Crea sito

Tacos di Pollo Marinati al Kiwi (Tortillas fatte in casa)

Kiwi e carne? Certo! Non sempre si ha tanto tempo a disposizione per marinare la carne, specialmente i tagli piu’ grandi ed un po’ duretti. Allora, usare un po’ di kiwi fa’ la differenza, rende tenera la carne piu’ dura~ in poco tempo.


Una tradizione importata dalla Corea, questa dell’uso del kiwi per cucinare la carne. Infatti, la polpa del kiwi contiene un’enzima, l’Actinidia che scinde le proteine della carne, indebolendone le fibre. Non ne usate tantissimo, ma soprattuto, non lasciate la carne marinare per ore, o diventera’ troppo morbida, e non di bell’aspetto. 20 minuti saranno piu’ che sufficenti. L’ultimo accorgimento e’ di asciugare bene la carne prima di cuocerla.


Allora, procediamo con ordine per preparare questo piatto fresco e leggero.

TACOS DI POLLO MARINATO AL KIWI
Ingredienti per 4 persone

500 gr di petto di pollo, tagliato a striscioline
1 kiwi
3 cucchiai di succo di lime

Un pizzico di Cumino

Peperoncino Q.B

4 spicchi d’aglio a fettine

1 cucchiaio d’olio d’oliva

Sale e pepe Q.B

Per LA GUACAMOLE

1 Avocado

1 cucchiaio di succo di limone

1 pizzico di sale

1 kiwi

COME SI FA’:

Mettete a marinare il pollo con il resto degli ingredienti per circa mezz’ora. O comunque MAI per piu’ di 5 ore. Io ho coperto la ciotola con della pellicola trasparente e messo in frigo.

Nel frattempo preparate la Guacamole:

Mettete la polpa di un avocado in una ciotola e con una forchetta rendetela a poltiglia, cercando di lasciare dei pezzettoni. Aggiungete il succo di limone, il sale e la polpa di un kiwi. Continuate a schiacciare il kiwi ed incorporarlo.  Conservate in frigo fino al momento di servire.

Al momento di cuocerlo, trascorso il tempo necessario, tirate fuori il pollo dalla marinatura e tamponatelo con un tovagliolo di carta assorbente.

Cuocete il pollo in un filo di olio finche’ sara’ biondo e caramellato. (Potete deglassare la padella con Tequila 🙂 se ce l’avete)

Servite il pollo al centro di una Tortilla, guarnitelo con foglie di lattuga, pomodori a dadini, cilantro, e guacamole. Io ho anche abbrustolito delle fettine di Lime per intensificarne il sapore.

TORTILLAS DI FARINA DI MAIS

Ingredienti per 8 Tortillas

200 gr di farina di Mais (io ho usato quella blu)

475 ml di acqua bollente

90 gr di farina

Un pizzico di pepe

Noce moscata Q.B

Un pizzico di sale.

COME SI FANNO:

Versate l’acqua bollente sopra la farina di mais, mescolate e lasciate riposare per qualche minuto.

12143126_10204733861641908_6238971382339552345_n

In un’altra ciotola mescolate la farina e le spezie, aggiungete la farina di mais reidratata, e mescolate.

Versate il composto sopra una spianatoia di legno. Sara’ molto appiccicoso.  non vi preoccupate. Continutate ad aggiungere farina per non farlo appiccicare e lavorate l’impasto per due minuti.

Dividete l’impasto in 8 pezzi uguali. Aiutandovi con molta farina, stendete ogni pezzo dello spessore di circa 3 mm.

Cuocete le tortilla in una padella di ghisa oppure una padella antiaderente che avrete precedentemente spennellato di olio. Cuocete circa 2 minuti per lato finche’ vedrete dei punti piu’ scuri, allora la tortilla sara’ pronta.

Enjoy!

Pubblicato da growingupitalian

Salve! Vivo tra due mondi, ma con i piedi per terra. E' un lusso poter scegliere il meglio di entrambi. La vita mi ha fatto questo regalo, e lo voglio condividere con Voi!! Sono nata negli anni 60 in Italia. Il mondo della televisione in Bianco e Nero, senza cibi GMO, senza smart phones. La mia infanzia e' stata costellata di persone incredibili e memorie indelebili della mia famiglia. Ora, 50 anni dopo e 10 mila km di distanza apparte, tutte queste memorie hanno contribuito ad arricchire la mia vita ..dopotutto, una ragazza puo' lasciare l'Italia, ma l'Italia non lasciam mai le sue ragazze!.Hello all. I live in between two worlds (USA and Italy) but I'm really grounded. I believe it's a luxury to be able to pick and choose the best of both. I've been given that gift and I'm sharing it with you. I was born in the 60's in Italy. Black and White pictures, no GMO, no tablets, no computers or cell phones. My childhood was starred by people and memories. It sure takes a village to raise a child...and a great family. I was blessed to have all of the above. Now, fast forward 50 years, 10,000 kilometers away. My life is richer than ever because of my upbringing. I have stories...lots of stories I will share with you. Afterall, A GIRL might leave Italy, but Italy NEVER leaves the girl!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.