Crea sito

Pinza o pinsa dolce di polenta

La pinza o pinsa dolce di polenta è una ricetta tipica veneta preparata generalmente per la Befana, un dolce tradizionale e antichissimo che, come tutte le ricette di origine povera e contadina, vanta tantissime varianti, più o meno sostanziali. Tanto per cominciare esiste una pinsa dolce a base di pane raffermo e una a base di farina di mais, che è appunto quella che vi mostro io oggi. Entrambe queste versioni possono essere poi arricchite con gli ingredienti più disparati, che sono poi quelli che anticamente si avevano in dispensa: l’uvetta è onnipresente, così come gli aromi tipici di scorza di arancia, scorza di limone e semi di anice. C’è poi chi aggiunge mele a pezzetti, fichi secchi, canditi, pinoli o altra frutta secca.
Difficile quindi rintracciare la ricetta originale della pinsa veneta dolce, poiché ogni zona e forse ogni famiglia custodisce la propria. La pinsa dolce di polenta si presenta come una torta bassa e umida, di colore giallo e con una leggera crosticina sulla superficie. Ha un sapore aromatico e delicato, la cui dolcezza è legata soprattutto alla quantità di uvetta e frutta che si aggiunge all’impasto di base, che di per sé non è molto dolce. La preparazione è molto semplice: si fa cuocere sul fornello una polenta piuttosto lenta, a cui si aggiungono poi, fuori dal fuoco, la farina e gli altri ingredienti. Infine si cuoce il tutto in forno per un’oretta. La pinsa dolce di polenta è ottima servita fredda e, benché sia un dolce tipico della festa della Befana (vi rimando a fine articolo per la bella tradizione che lega la pinsa veneta all’Epifania), si può servire tutto l’anno come dolce da fine pasto, magari accompagnato da un bel bicchierino di grappa.

pinza o pinsa dolce di polenta torta veneta per la befana ricetta tradizionale per l'epifania il chicco di mais
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione50 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaRegionale Italiana

Ingredienti per la pinza veneta di polenta

Per preparare la pinza di polenta senza glutine ho sostituito la farina 00 con pari peso di un mix per dolci glutenfree. Se siete celiaci controllate che la farina di mais abbia in etichetta la scritta “senza glutine”, così come i canditi se decidete di utilizzarli.
  • 150 gfarina di mais
  • 1 lacqua (circa)
  • 50 gburro
  • 125 gzucchero
  • 100 gfarina 00
  • 70 guvetta (oppure 35 g di uvetta + 35 g di canditi)
  • 1mela (piccola, circa 150 g)
  • 2 gsemi di anice
  • 2 cucchiainiscorza d’arancia (grattugiata)
  • 2 cucchiainiscorza di limone (grattugiata)
  • 1 bicchierinograppa
  • 5fichi secchi (facoltativi)

Strumenti

  • 1 Pentola dal fondo spesso
  • 1 Cucchiaio di legno
  • 1 Tortiera quadrata 24×24 cm
  • Carta forno

Come preparare la pinza veneta o pinsa dolce di polenta

  1. Per preparare la pinsa dolce di polenta iniziate facendo ammollare l’uvetta nell’acqua tiepida (1). Preparate quindi la polenta: mettete a bollire un litro di acqua senza sale e, quando inizia a sobbollire, unite la farina di mais a pioggia, mescolando subito con un cucchiaio di legno per non formare grumi (2).

  2. pinza o pinsa dolce di polenta torta veneta per la befana ricetta tradizionale per l'epifania il chicco di mais 1 fare la polenta

    Cuocete la polenta per 40 minuti, mescolando costantemente. È bene tenere vicino un pentolino di acqua bollente, in modo da poterne aggiungere un po’ all’occorrenza, se la polenta dovesse stringersi troppo. A fine cottura, infatti, deve risultare abbastanza morbida (3).

  3. Quando la polenta è cotta spegnete il fuoco e, finché è ancora bollente, unitevi il burro a pezzetti (4) facendolo sciogliere completamente e mescolando bene per incorporarlo alla polenta.

  4. pinza o pinsa dolce di polenta torta veneta per la befana ricetta tradizionale per l'epifania il chicco di mais 2 unire burro e zucchero

    Togliete il tegame dal fuoco e unitevi lo zucchero (5). Mescolate con cura per unirlo alla polenta, quindi aggiungete la scorza di arancia, la scorza di limone e i semi di anice (6). Unite anche la grappa.

  5. Passate quindi ad aggiungere la farina in due o tre riprese (7) amalgamandola bene con il cucchiaio di legno prima di incorporarne dell’altra. A questo punto l’impasto della pinsa dolce sarà più consistente (8).

  6. pinza o pinsa dolce di polenta torta veneta per la befana ricetta tradizionale per l'epifania il chicco di mais 3 unire frutta

    Sbucciate la mela, privatela del torsolo e tagliatela a tocchetti. Scolate e strizzate l’uvetta. Tagliate a pezzetti i fichi secchi, se decidete di utilizzarli. Aggiungete il tutto all’impasto della pinsa veneta (9), mescolando con cura per distribuire la frutta uniformemente.

  7. pinza o pinsa dolce di polenta torta veneta per la befana ricetta tradizionale per l'epifania il chicco di mais 4 mettere in teglia

    Otterrete un composto molto denso e appiccicoso (10). Rivestite con la carta da forno una teglia di 24×24 cm; se non avete una teglia di queste dimensioni consultate questo articolo che vi aiuterà a scegliere lo stampo più adatto o a variare le dosi in base allo stampo che avete a disposizione. Versatevi l’impasto (11).

  8. Distribuitelo uniformemente con il cucchiaio, cercando di spalmarlo bene su tutta la superficie della teglie e, per quanto possibile, di formare uno strato omogeneo (12).

  9. pinza o pinsa dolce di polenta torta veneta per la befana ricetta tradizionale per l'epifania il chicco di mais 5 cuocere la torta

    Cuocete la pinsa dolce di polenta nel forno già caldo a 170° (statico) per circa un’ora. Quindi sfornatela e lasciatela raffreddare (12) prima di toglierla dalla teglia.

  10. Servite al pinsa dolce di polenta tagliata a cubotti per la Befana oppure come dolce da fine pasto.

Note

Conservazione

Potete conservare la pinsa veneta a temperatura ambiente per un paio di giorni oppure in frigorifero per qualche giorno in più.

La pinza dolce veneta con polenta istantanea

La pinsa dolce di polenta è un dolce abbastanza semplice da realizzare, ma la cottura della polenta richiede un po’ di tempo; anche se non è in linea con la tradizione, potete velocizzare la preparazione usando la polenta istantanea. Se volete usare la polenta istantanea potete seguire queste dosi: 125 g di polenta istantanea in 600 ml di acqua bollente. Fate cuocere per il tempo indicato sulla confezione (tenendo sempre a portata di mano un po’ di acqua calda se la polenta dovesse addensarsi troppo) e poi procedete come da ricetta.

La pinza veneta e la festa della Befana

La tradizione vuole che la pinsa dolce di polenta venga preparata per l’epifania e gustata la notte tra il 5 e il 6 gennaio, insieme al vin brulè, mentre brucia il “berlon”, un falò che ha la funzione di indicare, con l’orientamento del fumo, come sarà il nuovo anno.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.