Crea sito

La pastiera Napoletana

idolcidisusy la pastiera

La pastiera Napoletana è il simbolo della Pasqua a Napoli. E’ una torta fatta di pasta frolla croccante nella parte esterna e morbida all’interno grazie soprattutto al suo ricco e profumato ripieno. E’ una ricetta abbastanza elaborata e lunga d’altronde basti pensare che per tradizione va prepararla il giovedì Santo per farla riposare tre giorni, fino alla Santa Pasqua.
Tuttavia è uno di quei dolci che si prepara si gusta tutto l’anno, come ad esempio nella famosa e miglior pasticceria napoletana Scaturchio.
Io la preparo per la mia famiglia ogni anno e per regalarne qualcuna ai nostri amici insieme a qualche biscotto di Pasqua leggi QUI la ricetta.

Vi aspetto sulla mia pagina Facebook sul mio profilo Instagram e nel mio canale YouTube con i miei video per un saluto e un commento.

idolcidisusy la pastiera
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo2 Giorni
  • Tempo di cottura1 Ora 30 Minuti
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la pastiera Napoletana

Ingredienti per la frolla

  • 150 gZucchero
  • 125 gBurro
  • 2Uova
  • 300 gFarina
  • 1Scorza d’arancia (grattugiata)
  • 1 pizzicodi Sale

Ingredienti per il ripieno

  • 400 gGrano cotto
  • 200 mlLatte intero
  • 350 gRicotta di pecora
  • 300 gZucchero
  • 4Uova
  • 100 gCanditi (misti)
  • 20 gAcqua di fiori d’arancio
  • 2 cucchiainiCannella in polvere
  • 1Scorza di limone
  • 1Scorza d’arancia
  • 40 gBurro

Strumenti

  • Teglia in alluminio da 24 cm e alta 4 cm (stampo da pastiera)

Preparazione della pastiera Napoletana

Prepariamo la frolla

  1. In una ciotola impasto velocemente a mano lo zucchero, il burro leggermente morbido con gli aromi e il pizzico di sale.

    Successivamente aggiungo le uova e in ultimo la farina. Continuo a impastare.

    Ultimato l’impasto avvolgo la pasta frolla nella pellicola e la lascio riposare in frigo per una notte.

    Il riposo è fondamentale per far si che la frolla assorba l’aroma e sia più elastica.

Prepariamo il grano per il ripieno

  1. Nel frattempo in un tegame antiaderente metto il grano ben scolato, il latte, un cucchiaino di zucchero le scorze degli agrumi e il burro.

    Faccio cuocere a fuoco basso mescolando ogni tanto per circa 20 minuti il latte dovrà essere tutto assorbito dal grano.

    Lascio raffreddare a temperatura ambiente, per essere poi aggiunto al resto degli ingredienti.

Prepariamo la ricotta per il ripieno

  1. Inizio la sera prima.

    Metto la ricotta fresca in un colino a maglia fritta e la lascio scolare in una ciotola tutta la notte, per renderla meno acquosa.

    Questo procedimento va fatto tendendola sempre in frigo.

    La mattina la trasferisco in una ciotola e aggiungo lo zucchero facendolo assorbire bene.

    Vi consiglio di farla riposare in frigo qualche ora così si amalgama molto di rendendola più cremosa.

Prepariamo il ripieno

  1. Tolgo le scorze del limone e dell’arancia dalla crema di grano ormai ben raffreddata.

    Quindi amalgamo la crema di ricotta ottenuta a quella di grano.

    Nel frattempo in un’altra ciotola sbatto le uova con una forchetta e le vado ad unire al composto delle due creme.

    In ultimo aggiungo, la cannella, i canditi e l’acqua di fiori d’arancio.

    Il ripieno deve essere profumatissimo.

Prepariamo la pastiera Napoletana

  1. Tiro fuori la frolla dal frigorifero e la stendo con il mattarello su una spianatoia leggermente infarinata

    Successivamente la metto nella teglia pareggio i bordi tagliando la pasta in eccesso, con i rebbi di una forchetta faccio i classici buchetti e verso l’impasto.

    Quindi procedo con le classiche strisce della crostata e la metto in frigorifero per un paio d’ore, per evitare che si gonfi troppo durante la cottura.

    Trascorso, il tempo non mi resta che infornare a 160°C gradi per circa 1 ora e mezza.

    La cottura deve essere dolce e lunga e quando la superficie sarà leggermente d’orata posso spegnere il forno.

    Quindi spengo il forno e la lascio riposare per almeno 20 minuti con lo sportello del forno aperto.

    Finalmente la nostra pastiera è pronta, sicuramente è una ricetta lunga ma ne vale la pena, d’altronde è troppo buona.

    In ultimo ma non meno importante è lasciarla riposare e asciugare bene a temperatura ambiente prima di assaggiarla.

    Questo perché possiamo apprezzare tutte le sue infinite sfumature di profumo e di gusto.

    Concludo la pastiera con una spolverata di zucchero a velo.

Conservazione

La pastiera si conserva a temperatura ambiente, in luogo fresco e asciutto per una settimana, lontano da fonti di calore.

Non va messa in frigo perché grazie ai canditi del ripieno avrà la giusta umidità e la manterrà integra, buonissima e profumata.

La leggenda sulla pastiera narra che…

una notte le mogli dei pescatori lasciarono sulla spiaggia ceste con ricotta, frutta candita, fiori d’arancio, uova e grano come offerta per il mare. Affinché quest’ultimo li lasciasse ritornare a casa sani e salvi. Tornate sulla spiaggia la mattina seguente ebbero una meravigliosa sorpresa; le onde del mare mischiarono tutti gli ingredienti dando origine alla Pastiera.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.