Riso in padella con formaggio filante

Il riso in padella con formaggio filante è una ricetta che di solito preparo per riciclare il risotto avanzato dal giorno prima perchè si sa che in cucina non si butta via niente.

L’arte del riciclare è una vera e propria dote che nessuna donna di famiglia dovrebbe trascurare.

Reduci da un periodo particolare e molto brutto che segnerà un capitolato nella storia dell’umanità sono più che mai convinta che, in questo momento, l’arte del riciclo sia ancora più importante per far ritornare le persone alla consapevolezza del valore del cibo e ad un maggior rispetto dell’ambiente.

Basti pensare alle nostre nonne che un tempo, per esigenze di sopravvivenza, riciclavano quanto più possibile.

Ecco quindi che il pane avanzato e diventato secco lo si grattugiava per poi fare delle impanature o lo si utilizzava per la preparazione di dolci tipici come la torta moia, che in dialetto veneto significa torta bagnata.

Questo dolce veniva preparato utilizzando gli ingredienti presenti in casa.

La torta moia ha pochissima farina e zucchero e non prevede l’aggiunta di lievito, proprio perchè il pane è l’ingrediente principale.

Avanzi della carne lessa e di verdure si utilizzavano il giorno seguente per fare dei polpettoni o delle polpette al sugo.

Praticamente le nostre nonne e mamme riuscivano con pochi ingredienti  a ricreare piatti saporiti e genuini.

Per  questo non dobbiamo dimenticare ciò che abbiamo vissuto in questi ultimi mesi ed imparare sin da subito a riciclare gli avanzi in cucina.

In una ricetta che ho postato nel mio blog Il Club di Rossana ho preparato un ottimo antipasto riciclando le foglie verdi del porro, che in genere si buttano, ed è stato un successo. Per la ricetta clicca qui

Lo stesso si può fare con le bucce di patate, dopo averle lavate molto bene e tagliate a julienne si possono friggere ed accompagnare per un aperitivo.

Se per esempio se usate l’albume per certe ricette e non vi serve il tuorlo, quest’ultimo si utilizzerà per una buona maionese e così molti altri esempi.

Già in passato molti autori scrissero libri trattando dell’arte del riciclo tra cui Olindo Guerrini con “L’arte di utilizzare gli avanzi della mensa” e Petronilla con una rubrica di economia domestica sulla “Domenica del Corriere”.

Fondamentale, a quel tempo, era insegnare a mangiare bene e in questo il grande Pellegrino Artusi con il suo libro “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene“, del 1891 creò un successo unico, con una raccolta di 790 ricette.

Da sempre è considerato il libro più famoso e letto sulla cucina italiana ed anch’io non potevo non averlo nella mia cucina.

Ha contribuito a creare uno stile italiano della cucina raccogliendo le tradizioni di cucina diverse di ogni parte d’Italia.  Pertanto se non lo avete già acquistato vi consiglio di prenderlo o di farvelo regalare. Sono sicura che vi piacerà sia la sua lettura che provare le sue ricette.

La ricetta che vi propongo in questo articolo prevede il riutilizzo di riso che ci avanza del giorno prima. Per cui si prende il riso già cotto e nel caso fosse un riso bianco lo si può colorare con dello zafferano o della curcuma, ma quest’ultima ha un sapore particolare che non a tutti può piacere. Io per la mia ricetta ho usato la curcuma in quanto in famiglia piace a tutti ed inoltre ha molteplici benefici per la nostra salute.

Poi lo si farcisce con ciò che si ha in frigo, avanzi di formaggio morbido o filante, dei funghi, dei porri, del radicchio, insomma quello che avete in frigorifero.

Una volta farcito basterà cuocerlo in una pentola fino a che si forma la caratteristica crosticina croccante su una superficie.

Solo a questo punto, come si fa per la frittata, girare il riso aiutandovi con un coperchio oppure con un piatto e rimettere sul fuoco.

Ma vediamo quali sono gli ingredienti necessari.

INGREDIENTI

  • 320 g di riso già cotto
  • 50 g di burro
  • 1 bustina di zafferano oppure 1/2 cucchiaino di curcuma
  • mezzo bicchiere acqua calda
  • 40 g di Parmigiano reggiano
  • Formaggio filante
  • funghi già cotti
  • 100 gr prosciutto cotto

Procedimento

Prendete il riso avanzato e aggiungete la bustina di zafferano o la curcuma sciolta con un pò di acqua calda e mescolare per amalgamare il tutto.

Imburrate leggermente una padella, distribuitevi metà quantità di riso schiacciandolo con un cucchiaio di legno.

Farcitelo con ciò che avete in frigo; io ho utilizzato dei funghi, del prosciutto cotto e del formaggio filante.

Coprite con il restante riso sempre premendo con un cucchiaio di legno.

Per girare il riso potete usare un coperchio liscio o un piatto piano.

Aspettate che si sia dorato anche dall’altra parte e impiattate.

Io per questo piatto ho deciso di impiattare il riso in un coppa pasta, per cui ho prelevato del riso con una paletta e l’ho inserito all’interno del coppa pasta premendo leggermente con un cucchiaio.

Non appena lo mangerete sentire una bontà al palato in quanto la curcuma  con i funghi, il prosciutto cotto e il formaggio filante crea una delicatezza al palato che vi stupirà.

This Post Has Been Viewed 19 Times