Bavette al pesto di arancia e mandorle

Le bavette al pesto di arancia  e mandorle è un delizioso e raffinatissimo primo che si prepara in pochi minuti ma è talmente elegante da sembrare un vero piatto da gourmet.

Come per la maggior parte delle mie ricette ho preso spunto da un articolo molto interessante per poi adattarlo alle mie esigenze.

Le bavette al pesto di rancia e mandorle hanno tutto il profumo e il sapore di questo delizioso frutto ma non restano dolci perchè l’equilibrio è dato dalle mandorle.

Questo frutto secco infatti seppur dolce ha un retrogusto leggermente amaro che ben si sposa con l’arancia.

Per presentare qualcosa di sicuro effetto vi consiglio il tocco finale…la buccia dell’arancia stessa.

Allora curiosi di sapere il procedimento? Seguitemi nella semplice ricettina.

 

Bavette al pesto di arancia e mandorle, dose per 4 persone

  • 320 gr di bavette
  • 80 gr di mandorle
  • 1 arancia bio (succo+buccia grattugiata)
  • 25 gr di capperi dissalati
  • 2 cucchiai di olio
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Fare le Bavette al pesto di arancia e mandorle è molto semplice e richiede pochissimo tempo.

Innanzitutto prendiamo una buona arancia possibilmente bio, grattugiamo la buccia e teniamola da parte.

Quindi peliamola bene, tagliamola a tocchetti e mettiamola in un frullatore.

Aggiungiamo le mandorle, i capperi, due cucchiai di olio, un pizzico di sale e uno di pepe.

Azioniamo il frullatore omogeneizzando bene gli ingredienti tra loro fino ad ottenere il nostro pesto.

Ora non resta che lessare le bavette in abbondante acqua salata.

Una volta cotte trasferiamo le bavette insieme al pesto in un tegame e mantechiamo il tutto aggiungendo pochissima acqua di cottura,

Possiamo adesso impiattare e impreziosire la pietanza con la buccia di arancia lasciata da parte.

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.   

oppure sul mio profilo Twitter ed Instagram

Precedente Biscotti al latte di soia e nocciole Successivo Insalata invernale al melograno

Lascia un commento