Coltivazione delle balle di funghi

balle-di-funghi
L’atro giorno andando al supermercato a fare la spesa sono stata attratta da queste divertenti forme di contenitori insoliti ma che racchiudono un grande segreto, ovvero la possibilità di coltivare da soli degli ottimi funghi.
Le coltivazioni di balle di funghi, sono sempre state un difficile scoglio da portare nelle nostre case. L’eccitante voglia di andare per boschi, che non sempre sono vicini alla nostra casa, non permette tale divertimento.
Cosa fare?
Comprare delle balle di funghi e creare il proprio orto.
Le balle, solitamente, si presentano di diversa misura e sono racchiuse da una pellicola con fori da dove, trascorso il periodo di maturazione, inizieranno ad uscire i nostri funghi. Non è assolutamente impossibile coltivare i funghi, poiché non è necessario dedicare a loro molto tempo ma solo pochi minuti al giorno.Occorre nebulizzare dell’acqua sulle ballette e dopo circa 10 giorni vedrete iniziare la propria produzione a prendere forma, iniziando da un piccolo grappolo compatto che giorno dopo giorno darà conferma alle proprie aspettative.
Balla funghi pleurotus

Ma ora viene da chiedersi, come scegliere quelle giuste?

L’acquisto di balle per le coltivazioni di funghi, varia per tipologia e forma poiché è da tenere in considerazione se la produzione è su grandi quantità o piccole di uso proprio.

Le balle sono quasi tutte confezionate in plastica, con fori atti a far germogliare le spore e così dare inizio alla produzione dei funghi.

Possono essere collocate in cantina o in posti che non abbiano luce diretta ma in penombra.

 balle funghi

Importante è l’irrigazione costante, utilizzando un normale nebulizzatore, bisogna ogni mattina effettuare l’operazione direttamente sulla plastica che avvolge la confezione e non va ripetuta durante la giornata, l’eccessiva irrigazione potrebbe invertire il processo e far marcire l’intera balla in modo irreversibile.

Pertanto non va esposta al sole nel tentativo di far evaporare eventuale acqua in eccesso.

Che ne dite, proviamo?

This Post Has Been Viewed 800 Times

Precedente Colazione con le tovagliette dell'azienda Nicky Successivo La tisana al carciofo