Pancakes al cacao, Avocado e farina integrale. Buoni, sempre.

Ogni Americano che si rispetti mangia i Pancakes a colazione. Soffici dischetti di impasto morbido. che vengono ricoperti di sciroppo d’acero e tipicamente accompagnati da bacon, uova, patate…

Ma se invece di mangiarli per colazione io li volessi mangiare per cena?  E se non fossero cosi’ dolci da sembrare quasi salati? Beh, si puo’, eccome! Questi pancakes con Avocado sono molto densi e non dolci, ma si accompagnano benissimo con la carne di maiale, oppure frutta fresca. Che ne dite?  Li facciamo?

11038927_10203827308418644_7463440849406259601_n

PANCAKES AL CACAO ED AVOCADO.

Ingredienti per circa 6 pancakes medio~grandi

240 gr di farina integrale

4 Cucchiai rasi di cacao amaro~ se potete sceglietelo scuro o Dutch processed.

2 Cucchiai colmi di zucchero o di Miele

Semi di 1/2 baccello di vaniglia

un pizzico di pepe rosa (facoltativo)

un pizzico di sale

2 cucchiaini di lievito chimico in polvere (in alternativa eliminate la vaniglia ed usale il lievito vanigliato)

1 uovo

250 ml di latte

1 avocado maturo

2 cucchiai di bacche di cacao a pezzettini (facoltative)

Burro per cuocere i pancakes

COME SI FA’

Pre riscaldare il forno ad una temperatura bassa, tanto da mantenere i pancakes caldi mentre li preparate.

DSCF5817Per prima cosa, misurate tutti gli ingredienti “asciutti” come dicono qui:  le farine, il cacao, lo zucchero, il lievito, le bacche di cacao e le spezie. Con una frusta miscelate il tutto.

Nel contenitore di un robot da cucina, mettete l’avocado e tritatelo fino ad ottenere una crema.

Unite l’uovo e fate girare le lame appena il tempo di unirlo all’avocado. Ora aggiungere il latte, a filo.

Una volta emulsionato il tutto versatelo nella miscela di composti asciutti e, con una spatola, mescolare per amalgamare il composto.

Ora mettete una padella anti aderente sul fuoco a fiamma medio bassa. Una volta calda, fateci sciogliere un fiocco di burro, quindi versare 2 cucchiai colmi di impasto e con il dorso del cucchiaio formare un cerchio con l’impasto. Questa operazione non e’ necessaria se vedete che l’impasto si espande da solo.

Il mio e’ sempre un po’ denso perche’ gli Avocados qui sono grandi.

Fate cuocere finche’ vedrete  delle bollicine sulla superficie del pancake. A questo punto con una spatola (tipo quelle da pesce o per girare il cibo sul grill) giratelo e cuocete per altri 3 o 4 minuti, o di piu’ se occorre. Mettete i pancakes pronti nel forno a mantenersi caldi finche’ tutti i pancakes sono pronti.

11224825_10203827608346142_2950830522394130808_n

Conditeli con panna montata, sciroppo d’acero, zucchero a velo, frutta fresca….quello che vi va’!

Io li servo con spiedini di bacon e salsiccie. Pero’ anche da soli, sono ottimi.

11218486_10203827607466120_202726908276776609_n

11205114_10203827319898931_1655781259285827694_n

Until next time, Enjoy!

Alla prossima, Enjoy!

Pubblicato da growingupitalian

Salve! Vivo tra due mondi, ma con i piedi per terra. E' un lusso poter scegliere il meglio di entrambi. La vita mi ha fatto questo regalo, e lo voglio condividere con Voi!! Sono nata negli anni 60 in Italia. Il mondo della televisione in Bianco e Nero, senza cibi GMO, senza smart phones. La mia infanzia e' stata costellata di persone incredibili e memorie indelebili della mia famiglia. Ora, 50 anni dopo e 10 mila km di distanza apparte, tutte queste memorie hanno contribuito ad arricchire la mia vita ..dopotutto, una ragazza puo' lasciare l'Italia, ma l'Italia non lasciam mai le sue ragazze!.Hello all. I live in between two worlds (USA and Italy) but I'm really grounded. I believe it's a luxury to be able to pick and choose the best of both. I've been given that gift and I'm sharing it with you. I was born in the 60's in Italy. Black and White pictures, no GMO, no tablets, no computers or cell phones. My childhood was starred by people and memories. It sure takes a village to raise a child...and a great family. I was blessed to have all of the above. Now, fast forward 50 years, 10,000 kilometers away. My life is richer than ever because of my upbringing. I have stories...lots of stories I will share with you. Afterall, A GIRL might leave Italy, but Italy NEVER leaves the girl!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.