Bastoncini di zucca

Bastoncini di zucca

Contrariamente a quanto si possa pensare, la zucca, dolcissima e gustosa, è un alimento amico delle diete povere di calorie, adatta persino ai diabetici per la scarsità in termini glucidici. Nonostante gli impieghi della zucca in cucina siano davvero numerosissimi, non dobbiamo dimenticare che la pianta – grazie alle innumerevoli proprietà benefiche – viene assai utilizzata anche in ambito erboristico, fitoterapico e cosmetico.
I semi, come abbiamo visto nel precedente articolo, possono essere mangiati previa salatura ed essiccazione (od arrostimento in forno); anche i fiori sono mangerecci, e sono squisiti fritti o, semplicemente, scottati in padella come base per frittate o pasta.
Proprietà della zucca

La polpa di zucca si presta eccellentemente a mille impieghi: infatti, dopo averla privata della scorza – procedura comunque piuttosto complessa perché molto dura e massiccia – la zucca può essere cotta a vapore o bollita per preparare zuppe e minestroni, ma può essere anche tagliata a cubetti e cucinata in padella come le classiche patate arrosto, aggiungendo quindi olio extravergine d’oliva, sale, pepe e – a chi piace – anche il rosmarino.

Un metodo alternativo per preparare la zucca è la cottura al forno: dopo aver tagliato la zucca a metà, privata dei semi ed accuratamente lavata, può essere tagliata a spicchi e cucinata direttamente in forno.

Ma gli impieghi della zucca in cucina non sono ancora finiti: infatti, la polpa lessata o cotta in padella, dopo essere stata schiacciata, può costituire la base per torte e dolcetti originali.

Vediamo come preparare questi Bastoncini di zucca
Per 4 persone:
1 kg. di polpa di zucca,
80 g. di farina,
 olio, sale

Sbucciate la zucca  tagliate la polpa a grossi bastoncini, lessatela per 2 minuti in acqua con un po’ di sale. Sgocciolate bene su un canovaccio, poi infarinateli. Friggeteli, pochi per volta, in olio abbondante ben caldo per 3-4 minuti, facendo attenzione a non romperli. 

Scolateli su carta da cucina.

This Post Has Been Viewed 125 Times

Precedente Strudel di mele Successivo Il tronchetto natalizio con la Nocciolata Rigoni