Il Birramisù

birramisù

In un precedente articolo in cui sono stata ospite all’evento “Formaggio in Villa 2016″ presso Villa Braida di Mogliano Veneto, vi ho raccontato della bellissima giornata trascorsa in compagnia di mia figlia in cui ho avuto l’opportunità di conoscere molte persone e produttori di prodotti locali e nazionali, tra cui l’azienda Birra Camerini di Piazzola Sul Brenta, birrificio che con la produzione artigianale delle loro birre sono in grado di trasmettere sensazioni indescrivibili a chi le assaggia.

Ed è grazie alla guida Maurizio, Sales Manager del Birrificio che sono venuta a conoscenza della qualità dei loro prodotti e del loro processo di produzione e parlando di varie cose, tra le quali del mio blog e della mia passione per il food, mi chiese  se avevo mai assaggiato il Birramisù.

Quando ti chiedono se hai mai provato il birramisù, ovvero il tiramisù con la birra, e tu non hai mai sentito nominare una cosa del genere, da amante della birra e delle cose particolari, devi per forza provare a farlo e vedere che sapore ha.

A questa domanda vi assicuro che mi si è accesa una lampadina di curiosità ed essendo io molto curiosa nel sperimentare nuove ricette e abbinamenti di prodotti sino ad allora non conosciuti, non ho potuto non chiedere di cosa si trattasse.

Mi  è stato consigliato di preparare questo dolce con la loro birra la Selvaggia in quanto è una birra speciale nera, dalla schiuma cremosa color nocciola. Possiede un corpo setoso, merito dell’avena utilizzata nel brassaggio.

L’intenso aroma di torrefatto ricorda il caffè ed il cioccolato fondente che rimangono anche nel retrogusto.Il corpo pieno è bilanciato da una gradazione alcolica relativamente bassa.

Naturalmente mi sono documentata in materia e mi sono resa conto che il tiramisù fatto con la birra è la nuova frontiera del dessert della tradizione italiana che tutto il mondo ama e che è noto con il nome di birramisù.

ll segreto per realizzarlo è quello di utilizzare una birra particolare, dal colore e dal sapore in grado di ricordare il caffè, come la Birra la Selvaggia dell’azienda Birra Camerini di Piazzola Sul Brenta.

Vi consiglio di prepararlo il giorno prima in modo tale da esaltare maggiormente il sapore della birra e far in modo che la crema si addensi.

Il Birramisù è una versione diversa del classico tiramisù senza sconvolgere completamente la versione classica: il procedimento e gli altri ingredienti (mascarpone, panna, savoiardi, uova, zucchero) restano invariati rispetto alla ricetta classica, solo la bagna al caffè viene sostituita dalla birra .

Ricetta birramisù –

Ingredienti per una teglia quadrata da 20 cm

1 confezione da 200 g di savoiardi

4 tuorli +150 gr di zucchero

250 g mascarpone

per la bagna :

1 Birra la Selvaggia dell’azienda Birra Camerini

per la decorazione:

cacao amaro

Procedimento

  1. battete i tuorli (tenete da parte gli albumi) con lo zucchero con una frusta. Dovete ottenere un composto spumoso.
    Unite il mascarpone.
  2. Montate gli albumi con un pizzico di sale e aggiungeteli al mascarpone. Lavorate delicatamente con una spatola.
  3. Bagnate i savoiardi nella birra e componete il vostro tiramisù: fate uno strato di biscotti sul fondo della teglia.
  4. Coprite con la crema al mascarpone e fate un nuovo strato di biscotti bagnati nella birra.
    Procedete in questo mondo alternando gli strati.
  5. Completate con il mascarpone e infine coprite con la polvere di cacao.

Devo dire che la mia curiosità è stata premiata. 

Il birramisù è un dolce fantastico che viene esaltato da un’ottima birra che conferisce, al dolce stesso, un sapore dolce con una nota che ricorda molto il caffè.

IL CLUB DI ROSSANA ringrazia Maurizio e il titolare del Birrificio Camerini di Piazzola Sul Brenta, per avermi fatto conoscere i loro prodotti e la possibilità di realizzare con essi un Birramisù esaltante.

Che dite, siete curiosi di affondare il cucchiaino nel birramisù , fatelo vi assicuro che ne vale la pena.

This Post Has Been Viewed 217 Times

Precedente Il CLUB DI ROSSANA a Formaggio in Villa 2016 Successivo Carpaccio di polpo sulla Voce del Veneto Centrale