Crea sito

Malloreddus alla campidanese (ricetta sarda)

I malloreddus alla campidanese, o gnocchetti sardi con ragù di salsiccia, sono un primo piatto tipico sardo e in particolare della zona del Campidano, una vasta pianura situata nella zona sud-ovest dell’isola. Piatto di origini popolari, i malloreddus alla campidanese conservano il sapore genuino e deciso delle ricette di una volta e sono quindi particolarmente adatti ad un pasto familiare, come può essere il pranzo della domenica o anche il pranzo di Natale. I malloreddus, per i pochi che non li conoscono, sono una pasta di piccolo formato a forma di conchiglia, preparata con farina di semola e acqua. Se avete la fortuna di visitare la Sardegna, potrete acquistarla praticamente ovunque; altrimenti ne esistono delle versioni industriali, non altrettanto buone ma comunque valide. Per fortuna qualche azienda produce anche malloreddus senza glutine. In questa ricetta i malloreddus vengono conditi con un ragù di salsiccia insaporito da zafferano e pecorino sardo: il connubio di questi sapori è davvero speciale e senza dubbio risulterà gradito a voi e ai vostri ospiti. Per essere preparati a regola d’arte, i malloreddus alla campidanese necessiterebbero di una salsiccia aromatica che si trova facilmente in Sardegna, meno nel resto d’Italia. Io ho rimediato usando una salsiccia comune e aggiungendo un nonnulla di cannella e qualche seme di finocchio, per ricordare il sapore tipico di questo ragù. Servite i malloreddus alla campidanese ben caldi, guarniti con qualche fogliolina di basilico fresco.

Malloreddus alla campidanese ricetta sarda il chicco di mais

Ricetta dei malloreddus alla campidanese

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 g di malloreddus (per la versione senza glutine io ho usato quelli Farabella)
  • 250 g di salsiccia (se non avete quella sarda, aggiungete un pizzico di cannella e un pizzico di semi di finocchio)
  • 2 bustine di zafferano
  • 300 g di passata di pomodoro
  • 80 g di pecorino sardo grattugiato
  • ¼ di cipolla
  • ½ bicchiere di vino bianco secco
  • Qualche foglia di basilico fresco
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Un pizzico di sale

Procedimento (preparazione: 5 min. cottura: 1 ora)

Per preparare i malloreddus alla campidanese, iniziate preparando il soffritto per il ragù di salsiccia: tritate finemente la cipolla e fatela soffriggere a fuoco basso nell’olio (1). Aggiungete quindi la salsiccia privata del budello e sgranatela con un cucchiaio (2). Unite anche la cannella e i semi di finocchio, se usate una salsiccia non aromatizzata. Fatela rosolare a fuoco medio una decina di minuti, girandola di tanto in tanto, finché non diventa dorata (3). Questo passaggio è molto importante: come in un qualsiasi ragù, se non si fa rosolare bene la carne il sugo non prenderà sapore e la carne avrà un effetto “lesso”.

Malloreddus alla campidanese ricetta sarda il chicco di mais 1

Quando la salsiccia sarà ben rosolata, alzate la fiamma e sfumate con il vino bianco (4). Lasciate evaporare per un paio di minuti, finché l’odore del vino non sarà sparito. Aggiungete quindi la passata di pomodoro assieme a mezzo bicchiere di acqua calda (5). Salate leggermente (non troppo, perché poi dovrete aggiungere anche il pecorino), coprite con un coperchio e fate cuocere a fiamma dolce per circa 40 minuti. Di tanto in tanto mescolatelo e, se dovesse asciugarsi troppo, unite ancora un po’ di acqua calda. Trascorsi i 40 minuti aggiungete il basilico a pezzetti e lo zafferano (6).

Malloreddus alla campidanese ricetta sarda il chicco di mais 2

Proseguite la cottura a fiamma bassa e senza coperchio per 5-10 minuti, in modo che il sugo si addensi (7). Nel frattempo cuocete i malloreddus in acqua bollente salata, scolateli al dente e tenete da parte un po’ della loro acqua di cottura. Usatene un paio di cucchiai per allungare il ragù (8). Trasferite i malloreddus nel tegame con il sugo e mantecateli per un minuto circa, aggiungendo poco a poco un po’ della loro acqua di cottura se il condimento si dovesse asciugare troppo. Quando saranno ben amalgamati al sugo, spegnete il fuoco e aggiungete il pecorino grattugiato (9). Mescolate ancora a fuoco spento, per amalgamare il tutto.

Malloreddus alla campidanese ricetta sarda il chicco di mais 3

Servite i malloreddus alla campidanese subito, guarniti con una fogliolina di basilico fresco e con altro pecorino grattugiato a piacere.

Se ti è piaciuta la ricetta dei malloreddus alla campidanese segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+ mentre qui puoi trovare tutte le ricette sarde!

3 Risposte a “Malloreddus alla campidanese (ricetta sarda)”

  1. Adoro i malloreddus come formato di pasta e anche se non mi piace il pecorino sardo, questo piatto me lo mangerei subito, sembrano buonissimi! La pentola delle foto sembra tanto una pentola Flavorstone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.