Crea sito

Pignolata di Carnevale

Dolce tipico di questa festa, che fa felici grandi e piccini, la Pignolata di Carnevale, assieme a tanti altri dolci, che potete trovare in questa raccolta, è un modo per celebrare a tavola la festa più allegra e pazzerella dell’anno. Alcune volte scelgo di arricchirla aggingendo mandorle, pistacchi e bucce di arancia candite. Trovate anche la Video ricetta della Pignolata di Carnevale sul mio canale You Tube, cliccando Qui. Vi consiglio vivamente di guardare il video, specie per la fase di friggitura della pignolata. Ma andiamo a vedere insieme quali ingredienti necessitano e come realizzare questa ricetta.

pignolata
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni6 Persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la Pignolata di Carnevale

  • 160 gfarina di grano duro
  • 160 gfarina 00
  • 4uova (medie da 50-55 g)

Per la copertura

  • 100 gzucchero
  • 150 gmiele
  • q.b.codetta colorata

Cosa serve per la la Pignolata di Carnevale

  • 1 Ciotolina
  • 1 Coltello
  • 1 Tegame
  • 1 Schiumarola
  • Carta assorbente
  • 1 Padella
  • 1 Spatola
  • 1 Setaccio
  • Pellicola per alimenti

Preparazione della Pignolata di Carnevale

  1. Per preparare la Pignolata di Carnevale, bisogna setacciare insieme le due farine dentro una ciotola. Aggiungere le uova e lavorare grossolanamente.

  2. Versare sulla spianatoia o su un piano e continuare a impastare, fino a quando la farina avrà assorbito le uova e si otterrà un panetto liscio con una consistenza nè molto dura e neanche troppo morbida.

  3. Per chi possiede una planetaria, può tranquillamente utilizzarla per fare questo impasto. Avvolgere il panetto nella pellicola alimentare e lasciare riposare per circa 1 ora.

  4. Passato il tempo, riprendere l’impasto e tagliarne un pazzettino. Allungare fino ad ottenere un grissino abbastanza sottile, in quanto poi, durante la frittura, la pignolata si gonfierà parecchio.

  5. Tagliare trasversalmente dei pezzetti di circa 4 cm di lunghezza e metterli su uno strofinaccio da cucina pulito. Intanto, mettere sul fuoco un tegame abbastanza alto con l’olio. Io ho utilizzato per friggere l’olio di arachidi, in quanto, raggiunge il punto di fumo ad una temperatura più alta rispetto ad altri oli.

  6. Per cuocere perfettamente la pignolata, l’olio, nel momento in cui questa comincia a cuocere, non deve essere caldo, per non fare aprire i chicchi. Per chi possiede un termometro da cucina, cominciare a buttare la pignolata nell’olio quando questo raggiunge gli 80° circa.

  7. La pentola va tenuta su un fornello piccolo e a bassa tempertura. Per la quantità di pignolata indicata negli ingredienti, si consiglia di friggere la pignolata in 3 round e, una volta che la prima sarà fritta al punto giusto, spegnere il fuoco, lasciare intiepidire l’olio e ricominciare da capo

  8. Subito dopo aver messo la pignolata nel tegame con l’olio, cominciare a smuoverla, con una schiumarola. L’olio, scaldandosi sempre di più, comincerà a fare gonfiare i pezzetti. Continuare a mescolare spesso.

  9. Quando i chicchi cominceranno a dorarsi, allora aumentare la fiamma del fornello e, solo quando raggiungerà un bel colore ambrato, tirarla fuori dall’olio e metterla su della carta assorbente.

  10. Prendendola con le dita non ungerà le mani e, assaggiandola, sarà croccantissima. Continuare così, fino a completare la cottura, facendo intiepidire l’olio, prima di buttarvi dentro la pignolata.

  11. Ora si deve passare alla fase della copertura. Anche in questo caso, per gestire meglio le quantità, si consiglia di fare 2 round, uno di seguito all’altro, utilizzando metà degli ingredienti.

  12. In una padella capiente, mettere lo zucchero e il miele e lasciare sciogliere bene, mescolando con una spatola, fino a quando si formerà della schiuma.

  13. Buttarvi dentro la pignolata e continuare a mescolare di continuo, in modo che tutti i pezzetti vengano avvolti dallo zucchero e dal miele. A questo punto, spegnere il fuoco e continuare a rigirare ancora per alcuni secondi, in modo che la glassa cominci ad addensarsi.

  14. Far cadere la pignolata su un piatto o un vassoio e mettere subito sopra le codette colorate, per farle attaccare quando la copertura non si è ancora solidificata.

  15. Per consumare la Pignolata e gustarla in tutta la sua bontà e croccantezza, bisognerà attendere che si raffreddi completamente.

    Buona degustazione!

I consigli di Annamaria

Non preoccuparsi se l’olio dovesse diventare schiumoso, questo è l’effetto delle uova presenti nell’impasto.

Potete anche leggere: Ricette di Carnevale

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria tra forno e fornelli

Ciao a tutti. Sono Annamaria, siciliana Doc e con parecchi hobby, tra cui la passione per cucina. Questo blog è nato quasi per gioco nel Marzo del 2015 e oggi mi ritrovo con un bel po' di followers che amano le mie ricette. La mia è una cucina piuttosto semplice. Propongo ricette fattibili da tutti e forse è questo il segreto per cui alla gente piacciono. Colgo l'occasione per ringraziare chiunque entri qui e mi onora con la propria presenza.

Una risposta a “Pignolata di Carnevale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.