Crea sito

Ravioli di carnevale alla Nutella

Tra i tanti dolci di carnevale che allietano questo periodo dell’anno, i ravioli fritti alla Nutella sono forse i più golosi e quelli che attirano maggiormente sia i grandi che i bambini. I ravioli di carnevale alla Nutella sono preparati con una sfoglia croccante simile all’impasto delle chiacchiere che, una volta stesa, viene farcita e ritagliata proprio come si fa con i ravioli di pasta.

Una volta fritti nell’olio bollente, i ravioli di carnevale alla Nutella si gonfiano leggermente e, se ben sigillati – e vi spiegherò anche qual è il segreto per non farli aprire in cottura – mantengono al loro interno un cuore morbido di Nutella che farà gola a tutti. I ravioli di carnevale alla Nutella si possono preparare facilmente anche in versione senza glutine, utilizzando un mix per pasta fresca glutenfree. Il procedimento per prepararli è lo stesso e il risultato direi ottimo, tanto che si fa fatica a distinguerli da quelli glutinosi (quelli che vedete in foto sono proprio senza glutine).

ravioli di carnevale alla nutella ricetta tradizionale e senza glutine il chicco di mais
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni30 pezzi
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Se preparate i ravioli fritti senza glutine, controllate che lo zucchero a velo abbia la scritta “senza glutine” in etichetta; per quel che riguarda il liquore, se è addizionato con aromi o altre sostanze deve avere la scritta “senza glutine”, altrimenti è sempre sicuro.
  • 280 gFarina 00 (per la versione senza glutine ho usato 250 g di mix pasta Nutrifree)
  • 2Uova (medie)
  • 50 gZucchero
  • 50 gBurro
  • 30 mlAcqua
  • 1 cucchiaioGrappa (o altro liquore)
  • 2 pizzichiBicarbonato
  • 1 pizzicoSale
  • 250 gNutella® (circa)
  • q.b.Olio di semi di arachide (per friggere)
  • q.b.Zucchero a velo (per guarnire)

Strumenti

Per stendere l’impasto dei ravioli alla Nutella io ho usato la macchina per la pasta, ma in alternativa si può usare un mattarello.
  • Mattarello
  • Macchina per la pasta
  • Pellicola per alimenti
  • Rotella dentata
  • Pennello
  • Ciotola
  • Padella

Come preparare i ravioli fritti alla Nutela

  1. ravioli di carnevale alla nutella ricetta tradizionale e senza glutine il chicco di mais 1 mescolare uova e farina

    Per preparare i ravioli di carnevale alla Nutella iniziate facendo ammorbidire il burro a temperatura ambiente per 15-20 minuti, finché non assume la consistenza di una pomata (1). Per velocizzare l’operazione potete tenerlo per 5 minuti nel forno spento con la luce accesa. Mescolate farina, zucchero e bicarbonato e versateli sul piano di lavoro formando una fontana (2). In una ciotola a parte sbattete leggermente con una forchetta le uova con il sale, quindi versatele al centro della fontana. Iniziate ad amalgamare la farina alle uova con una forchetta, procedendo dal centro della fontana verso l’esterno (3).

  2. ravioli di carnevale alla nutella ricetta tradizionale e senza glutine il chicco di mais 2 unire burro

    Quando il composto con le uova inizia ad addensarsi versatevi anche l’acqua e il liquore (4) e continuate a incorporare la farina, sempre partendo dal centro e allargandovi verso l’esterno della fontana. Non appena il composto inizia ad assumere una consistenza più solida aggiungete il burro morbido (5) e iniziate a impastare con le mani, incorporando man mano tutta la farina (6).

  3. ravioli di carnevale alla nutella ricetta tradizionale e senza glutine il chicco di mais 3 stendere la sfoglia

    Lavorate l’impasto dei ravioli di carnevale per circa 5 minuti, fino a ottenere un composto omogeneo e compatto. Formate a questo punto un panetto (7), avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigorifero per 30 minuti. Una volta trascorso il tempo di riposo, dividete il panetto in due metà. Mentre lavorate la prima metà lasciate l’altra in frigorifero.

    Se preparate i ravioli di carnevale usando il mattarello, stendete l’impasto in una sfoglia molto sottile (1, massimo 2 mm). Ricavatevi delle strisce alte circa 12 cm.

    Se usate la macchina per la pasta, appiattite prima l’impasto con un mattarello (8). Infarinatelo leggermente e passatelo nei rulli impostati al massimo spessore (9).

  4. ravioli di carnevale alla nutella ricetta tradizionale e senza glutine il chicco di mais 4 riempire i ravioli

    Ripiegate l’impasto a metà e passatelo nuovamente tra i rulli al massimo spessore. Ripetete queste operazioni (passare l’impasto fra i rulli, piegarlo a metà e ripassarlo nuovamente) 2 o 3 volte, finché non otterrete una sfoglia liscia. Ora potete diminuire man mano lo spessore dei rulli, fino a stendere l’impasto molto sottile (circa 1 mm di spessore, nella mia macchinetta è la posizione 5) (10). A questo punto, sia che abbiate usato il mattarello o la macchinetta, avrete delle strisce di sfoglia alte circa 12 cm. Disponete nella metà inferiore delle strisce piccole quantità di nutella (1 cucchiaino scarso) distanziandole di 3-4 cm l’una dall’altra (11). Spennellate con un po’ di acqua i bordi dell’impasto e anche gli spazi tra un mucchietto di Nutella e l’altro (12). In questo modo i due lembi di pasta si attaccheranno meglio e i ravioli non si apriranno in cottura.

  5. ravioli di carnevale alla nutella ricetta tradizionale e senza glutine il chicco di mais 5 chiudere i ravioli

    Ripiegate la parte superiore della sfoglia su quella inferiore, facendo uscire bene l’aria. Sigillate quindi tutti i bordi premendo delicatamente con le dita (13). Formate i ravioli di carnevale alla Nutella tagliandoli con una rotella dentellata (14) o semplicemente con un coltello. Assicuratevi che i bordi dei ravioli siano ben sigillati premendoli ancora con le dita. Una volta formata la prima metà dei ravioli, procedete allo stesso modo con la seconda metà dell’impasto. Con queste dosi a me ne sono venuti 30, ma dipende molto dalla grandezza che volete dare ai ravioli stessi.

  6. ravioli di carnevale alla nutella ricetta tradizionale e senza glutine il chicco di mais 6 friggere i ravioli

    Scaldate abbondante olio di arachide in una padella. La temperatura ottimale per friggere i ravioli di carnevale è 180°: se non avete un termometro da cucina potete fare la prova con un ritaglio di impasto, se appena immerso inizia a fare le bollicine e risale subito a galla significa che l’olio è sufficientemente caldo. Friggete pochi ravioli alla Nutella per volta (15) per non abbassare troppo la temperatura. Dopo 40-50 secondi, girateli e fateli dorare anche dall’altro lato (16). Una volta fritti, scolateli con un mestolo forato e fateli asciugare su un foglio di carta da cucina (17).

  7. Servite i ravioli di carnevale alla Nutella caldi o a temperatura ambiente, leggermente spolverizzati con lo zucchero a velo.

Note

Conservazione

Potete conservare i ravioli fritti alla Nutella a temperatura ambiente per 2 o 3 giorni.

Consigli e varianti

Per un risultato ottimale è bene che la sfoglia sia stesa molto sottile e uniforme. Io ho usato la macchinetta e sono venuti molto bene, ma se avete dimestichezza con il mattarello riuscirete senz’altro a ottenere ottimi risultati.

Per sigillare bene i ravioli io ho spennellato la sfoglia semplicemente con dell’acqua, ma in alternativa si può usare anche dell’albume precentemente sbattuto. Con la stessa ricetta potete preparare dei ravioli di carnevale alla marmellata o alla ricotta.

Se non volete friggere, potete preparare i ravioli alla Nutella al forno: disponeteli su una teglia rivestita di carta da forno e spennellateli leggermente con dell’olio di semi. Cuoceteli a 180° (forno statico) per circa 10 minuti o finché non sono dorati. È bene specificare, comunque, che il risultato non è proprio lo stesso dei ravioli fritti, perché in forno la pasta tende un po’ a indurire.

Se cercate altre idee, qui trovate tutti i miei dolci di carnevale, anche in versione glutenfree!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.