Croissant sfogliati ma senza zucchero

Ho provato anche io a fare i Croissant sfogliati, sono un poco laboriosi e richiedono del tempo per prepararli, come per tutti i lievitati quindi, se avete fretta o non avete pazienza, lasciate perdere!

Ho quindi preparato i miei Croissant sfogliati ma, chissà come mai, ho dimenticato di mettere lo zucchero nell’impasto!! Me ne sono accorta solamente al momento che ne ho assaggiato uno, appena ne ho mangiato un pezzetto ho avuto come un flash e ho esclamato: “ho dimenticato lo zucchero!”

Per fortuna ho messo la nutella come farcitura e, alla fine, forse è stato meglio così perchè i croissant sono risultati davvero golosi e non troppo dolci.

La mancanza di zucchero ha sacrificato un poco la lievitazione infatti non sono molto cresciuti, ma il risultato, da come potete vedere nelle foto qui sotto, sono stati dei croissant sfogliati e croccanti, sembrano cornetti di pasta sfoglia ma con l’aggiunta di lievito di birra e, farciti di nutella, sono davvero deliziosi e irresistibili.

Croissant sfogliati ma senza zucchero, alla nutella

Croissant sfogliati ma senza zucchero

Ingredienti:
2 uova
250 g di farina 00
250 g di farina manitoba
150 ml di acqua tiepida
1 bustina di vanillina
5 g di lievito di birra fresco
un pizzico di sale
300 g di burro morbido
la scorza grattugiata di 1 limone non trattato

nutella per farcire

1 uovo più un goccio di latte per spennellare la superficie

Croissant sfogliati ma senza zucchero, alla nutella

  • Per preparare i Croissant sfogliati ma senza zucchero, alla nutella, incominciare con lo sciogliere il lievito di birra in 50 ml di acqua tiepida, prelevati dalla quantità totale e mettere da parte. Far fondere 50 g di burro e lasciarlo raffreddare. Lavare ed asciugare un limone e grattarne la buccia.
  • Nella ciotola della planetaria setacciare le due farine con la vanillina, versare il lievito sciolto, poi l’acqua, il burro fuso e impastare con la frusta a gancio. Quando il liquido si sarà assorbito, unire le uova, il pizzico di sale e la scorza grattugiata del limone. Continuate ad impastare per almeno 10-15 minuti fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo. Porre il panetto ottenuto in una ciotola leggermente infarinata (foto 1), coprirla con la pellicola e mettere in frigorifero per 12 ore o tutta la notte.

croissant sfogliati 1-3

  • Trascorso il tempo di riposo, prendete l’impasto dal frigorifero (foto 3) e stenderlo con il mattarello, sulla spianatoia leggermente infarinata, ad uno spessore di 5 mm formando un rettangolo.
  • Prendete il burro restante (250 g), che avrete lasciato per un poco a temperatura ambiente, ma non deve essere troppo morbido, e ponetelo tra 2 fogli di carta forno, schiacciatelo per bene un pò con le mani e un pò con il mattarello, quindi stenderlo poi con il mattarello fino ad ottenere un rettangolo di circa 1 cm di spessore (foto 2). Togliere il foglio di carta forno da sopra il burro e, aiutandovi con l’altro foglio, sovrapporre il burro sulla sfoglia (foto 4), coprendo i 2/3 del rettangolo di sfoglia (foto 5), precedentemente steso.

croissant sfogliati 4-6

 

  • Ripiegare il lembo scoperto sul burro, come in foto 6, quindi sollevare delicatamente l’altra parte e piegarla come in foto 7. Chiudere i bordi ripiegandoli quindi, aiutandosi con il mattarello, stendere di nuovo la pasta (foto 8), cercando di ottenere un rettangolo di circa 1,5 cm di spessore.
  • A questo punto dobbiamo effettuare, per tre volte, una piega a tre e, dopo ogni volta che abbiamo effettuato una piega (foto 10) dobbiamo chiudere la sfoglia nella pellicola trasparente e riporla in frigorifero per 30 minuti. Quindi una piega a tre poi 30 minuti in frigorifero; una seconda piega a tre e ancora 30 minuti di riposo; una terza piega a tre e gli ultimi 30 minuti di riposo.
  • Per effettuare la piega a 3 procedere così:  piegare un lembo più corto sulla sfoglia fino ad arrivare al centro (foto 9), quindi sollevare l’altro lembo ed appoggiarlo sulla piega, il risultato è come in foto 10; si chiama piega a tre perchè, da come vedete dalla foto, ci sono 3 lembi appunto.

croissant sfogliati 7-10

 

  • Dopo aver effettuato l’ultima piega a tre e dopo l’ultimo riposo in frigorifero, riprendete la pasta sfoglia, stendetela fino ad ottenere un rettangolo di circa 3 mm di spessore e ritagliate dei triangoli (foto 11), cercate di fare dei triangoli isosceli alti anche 10-12 cm con una base di 5-6 cm. Io ho fatto quasi dei triangoli equilateri e, i miei croissant, mi sono venuti piccolini.
  • Farcire la base dei triangoli con un mucchietto di nutella, ma non esagerate altrimenti potrebbe uscire durante la cottura (foto 12).

Croissant sfogliati ma senza zucchero, alla nutella

  • Arrotolare il triangolo partendo dalla base, e dare la classica forma dei croissant. Disporli su una placca ricoperta di carta da forno e lasciarli lievitare per un’altra ora e mezza nel forno spento. Trascorso il tempo di lievitazione, spennellare con l’uovo sbattuto insieme ad un poco di latte e cuocere in forno già caldo, a 180°C per circa 20-25 minuti ma controllate sempre la cottura perchè, come ben sapete non tutti i forni sono uguali.
  • Una volta cotti, lasciarli raffreddare quindi spolverizzarli con lo zucchero al velo e gustatevi questi deliziosi Croissant sfogliati ma senza zucchero, alla nutella.

Croissant sfogliati ma senza zucchero, alla nutella

 

.. a presto..

tatam


 

Vuoi ricevere le ultime novità del mio blog?
Iscriviti alla newsletter qui

Croissant sfogliati ma senza zucchero, alla nutella

Copyright © tatam


 

Argomenti correlati che potrebbero interessare:

Mini Bomboloni alla crema

Le Frittelle di patate Cullurielli Calabresi

Frittelle Americane al Cacao con Lievito Madre

Treccia Dolce al Latte con Lievito Madre

Girelle morbide con crema pasticcera e scaglie di cioccolato fondente

Croissant sfogliati ma senza zucchero, alla nutella

(Visited 357 times, 8 visits today)
Precedente Tortellini in salsa in 5 minuti Successivo Pomodori al gratin al forno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.