Mojito

 

mojito

 

Vi siete mai chiesti perchè questo cocktail si chiama in questo modo?

Fonti diverse dicono che potrebbe derivare dal nome di un condimento cubano, il mojo usato per la marinatura, oppure anche dalla parola spagnola, mojadito che significa leggermente umido.

Gli Ingredienti

5/10 di rum chiaro invecchiato da 1 a 3 anni

5/10 di acqua frizzante, o in alternativa schweppes

3 o 4 pezzetti di lime

3 cucchiaini di zucchero di canna (meglio ancora semolato)

foglie di menta

ghiaccio tritato

Procedimento

La preparazione di questo cocktail si fa direttamente nel bicchiere. Preparate il lime lavandolo e tagliandolo a pezzetti. Mettete nel bicchiere i pezzetti di lime e aggiungete due o tre cucchiaini di zucchero di canna. Pestate bene il tutto in modo tale da spremere il lime e impastare il tutto con lo zucchero. Aggiungete qualche fogliolina di menta nel bicchiere. Tritate del ghiaccio, potete usare un frullatore per fare questa operazione, e usatelo per riempire il bicchiere fino all’orlo. Versate il rum e l’acqua frizzante.Visto che le dosi sono 5/10 di rum e altri 5/10 di acqua frizzante, potete regolarvi riempiendo per metà il bicchiere con il rum e poi completare di colmarlo con l’acqua frizzante. Aggiungete qualche altra fogliolina di menta e mescolate per bene con un cucchiaio per far risalire lo zucchero e il lime.

Servire con una cannuccia, che aiuterà a bere evitando i pezzetti di lime e qualche granello di zucchero dal fondo del bicchiere.

Come decorazione si può applicare al bordo del bicchiere una fetta di lime.

Suggerimenti Occhio alla menta. Un mojito servito in inverno potrebbe presentarsi amaro a causa della menta, per questo è importante che la menta sia fresca e che ovviamente tutti gli ingredienti siano di prima qualità. Per questo è preferibile consumare il Mojito in estate, nei mesi in cui la menta è più matura e meno aspra

 

This Post Has Been Viewed 72 Times

Precedente L'aceto balsamico tradizionale Successivo Il ravanello e le sue proprieta'