Crea sito

Verdure saltate alla cinese, ricetta

Se amate il cibo cinese, sicuramente sapete di cosa sto parlando. Queste verdure saltate, infatti, sono diffusissime nei ristoranti cinesi in Italia e nel mondo e sono quelle verdure croccanti e saporite che costituiscono il ripieno degli involtini primavera: cavolo cappuccio, carote e porro, a cui volendo si possono aggiungere i germogli di soia, vengono cotte velocemente nello wok e insaporite con la salsa di soia. Le verdure saltate alla cinese, oltre che per gli involtini primavera, si possono usare per condire del riso basmati, degli spaghetti di riso, oppure si possono mangiare come contorno dei tipici secondi cinesi (pollo alle mandorle, pollo al limone), accompagnate da un po’ di salsa agrodolce. Preparare le verdure saltate alla cinese è facile e veloce, anche perché la cottura nello wok deve essere rapida ed effettuata a fiamma alta perché rimangano croccanti e gustose. A tale scopo è importante tagliare le verdure a bastoncini sottili e questa è l’unica parte della ricetta un po’ noiosa, ma volendo potete anche usare un robot da cucina con il disco per le verdure julienne. Indispensabile per dare alle verdure saltate il tipico sapore della cucina cinese è la salsa di soia, da aggiungere quasi a fine cottura. Servite le verdure saltate appena fatte, oppure lasciatele raffreddare molto bene se dovete usarle per riempire gli involtini primavera 😉

Verdure saltate alla cinese ricetta il chicco di mais

Ricetta delle verdure saltate alla cinese

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g di foglie di cavolo cappuccio bianco
  • 300 g di carote
  • 120 g di porro
  • 3 cucchiai di salsa di soia (se siete celiaci, controllate le marche consentite. Io uso Tamari Lima)
  • Un filo di olio extravergine di oliva
  • Un pizzico di sale

Procedimento (preparazione: 15 min. cottura: 6-7 min.)

Per preparare le verdure saltate alla cinese, iniziate staccando le foglie di cavolo. Pesatele in modo che siano circa 350 g, lavatele e asciugatele. Quindi eliminate la parte centrale, più dura, arrotolatele e tagliatele a listarelle (1). Eliminate la parte più verde del porro, tagliatelo a metà e quindi a listarelle (2). Lavate e raschiate le carote e tagliatele a julienne (3).

Verdure saltate alla cinese ricetta il chicco di mais 1

In uno wok o in una padella antiaderente dai bordi alti fate scaldare l’olio (4). Quando sarà bello caldo, calate prima le carote e il porro (5). Mescolate per un paio di minuti e unite anche il cavolo (6). Salate leggermente, considerando che poi aggiungerete la salsa di soia che è già saporita, e cuocete le verdure saltate a fiamma intensa per 3-4 minuti.

Verdure saltate alla cinese ricetta il chicco di mais 2

Quindi sfumate con la salsa di soia (7) e, sempre mescolando, fatela amalgamare alle verdure saltate per un minuto circa (8). A questo punto, se volete potete unirvi del riso basmati o degli spaghetti di riso già lessati.

Verdure saltate alla cinese ricetta il chicco di mais 3

Altrimenti spegnete il fuoco e servite le verdure saltate alla cinese subito, da sole o accompagnate dalla tipica salsa agrodolce.

Nota: se volete usare le verdure saltate per riempire gli involtini primavera, lasciatele raffreddare completamente prima di farcire la pasta degli involtini, altrimenti potrebbe rompersi. Nei negozi di cibo etnico o nei supermercati più forniti vendono gli involucri già pronti per gli involtini primavera, che vanno farciti con le verdure saltate, sigillati con un po’ di acqua e fritti in abbondante olio bollente.

Se ti è piaciuta la ricetta delle verdure saltate alla cinese visita qui la sezione dedicata alla cucina cinese e segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+!

5 Risposte a “Verdure saltate alla cinese, ricetta”

  1. io si so di cosa parli!!ho imparato ad amare anche la cucina cinese e le verdure che ci sono dentro gli involtini sono strepitose…sarebbero queste?uhm mamma mia!!le devo fare…
    buonagiornata fra 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.