Torta gianduia

Torta gianduia

Il gianduia è un preparato a base di cacao e nocciole.

La sua origine si fa risalire al 1806 e la sua invenzione è attribuita ai maestri cioccolatieri torinesi che cercavano il modo per ridurre l’apporto di cioccolato nei cioccolatini appunto.
Alla fine del Settecento infatti Napoleone Bonaparte aveva imposto il blocco delle importazioni dalla Gran Bretagna e dalle sue colonie.

Il prezzo del cacao era salito alle stelle, inoltre questo prodotto era sempre più difficile da reperire.
Era importante per i negozianti mantenere alta la qualità dei prodotti pur limitando la spesa economica.
Pertanto alcuni pasticceri provarono a sostituire parte del cacao con una crema di nocciole: veniva utilizzata la nocciola tonda gentile delle Langhe.
Il risultato fu spettacolare: un gusto intenso ma delicato che soddisfaceva anche i palati più raffinati.

Nel 1852 la composizione fu ottimizzata dai cioccolatai Michele Prochet e Caffarel che tostavano le mandorle prima di tritarle finemente.

Questi  aprirono una fabbrica di cioccolata a Torino che divenne molto rinomata.
Da questo impasto nacque nel 1865 il cioccolatino gianduiotto: dalla particolare forma triangolare simile ad una barca rovesciata, esso venne per la prima volta distribuito al pubblico durante la festa di carnevale dalla maschera Gianduia, da cui prese il nome.

Ora vediamo cosa serve per la preparazione di questa dolcissima e buonissima torta

Ingredienti

Procedimento
In un pentolino fate sciogliere a bagnomaria 30 gr di cioccolato fondente e poi aggiungete il burro e le nocciole pestate grossolanamente. Lasciate il composto in caldo e mescolatelo ogni 15-20 minuti in modo da far amalgamare tutti gli ingredienti. Separate i tuorli dagli albumi; montate i bianchi d’uovo a neve e sbattete i rossi insieme allo zucchero. Unite i tuorli, gli albumi montati a neve e il composto di cioccolato e burro.

Mescolate bene il tutto aggiungendo poco per volta la farina e la fecola di patate versandole a pioggia. Imburrate e infarinate una teglia di 22 cm di diametro e all’interno versatevi il composto ottenuto. Fate cuocere la torta per circa 40 minuti a 175°. Trascorso il tempo indicato, estraete la torta dal forno e fatela raffreddare a temperatura ambiente.

Nel frattempo, fate sciogliere a fuoco lento la panna da montare insieme al cioccolato fondente rimasto (90 gr). Fate poi raffreddare il composto che servirà per farcire il dolce. Tagliate in senso orizzontale la torta gianduia in 3 dischi e bagnateli leggermente con il rum o con un composto di acqua e zucchero.

Infine, componete la torta farcendo il primo strato con la crema di cioccolato fondente e panna; il secondo strato con la confettura di albicocche e il terzo con la crema gianduia.

Guarnire la torta con dei lamponi

This Post Has Been Viewed 880 Times

Precedente Cotechino in crosta di pane Successivo I biscotti Camporelli di Novara