Risotto al melograno (ricetta raffinata)

Il risotto al melograno è un primo piatto insolito e raffinato, perfetto da servire in un’occasione speciale, come può essere Natale o Capodanno, tanto più che il melograno per tradizione è considerato un frutto portafortuna: i suoi bei chicchi rossi e succosi sono infatti sinonimo di abbondanza e si prestano bene ad essere usati anche come elementi decorativi natalizi. Dal gusto delicato e fresco, il risotto al melograno si inserisce bene come primo vegetariano sia all’interno di un menu di pesce che di carne. Del melograno in questo risotto si usa principalmente il succo, ricavato spremendo i chicchi con uno schiacciapatate: il suo sapore leggermente aspro viene poi bilanciato da quello più dolce della robiola, usata per mantecare il piatto. Il risotto al melograno risulta così un piatto cremoso e originale.

Risotto al melograno ricetta raffinata il chicco di mais

Ricetta del risotto al melograno

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 g di riso
  • 1 melograno maturo
  • 150 g di robiola
  • ¼ di cipolla
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • Acqua o brodo vegetale qb
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale

Procedimento (preparazione: 10 min. cottura: 20 min.)

Per preparare il risotto al melograno, iniziate tagliando il melograno a metà (1) e sgranate i chicchi con le mani (attenzione perché macchiano!). Raccoglieteli in una ciotola e mettetene pochi per volta nel bicchiere dello schiacciapatate (2). Tenetene da parte circa 4 cucchiai per decorare i piatti. Schiacciateli bene per spremerne il succo (3).

Risotto al melograno ricetta raffinata il chicco di mais 1

In una pentola fate dorare a fuoco basso la cipolla tritata nell’olio (4). Unite il riso e fatelo tostare per un paio di minuti (5). Salate leggermente, alzate la fiamma e sfumate con il vino bianco (6). Lasciate evaporare per qualche minuto, finché non sentirete più l’odore del vino, quindi riabbassate la fiamma e unite un mestolino di brodo vegetale o di acqua calda.

Risotto al melograno ricetta raffinata il chicco di mais 2

Continuate a cuocere il riso per 6-7 minuti, mescolando sempre (7). Trascorsi questi minuti, aggiungete anche il succo di melograno (8), regolate di sale e mescolate bene (9). Continuate a cuocere il risotto al melograno per altri 6-7 minuti, finché il riso non sarà cotto, mescolando sempre e unendo altra acqua o brodo quando serve.

Risotto al melograno ricetta raffinata il chicco di mais 3

Quando il riso sarà giunto a cottura, unite la robiola a pezzetti (10) e mantecate il risotto al melograno per un minuto circa, finché la robiola non si sarà ben amalgamata al resto (11). Spegnete il fuoco e fate riposare per un minuto o due. Dividete il risotto nei piatti di portata e decorate con i chicchi di melograno tenuti da parte (12).

Risotto al melograno ricetta raffinata il chicco di mais 4

Servite il risotto al melograno subito.

Se ti è piaciuta la ricetta del risotto al melograno segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+ e non perderti la sezione del blog dedicata al Natale!

Precedente Nuova collaborazione con Morgante – Grandi Amici in 1 minuto Successivo Cornetti di sfoglia salati ai wurstel (ricetta stuzzichino)

7 commenti su “Risotto al melograno (ricetta raffinata)

  1. ah ecco….appena ho letto melograno mi è venuto un pò male,perchè io odio i chicchi…lo so sono pazza!!però ho visto che usi il succo,così va decisamente meglio e lo voglio decisamente fare!!!!:-)
    mi gusta un bel pò….
    ciao fra buona giornata

  2. giovanna marchioli il said:

    particolare di effetto ma buonissimo, al posto della robiola ho usato della ricotta mista di pecora e capra, il contrasto dolce e leggermente aspro della melagrana lo rende particolarmente originale, e incuriosisce il palato di qualsiasi commensale.

    • ilchiccodimais il said:

      Grazie Giovanna, in effetti anche la ricotta è un formaggio che si presta bene a questa preparazione, grazie per lo spunto 😉

    • ilchiccodimais il said:

      Ernesto dipende dai gusti, non ci sta male sai? In ogni caso se non ti piace puoi ometterlo, verrà buono anche senza 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.