SOCK IT TO ME ….il dolce “vintage” Americano

Una ricetta “retro” anni 60′!! Questo dolce ha subito molte trasformazioni ed e’ stato soggetto a molte versioni. L’originale era semplicissima, ed era stampata nel retro della confezione di un mix per dolci.
Il nome si dice abbia origini nel Softball o Baseball Americano quando il giocatore sollecitava la palla in modo che venisse facilmente afferrata senza esitazione nel “guantone” garantendo un vantaggio alla squadra. Poi la frase e’ stata resa popolare dallo show “Laugh it”. Il nome dunque
” Sock it to Me: e’ rimasto inalterato nei decenni con il significato di “colpire forte”
Con gli anni, la ricetta e’ un po’ svanita in America, eccetto nel Sud, dove rimane diffusa.
Io ne ho testate tante ed apportato modifiche per ottenere un risultato piu’ appetente, meno denso e gustoso. Spero che vi piaccia, e che vi ” colpisca forte ” con il suo sapore. 🙂

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione2 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora 30 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaAmericana

  • 150 gFarina
  • 40 gFecola di patate
  • 8 gLievito in polvere per dolci
  • 1 pizzicosale fino
  • 1 cucchiainoEstratto di vaniglia
  • 3Uova
  • 2 cucchiaiOlio di cocco
  • 120 gPanna acida
  • 100 gburro non salato
  • 250 gzucchero di cocco (Sembra una quantita’ grossa? non vi preoccupate non e’ dolce come lo zucchero raffinato ed e’ anche maggiore il peso specifico. Non riducete la quantita’ o il dolce non risultera’ lo stesso)

Per LO STRATO DI CANNELLA

  • 100 gNoci di Macadamia
  • 2 cucchiaiCocco disidratato
  • 1 cucchiainoCannella
  • 1 cucchiaioMiele
  • 4 cucchiaiOlio di cocco
  • 3 cucchiaiDi Impasto preparato per il dolce

Preparazione

Per preparare l’impasto del dolce: Nella ciotola di un mixer da cucina con il battitore a farfalla, mescolate le uova finche’ schiumano. Unite lo zucchero, un cucchiaio alla volta, lentamente. L’impato si schiarira’ con il tempo. Occorrono quasi 10 minuti per unire tutto lo zucchero. Non abbiate fretta. Unite la vaniglia. Nel frattempo, mescolate le polveri: farina, fecola, lievito, sale. E mescolate i liquidi: Olio, panna acida ed il burro (fuso e raffreddato leggermente). Alternando le polveri ed il liquido, mescolate ma non troppo, affinche’ la massa diventi omogenea.
  1. Distribuite UN TERZO del composto sul fondo dello stampo (Oleato ed infarinato). Distribuite il ripieno alla cannella: ISTRUZIONI su come farlo sono sotto.

  2. Ricoprite con il rimanente impasto e livellatelo leggermente.

Per LO STRATO DI CANNELLA

  1. In una ciotola, unite tutti gli ingredienti e mescolateli con una forchetta finche’ tutti incorporati

COTTURA

  1. Infornate a 180F (forno statico) per circa 90 minuti, controllando che il dolce non diventi troppo scuro. Dopo circa un’ora controllatene la cottura e proseguite se necessario. Stampi piu’ scuri cuociono piu’ velocemente.

GLASSATURA:

Per la copertura del dolce, io ho optato per una glassa con LATTE di cocco, e zucchero a velo. In alternativa potete semplicemente spolverarlo con zucchero a velo e cannella, oppure cioccolato bianco.

Per la Glassa ho usato 200 g di zucchero a velo e circa 3 cucchiai di latte di cocco intero, piu’ un pochino di essenza di cocco ed un pizzico di sale. Enjoy!!

Piatti dal Mondo, Pies/Tarts/Torte

Informazioni su growingupitalian

Salve! Vivo tra due mondi, ma con i piedi per terra. E' un lusso poter scegliere il meglio di entrambi. La vita mi ha fatto questo regalo, e lo voglio condividere con Voi!! Sono nata negli anni 60 in Italia. Il mondo della televisione in Bianco e Nero, senza cibi GMO, senza smart phones. La mia infanzia e' stata costellata di persone incredibili e memorie indelebili della mia famiglia. Ora, 50 anni dopo e 10 mila km di distanza apparte, tutte queste memorie hanno contribuito ad arricchire la mia vita ..dopotutto, una ragazza puo' lasciare l'Italia, ma l'Italia non lasciam mai le sue ragazze!.Hello all. I live in between two worlds (USA and Italy) but I'm really grounded. I believe it's a luxury to be able to pick and choose the best of both. I've been given that gift and I'm sharing it with you. I was born in the 60's in Italy. Black and White pictures, no GMO, no tablets, no computers or cell phones. My childhood was starred by people and memories. It sure takes a village to raise a child...and a great family. I was blessed to have all of the above. Now, fast forward 50 years, 10,000 kilometers away. My life is richer than ever because of my upbringing. I have stories...lots of stories I will share with you. Afterall, A GIRL might leave Italy, but Italy NEVER leaves the girl!

Precedente Stroopwafel Olandesi al Dulce de Leche Successivo TORTA di SORRENTO a modo mio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.