Carciofi in padella

I carciofi in padella o carciofi trifolati sono un contorno semplice e appetitoso, forse il modo più facile e veloce per cucinare i carciofi. Qui a Roma i carciofi sono quasi un’istituzione e già dal mese di novembre se ne trovano tanti e di varie qualità: sebbene siano molte le ricette con i carciofi che amo cucinare, i carciofi trifolati in padella sono forse quella che preparo più spesso, proprio perché in questo modo i carciofi cuociono in fretta e rimangono sempre morbidi e saporiti.

Per preparare i carciofi in padella potete utilizzare qualsiasi varietà di carciofo: violetti, romaneschi, sardi, spinosi… il nostro bel paese ne produce moltissime varietà; chiaramente se utilizzate carciofi più piccoli è bene aggiungerne un paio in più. Per preparare i carciofi in trifolati in padella, dopo averli puliti, dovrete tagliarli a fette, quindi rosolarli brevemente in insieme a un po’ di aglio. Per facilitare la cottura dei carciofi è bene bagnarli con poco liquido – acqua, brodo o, se preferite, un po’ di vino bianco – e cuocerli per un decina di minuti con il coperchio. I carciofi in padella vengono insaporiti normalmente con foglioline di menta e prezzemolo tritato.

Ti potrebbero interessare anche queste ricette:

carciofi in padella trifolati ricetta facile e veloce per cucinare i carciofi morbidi il chicco di mais
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura12 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàAutunno, Inverno e Primavera

Ingredienti per i carciofi in padella

4 carciofi mammole (oppure 6 più piccoli)
1 spicchio aglio
100 ml brodo vegetale (oppure acqua)
Qualche foglia menta (o mentuccia)
1 ciuffo prezzemolo
5 cucchiai olio extravergine d’oliva
q.b. sale
q.b. pepe
1 limone (per pulire i carciofi)

Come preparare i carciofi trifolati in padella

Per preparare i carciofi in padella iniziate pulendo i carciofi, che poi è l’operazione che per questa ricetta vi richiederà più tempo. Qui trovate il tutorial passo passo con video, utile sia per i carciofi tondi tipo i romaneschi, sia per quelli dal fiore più sottile.

Man mano che il pulite, metteteli a bagno in acqua e succo di limone per non farli annerire (1). Tagliateli quindi a metà, eliminate eventuale peluria interna, e tagliateli a fette spesse circa mezzo cm (2).

carciofi in padella trifolati ricetta facile e veloce per cucinare i carciofi morbidi il chicco di mais 1 pulire e tagliare carciofi

Fate scaldare 4-5 cucchiai di olio in un’ampia padella antiaderente insieme allo spicchio di aglio sbucciato (3). Quando l’aglio sarà appena dorato unite i carciofi (4) e lasciateli rosolare per un minuto circa a fiamma vivace.

carciofi in padella trifolati ricetta facile e veloce per cucinare i carciofi morbidi il chicco di mais 2 rosolare carciofi

Conditeli con un bel pizzico di sale, una macinata di pepe e con la menta tritata (5). Mescolate bene e bagnateli con mezzo bicchiere circa di acqua calda o di brodo vegetale (6).

carciofi in padella trifolati ricetta facile e veloce per cucinare i carciofi morbidi il chicco di mais 3 condire carciofi

Coprite la padella con un coperchio che abbia un piccolo foro per far fuoriuscire il vapore (7), oppure con un coperchio normale mettendo un mestolo di legno tra questo e la padella e lasciate cuocere i carciofi trifolati per circa 10 minuti a fiamma dolce.

Trascorso il tempo, togliete il coperchio, eliminate l’aglio e assaggiate i carciofi: devono essere teneri ma non sfatti (8). Se dovesse esserci ancora troppa acqua sul fondo lasciateli cuocere scoperti per un minuto circa, altrimenti spegnete il fuoco.

carciofi in padella trifolati ricetta facile e veloce per cucinare i carciofi morbidi il chicco di mais 4 cuocere carciofi

Guarnite i carciofi in padella con un po’ di prezzemolo tritato e serviteli subito.

Come conservare i carciofi trifolati

I carciofi trifolati si conservano in frigorifero, chiusi in un contenitore di vetro, per 3 giorni.

Perché i carciofi rimangono duri?

Per la mia esperienza, la maggior parte delle volte questo dipende dal fatto che non sono stati puliti a dovere: sebbene possa sembrare uno spreco, le foglie esterne del carciofo e le punte sono molto dure e fibrose e possono rimanere tali anche dopo una cottura prolungata. Vanno quindi eliminate prima di cuocerli, senza troppo rammarico. Potrebbe dipendere anche dalla qualità dei carciofi stessi, specialmente se non sono molto freschi.

Non perderti le nuove ricette del Chicco di Mais, seguimi su FacebookInstagram e Pinterest!

In questo articolo sono presenti link di affiliazione

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.