Piadine senza glutine con esubero di Pasta Madre

Quando si rinfresca il lievito madre inevitabilmente c’è una parte che in genere viene buttata, per non ritrovarsi dopo pochi mesi con chili di lievito. Se avete tempo e voglia con l’esubero di pasta madre potete preparare qualche sostitutivo del pane che non richieda eccessiva lievitazione, come queste piadine senza glutine con esubero di pasta madre. Basta aggiungere un po’ di farina, olio (o burro, oppure, se siete fedeli alla tradizione, strutto), sale e acqua al lievito madre, impastare con le mani per qualche minuto e si otterrà un’ottima base per piadine senza glutine, morbide e saporite. Una volta stese, queste piadine senza glutine si cuociono in una padella antiaderente per pochi minuti e si farciscono a piacere; se poi a casa avete il testo romagnolo quale miglior occasione per usarlo se non per la cottura di queste piadine senza glutine? 😉

Piadine senza glutine con esubero di pasta madre ricetta il chicco di mais

Piadine senza glutine con esubero di pasta madre

Ingredienti per 4 piadine senza glutine di circa 20 cm di diametro:

  • 150 g di pasta madre non rinfrescata (qui trovate la ricetta)
  • 110 g circa di un mix per pane senza glutine (io ho usato la Farmo)
  • 50 ml circa di acqua tiepida
  • 25 g di olio evo, burro fuso oppure strutto
  • Un bel pizzico di sale

Procedimento (preparazione: 20 min. cottura: 12 min. riposo: 30 min.)

Per preparare le piadine senza glutine con esubero di pasta madre iniziate mettendo in una ciotola la pasta madre non rinfrescata, anche fredda di frigorifero (1). Aggiungetevi l’olio (o il burro o lo strutto) e la farina (2) e iniziate a impastare con le mani (3), fino ad ottenere un composto granuloso.

Piadine senza glutine con esubero di pasta madre ricetta il chicco di mais 1Aggiungetevi quindi un bel pizzico di sale e l’acqua poco a poco (4) e impastate con le mani fino ad ottenere un impasto sodo e liscio, con cui formerete una palla (5). Le quantità di acqua e farina possono variare a seconda della consistenza del lievito madre; se serve potete aggiungere altra acqua o farina poco a poco, l’importante è ottenere un impasto liscio ed elastico. Fate riposare coperto da un telo per circa mezz’ora in un luogo tiepido. Trascorso il tempo riprendete l’impasto e stendetelo su un piano leggermente infarinato con un mattarello (6) formando una sfoglia abbastanza sottile (circa 1 mm).

Piadine senza glutine con esubero di pasta madre ricetta il chicco di mais 2Ritagliate dalla sfoglia due dischi di 20 cm circa di diametro (potete usare un coperchio per dare una forma regolare (7), quindi rimpastate il resto del composto e stendetelo di nuovo per formare le altre 2 piadine senza glutine. Procedete quindi alla cottura: fate scaldare bene una padella antiaderente dal fondo spesso sul fornello, quindi cuocetevi le piadine senza glutine una per volta per 3 minuti circa, girandole a metà cottura (8). Non esagerate con la cottura, specialmente se le avete stese belle sottili, altrimenti si seccheranno troppo: come potete vedere queste piadine senza glutine si piegano senza difficoltà e senza rompersi a metà (9).

Piadine senza glutine con esubero di pasta madre ricetta il chicco di mais 3Farcite le vostre piadine senza glutine con gli ingredienti che preferite (io ho usato stracchino e rucola) e servitele calde.

Se ti è piaciuta la ricetta delle piadine senza glutine con esubero di pasta madre segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+ mentre qui trovi tutte le ricette con lievito madre!

Precedente 10 Antipasti per Natale 2013 Successivo Supplì alla gricia (ricetta romana)

9 commenti su “Piadine senza glutine con esubero di Pasta Madre

  1. Ilaria il said:

    Ciao. Ho un dubbio. Ma negli impasti con la farina non c’è il glutine? La pasta madre è a base di farina. Come fanno ad essere senza glutine le piadine? Grazie

  2. ciao cara,
    E fu sera fu mattino: 6sto rinfresco! con il leftover o fatto le tue piadine! ho usato solo farina di mais e riso, quindi erano giallognole ma sono venute uno spettacolo! grazie mille per tutte ste dritte!
    Il lievito vien su bene, qua è secchissimo (tipo che in casa tieniamo un umidificatore) quindi dopo qualche rinfresco ho aumentato un po’ l’acqua perchè mi semnbrava un po’ asciuttino (da 140 ml a 180ml). E poi ho avvicintao un po’ il barattolo al radiatore… tipo a 60 cm si distanza 🙂 beh c’e’ stato un risveglio bollicioso superpotente del lievito! sto marmocchio mi da tante soddisfazioni!
    buon week end!
    un abbraccio
    pf

    • ilchiccodimais il said:

      Che bello 🙂 Sì alle volte può essere necessaria una “spintarella” di calore (va bene anche metterlo nel forno spento e con la luce accesa), specie quando fuori le temperature sono ancora freddine. Se poi ti sembrava secco, hai fatto bene ad aggiungere un po’ d’acqua, come dicevo la consistenza quando impasti deve essere sempre quella di un panetto morbido. Considera che io ormai l’acqua non la misuro più, mi regolo ad occhio aggiungendola poco a poco 😉

  3. martina il said:

    Ciao 🙂 premetto che ho gia sperimentato un bel po’ di tue ricette e tutte mi sono venute benissimoo, grazie mille davvero per le bellissime ricette che proponi 🙂 ti volevo chiedere una cosa: la piadina si può farla senza pasta madre, per esempio utilizzando qualcos’altro?
    grazie mille in anticipo e spero di non aver disturbato!

    • ilchiccodimais il said:

      Ciao Martina, certo si possono fare con il lievito di birra proprio come le piadine glutinose! Purtroppo ogni volta che le ho fatte ho fatto tutto a occhio e colpevolmente non ho ancora messo la ricetta sul blog :/ ti consiglio di guardare una ricetta glutinosa (anche quella presente sul sito Giallozafferano) e di sostituire alla farina metà mix per pane Schar e metà Glutafin, regolando un po’ ad occhio la quantità di acqua. Giuro che la prossima volta che le faccio mi segno per bene tutte le dosi e pubblico la ricetta 🙂

      • martina il said:

        grazie mille davvero per la rispostaaa allora seguirò i tuoi consiglii 😀 complimenti ancora per il bellissimo blog e per le ricette stupendee, buona serata e buon appetito 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.