Crea sito

Semifreddo al pistacchio con cioccolato fondente

Semifreddo al pistacchio con cioccolato fondente,
un dolce fresco e molto delicato, adatto all’estate, ma squisito ogni giorno dell’anno! Nonostante l’aspetto impegnativo, il semifreddo è un dolce molto semplice da realizzare, basta usare un pò d’attenzione e non avere fretta. Seguite la ricetta passo passo e non avrete problemi.

  • DifficoltàBassa
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione45 Minuti
  • Porzioni8/10 Persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Meringa italiana

  • 100 gAlbumi
  • 160 gZucchero
  • 30 mlAcqua

Semifreddo

  • Tutta la meringa
  • 400 mlPanna fresca liquida
  • 120 gPasta di pistacchi
  • 1 bustinaVanillina (O aroma naturale di vaniglia)
  • 150 gCioccolato fondente (per gli inserti)
  • q.b.Granella di pistacchi
  • q.b.Crema spalmabile alle nocciole

Semifreddo al pistacchio con cioccolato fondente

  1. Iniziamo a preparare i veli di cioccolato fondente che inseriremo nel semifreddo. Sciogliete a bognomaria o nel microonde 100g di cioccolata fondente, nel caso usiate il microonde state attenti, brucia in un attimo. Stendete un foglio di carta forno su di un vassoio che possa entrare in frigo, versatevi sopra il cioccolato fuso e stendetelo molto sottile, riponete in frigo per fare rapprendere.

  2. Prepariamo la meringa. In un pentolino unite i 160g di zucchero l’acqua, mescolate e portate a  bollore stando attenti che tutto lo zucchero si sciolga. Avere un termometro da cucina sarebbe l’ideale,  dovrete raggiungere gli 121°C. Mentre lo sciroppo cuoce, cominciate a montare a neve ferma gli albumi, unite a questo punto lo sciroppo bollente e limpido, facendolo cadere a filo mentre le pale continuano a girare. Lasciate montare ancora per qualche minuto, il calore dello sciroppo pastorizzerà gli albumi e la meringa prenderà consistenza.

  3. Quando avrete ottenuto un prodotto gonfio, corposo, lucido come la schiuma da barba avrete finito, rivoltatelo in un contenitore e mettete in frigo a raffreddare. Raffreddate benissimo la ciotola dove monterete la panna, che dovrà  anche questa essere fredda e montatela.

  4. Unite la panna alla meringa italiana che non deve essere calda perché smonterebbe il lavoro, aggiungete la vanillina. La base per il semifreddo è pronta, uniamo la pasta di pistacchio, che potrete fare da voi se vorrete, ecco il link della ricetta: Pasta di pistacchio fatta in casa.

  5. Prendete uno stampo, potrebbe andare bene uno in silicone, una teglia da plumcake rivestita di carta forno, uno stampo a cerniera, fate voi. Io ho utilizzato uno stampo in silicone da 18cm di diametro, mentre in altre ricette ho utilizzato lo stampo da plumcake. Prendete dal frigo il cioccolato a veli e siete veloci ad assemblare il semifreddo, perché il cioccolato non temperato si scioglierà velocemente. Alternate sullo stampo strati di semifreddo a veli di cioccolato, continuate fino a riempirlo, (con uno da 20 cm di diametro e 4cm di altezza, me ne è avanzato un po’ che ho congelato in una ciotolina.) Riponete nel congelatore per almeno 8/12 ore, dipende dal caldo.

  6. Sformate il semifreddo e decorate a piacere.

    Io ho sformato, poggiato su una tazza e velocemente decorato ai bordi con granella, la pallina che vedete scura invece è fatta con crema spalmabile alla nocciola congelata prima e poi poggiata sul semifreddo. Conservate il vostro dolce in un contenitore sigillato per evitare che assorba odori esterni e prenda quel fastidioso odore di “congelatore” che è tanto temuto.

  7. Semifreddo al pistacchio con cioccolato fondente
  8. Se vuoi restare aggiornato sulle mie ricette, seguimi su:

    facebook pinterestinstagramtwitter.

    Da qui, potrai tornare alla HOME e scoprire le nuove ricette!

Note

Per preparare il dolce ho usato un robot molto simile al bimby comprato in una nota catena di supermercati tedesca. Ho montato gli albumi a neve ben ferma per circa 5 minuti e poi piano ho fatto colora lo sciroppo bollente, ho fatto girare le pale per altri dieci minuti fino ad avere una bella meringa soda. Si tratta di un lavoro che potrete fare benissimo con una planetaria, con le fruste se non fisse, potreste avere difficoltà. Per montare la panna fresca, che io preferisco di gran lunga alla vegetale, occorre, soprattutto in estate, partire da ciotola freddissima quasi congelata e panna fredda , in questo modo non ci saranno problemi.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.