce universale pasquale per eccellenza…che poi ogni regione abbia anche il suo dolce tipico ci sta…anzi non sarebbe pasqua…ma in quel giorno non c’e’ tavola in cui non ci sia una bella colomba glassata con tante mandorle al centro.

Che sia al cioccolato, con uvetta o candidi…ma è la regina indiscussa del pranzo pasquale.

Chi ha un blog di cucina non puo’ non farla a casa almeno una volta…e’ una soddisfazione non indifferente…ma da parte mia c’e’ voluto un po’ di coraggio visto che a Natale avevo provato a fare il pandoro ma con grandissimo insuccesso.

Pero’ mi sono detta…mai provo e mai sapro’ come migliorare .

E cosi’ ho iniziato a comprare tutto l’occorrente e a cercare la ricetta perfetta .

Sinceramente ne ho valutate davvero tante..e avrei avuto anche la possibilità di farla con il lievito madre…ma stando alle prime armi mi sono affidata al lievito di birra.

Purtroppo non trovato quello fresco ed ho usato il lievito secco che ha tempi di lievitazione leggermente più lunghi.

In più la parte grassa che ho messo , vale a dire il burro, l ho fatto in casa…e quindi credetemi…non sarà la colomba più perfetta…ma di certo per me è la più buona.

Anzi se volete sapere come si fa basta cliccare su questo LINK

E allora che ne dite di dare un’occhiata alla mia versione???

 

Colomba Pasquale

Colomba pasquale, dose per uno stampo da 1 kg o due da 350

Lievitino:

  • 150 gr di farina di manitoba
  • 100 ml di acqua tiepida
  • 1 bustina di lievito secco
  • 1 cucchiaino di miele

Impasto

 

  • 350 gr di farina manitoba
  • 5 tuorli
  • 180 gr di margarina (oppure burro home made)
  • 160 gr di zucchero
  • 30 ml di latte o di liquore a scelta
  • buccia grattuggiata di un limone
  • buccia grattuggiata di un’arancia
  • 4 fialette aroma vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • candidi o gocce di cioccolato
Per la glassa:
  • 2 albumi
  • 50 gr di zucchero
  • mandorle dolci
  • granella di zucchero.

Fare la colomba pasquale non vi nego che è abbastanza impegnativo…ma alla fine si fa!!!

Veniamo ora a tutti i passaggi…cerchero’ di essere il piu’ possibile dettagliata.

Premetto che mi sono aiutata con una planetaria..ma nonostante alcuni sconsigliano di accingersi a fare la colomba se non ce l’hanno…io penso che si possa comunque fare…magari con un po’ piu’ di pazienza.

1′ Impasto (iniziato di pomeriggio)

Iniziamo dal lievitino.

In un recipiente mischiamo la farina con il lievito, aggiungiamo un cucchiaino di miele e impastiamo il tutto con 100 ml di acqua tiepida.

Formiamo un  panetto bello liscio.

Prendiamo ora una ciotola abbastanza capiente e che si possa chiudere, riempiamolo a meta’ con dell’acqua tiepida e mettiamoci dentro il panetto (si avete capito bene…), chiudiamo il recipiente e lasciamolo cosi’ per 40 minuti.

Lievito
Lievito

Nel frattempo avviamoci per il

2′ Impasto.

Separiamo i tuorli dagli albumi e montiamo i primi con tutto lo zucchero fino ad ottenere un composto bello spumoso.

Aggiungiamo la vaniglia, il limone e l’arancia grattugiata, 1 pizzico di sale e 100gr di margarina a temperatura ambiente..

Impastiamo bene e iniziamo quindi ad aggiungere pian piano i restanti 350 gr di farina di manitoba con 30 gr di latte o di liquore per rendere l’impasto piu’ morbido.

Passati i 40 minuti di lievitazione del lievitino prendiamo il panetto ormai di sicuro ben gonfio, sgoccioliamolo e aggiungiamolo all’impasto.

Continuiamo a lavorare il tutto per almeno 20 minuti spegnendo di tanto in tanto la macchina per non far surriscaldare troppo l’impasto.

A questo punto copriamo il recipiente con la pellicola ed un panno caldo (una sciarpa ad esempio) e lasciamolo riposare per 1 ora.

secondo impasto
secondo impasto

fase3fase4

 

3’Impasto:

Dopo 1 ora riprendiamo l’impasto, aggiungiamo altri 50 gr di margarina (temperatura ambiente) e di nuovo lavoriamo.

Ricopriamolo e stavolta lasciamolo così per tutta la notte a temperatura ambiente.

Questo sarà il risultato al mattino seguente.

dopo 4 ore

4′ ed ultimo impasto.

Nella fase finale riprendiamo l’impasto…aggiungiamo i restanti 30 gr di margarina..le gocce di cioccolato o i candidi e lavoriamo per l’ultima volta. Prendiamo lo stampo, mettiamolo direttamente sulla placca da forno.

Rovesciamo l’impasto su di un piano…tagliamolo in due , una parte piu grande per il corpo centrale e una parte più piccola per le ali.

Cerchiamo di stendere bene l’impasto negli stampi

Ora senza avere fretta alcuna lasciamo che la nostra colomba abbia i suoi tempi per lievitare.

Mettiamola in un posto riparato che può essere anche il forno lasciando la luce accesa per agevolare la lievitazione.

Una volta ben gonfie passiamo allo step finale.

Prepariamo quindi la glassa montando 2 albumi con 50 gr di zucchero.

Con un pennello distribuiamola delicatamente sulla colomba e decoriamo con mandorle e zucchero in granella.

fase6fase7

 

Accendiamo il forno in modalita’ statica posizionandolo direttamente a 180 gradi e mettendo alla base un pentolino con dell’acqua.

Dopo 10 minuti inforniamo la colomba nel piano sotto a quello centrale , lasciamola 10 minuti a questa temperatura, poi abbassiamo a 165 gradi e facciamole cuore per 35 minuti.

A meta’ tempo vi consiglio di coprirla con un foglio di alluminio per evitare che si scurisca troppo.

Dopo 35 minuti facciamo la prova stecchino e meglio ancora se possediamo un termometro da cucina possiamo misurare la temperatura interna.

Se si aggira intorno ai  95/97 gradi la colomba e’ cotta.

A questo punto sforniamola e attendiamo con ansia di gustarla!!!

Spero di essere stata molto chiara e dettagliata e vi assicuro che e’ di sicura riuscita.

Se decidiamo di utilizzare il lievito di birra fresco facciamo attenzione perchè la lievitazione è molto più veloce.

Possiamo a farla anche di mattina, in questo caso la metteremo nello stampo la sera lasciandola così tutta la notte.

Buona Pasqua!!!

Per qualsiasi chiarimento vi aspetto nella mia pagina Facebook Il Grembiulino Infarinato di Ale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.