Pampepato o panpepato

Dolce tradizionale di Natale a base di frutta secca e miele Il pampepato o panpepato è un dolce di Natale diffuso in molte regioni d’Italia, tipicamente in quelle centrali (Umbria, Lazio, Toscana), ma anche, con qualche piccola differenza nella preparazione, a Ferrara. Dolce dalla forma bassa e circolare, il pampepato è costituito fondamentalmente da frutta secca e miele, a cui si aggiunge del cioccolato, canditi e spezie. Il nome ‘pampepato’ deriva proprio dalla presenza nella ricetta non solo del pepe, che non deve assolutamente mancare, ma anche di cannella e noce moscata. Dolce facile da realizzare e che si mantiene a lungo, il pampepato ha una consistenza molto particolare (non è soffice ma non deve neanche essere duro) e un profumo che richiama immediatamente l’atmosfera natalizia. Senza uova, senza burro e senza olio, il pampepato si prepara tradizionalmente intorno all’8 dicembre per consumarlo durante tutte le feste, proprio perché si mantiene tranquillamente per diversi giorni. Tra le tante ricette regionali e locali, io ho preparato il pampepato romano, ma vi lascio in coda alla ricetta anche le altre varianti.

panpepato o pampepato di Natale ricetta originale romana dolce di natale con frutta secca cioccolato miele il chicco di mais
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni10 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaRegionale Italiana
445,66 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 445,66 (Kcal)
  • Carboidrati 51,15 (g) di cui Zuccheri 31,09 (g)
  • Proteine 8,96 (g)
  • Grassi 24,88 (g) di cui saturi 5,70 (g)di cui insaturi 12,40 (g)
  • Fibre 6,35 (g)
  • Sodio 35,17 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 80 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti per 2 panetti di panpepato da 400 g l’uno

Per il panpepato senza glutine ho usato un mix per dolci glutenfree al posto della farina 00. Se siete celiaci, canditi e cioccolato fondente sono a rischio, devono quindi riportare in etichetta la scritta ‘senza glutine’.

  • 100 gnocciole (sgusciate)
  • 100 gmandorle (sgusciate)
  • 100 gnoci (sgusciate)
  • 100 guvetta
  • 100 gcanditi
  • 150 gcioccolato fondente
  • 200 gmiele
  • q.b.farina 00
  • 1 cucchiainoscorza d’arancia (grattugiata)
  • 1 pizzicobicarbonato
  • 1 pizziconoce moscata
  • q.b.pepe
  • 1 pizzicocannella in polvere

Strumenti

  • 1 Frullatore / Mixer
  • 2 Ciotole
  • 1 Cucchiaio
  • 1 Leccarda
  • carta da forno
  • Alluminio

Come preparare il pampepato

Ricetta del pampepato di Natale

  1. Per preparare il pampepato iniziate mettendo in ammollo l’uvetta in acqua tiepida per circa 15 minuti (1). Mettete in un mixer mandorle, nocciole e noci sgusciate (2).

  2. panpepato o pampepato ricetta umbra romana laziale dolce tipico di natale il chicco di mais tritare la frutta secca

    Tritatele grossolanamente, senza far andare il mixer con continuità ma dando piccoli impulsi a breve distanza l’uno dall’altro (3). Se preferite potete tritare la frutta secca al coltello. Trasferitela in una ciotola.

  3. Tritate finemente il cioccolato (4) e unitelo alla frutta secca. Scaldate il miele al microonde o a bagnomaria, finché non inizierà a sobbollire. 

  4. panpepato o pampepato ricetta umbra romana laziale dolce tipico di natale il chicco di mais 2 unire il miele caldo

    Finché è ben caldo versatelo nella ciotola (5) e mescolate subito, in modo da far sciogliere il cioccolato fondente (6).

  5. Amalgamate bene il tutto, quindi aggiungete l’uvetta strizzata, i canditi, la scorza di arancio, la cannella, una bella macinata di pepe e la noce moscata (7). Mescolate con cura in modo da amalgamare bene gli ingredienti tra di loro. 

  6. Aggiungete a questo punto tanta farina quanto basta per addensare il composto e renderlo modellabile (8). A me ne sono bastati 150 g, ma conviene aggiungerne poca per volta per non eccedere, o il pampepato risulterà eccessivamente duro.

  7. panpepato o pampepato ricetta umbra romana laziale dolce tipico di natale il chicco di mais 3 preparare l'impasto

    Aggiungete anche un pizzico di bicarbonato. Alla fine otterrete un impasto consistente e abbastanza appiccicoso (9).

  8. Dividete l’impasto a metà e con le mani umide dategli la forma di due cupole. Ecco un piccolo trucco per aiutarvi a dare una forma regolare al pampepato: rivestite una ciotola con un foglio di carta stagnola o di pellicola e sistematevi l’impasto, livellandolo e pressandolo bene con le mani o con il dorso di un cucchiaio (10). 

  9. Al momento di cuocerlo vi basterà capovolgere la ciotola sulla teglia e rimuovere la carta stagnola o la pellicola. Lasciate riposare in un luogo fresco e asciutto il pampepato per almeno un’ora, se avete tempo anche tutta la notte: il riposo è importante per far sì che i sapori si mescolino bene. 

  10. panpepato o pampepato ricetta umbra romana laziale dolce tipico di natale il chicco di mais 4 cuocere in forno

    Trasferite le due forme di pampepato su una teglia rivestita di carta da forno (11) e cuocetele nel forno già caldo a 180° (statico) per circa 25 minuti. Sfornatelo e fatelo raffreddare completamente (12).

  11. Servite il pampepato tagliato a spicchi o a fette, oppure confezionatelo e regalatelo per Natale.

Varianti regionali del pampepato

  1. Come detto, io ho seguito la ricetta diffusa a Roma e nel Lazio, ma con il termine ‘pampepato’ o ‘panpepato’ si identificano dolci tipici natalizi di diverse regioni d’Italia, tutti simili negli ingredienti fondamentali (frutta secca, miele e spezie) ma con qualche piccola variante.

  2. Pampepato ternano: a Terni il pampepato viene preparato tradizionalmente il giorno dell’Immacolata e tra i suoi ingredienti fondamentali c’è la “sapa” ossia il mosto cotto.

  3. Panpepato senese: è l’antenato del panforte Margherita e risale all’epoca medievale; tra i suoi ingredienti prevale l’uso di frutta candita a cui si aggiungono spesso anche fichi secchi. 

  4. Pampepato ferrarese: il dolce tipico di Ferrara prevede, rispetto alla ricetta da me realizzata, solo le mandorle e un po’ di cacao amaro nell’impasto; inoltre, una volta cotto, viene solitamente ricoperto da uno spesso strato di cioccolato fondente. 

  5. Il pampepato non va confuso con altri dolci tipici natalizi a base di spezie, come i Lebkuchen o il pan di zenzero, spesso chiamati erroneamente in questo modo.

Note

Se ti è piaciuta la ricetta del pampepato qui trovi lo speciale dedicato alla cucina dell Lazio e qui puoi scoprire tutti i dolci tipici di Natale!

Come conservare il pampepato

Il pampepato si conserva anche un mese a temperatura ambiente.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Una risposta a “Pampepato o panpepato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.