La gubana

La gubana è un lievitato dolce tipico delle valle del Natisone in Friuli.

Il nome per alcuni deriva dalla parola slava “guba” che significa piega , per altri deriva da una evoluzione friulana della potizza,un dolce tipico sloveno che in alcune zone viene chiamato gubanica o giabnica,altri ancora fanno risalire il nome al guban un fungo porcino con il cappello dalla forma tipica della gubana.

Fonti storiche ci danno la certezza che questo dolce fosse già sulle tavole dei friulani dal 1400,testimonianza la visita di Papa Gregorio XII a Cividale del Friuli nel 1409;proprio Cividale vanta la paternità di questo dolce tanto che esiste un consorzio di tutela.

Ho scoperto la gubana  nell’ambito del gran tour organizzato da   AIFB   che questo mese tocca proprio il Friuli.

La gubana è un dolce ricco,ripieno di frutta secca, uvetta,avvolto su se stesso  a mo’  di  chiocciola che avvolge e protegge al suo interno questo ricco ripieno;veniva preparata in occasioni speciali come le festività natalizie e in occasione dei matrimoni.

Potrebbe sembrare una ricetta difficile da realizzare,ma con i passaggi che vi spiegherò riuscirete a prepararla senza difficoltà.

gubana
  • Preparazione: 30 + lievitazione Minuti
  • Cottura: 50-60 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 8 persone

Ingredienti

Lievitino

  • 150 g Farina
  • 80 ml Latte
  • 10 g Lievito di birra fresco

Impasto

  • 350 g farina di tipo 1
  • 2 Uova
  • 60 g Zucchero
  • 75 g Burro
  • 50 ml Latte
  • 2 cucchiai Grappa

Ripieno

  • 90 g Noci
  • 90 g Mandorle
  • 50 g Pinoli
  • 70 g Uvetta
  • 100 g Biscotti Digestive
  • 60 ml Grappa
  • 20 g Burro
  • 30 g Cioccolato fondente
  • 2 cucchiai Zucchero
  • Buccia di limone

Preparazione

  1. Per prima cosa si prepara il ripieno da lasciare, se possibile, tutta la notte nel frigo per dare modo ai vari ingredienti di amalgamarsi.

    Ammollare l’uva passa nella grappa per almeno 20 minuti,profumando anche con la buccia di limone.

    Tritare noci e mandorle in modo grossolano,tritate i biscotti secchi.

    Tostare in padella i pinoli insieme al burro,allo zucchero,al cioccolato.

    Strizzare l’uva passa,amalgamare tutte le preparazioni in una ciotola,se risulta troppo asciutto aggiungere del liquore.Riporre in frigo.

    Preparare il lievitino,metterlo in una ciotola a lievitare fino al raddoppio del volume.

    Trascorso il tempo di lievitazione,mescolare le uova con lo zucchero,setacciare la farina e amalgamarla con il lievitino,il composto di uova e zucchero,il sale,il latte,la grappa e per ultimo il burro;lavorare l’impasto fino ad ottenere un composto elastico e liscio da far lievitare fino al raddoppio(circa due-tre ore).

    Schiacciare l’impasto e ricavare un rettangolo di 1 mm di spessore,spalmare il ripieno di frutta secca.chiudere a rotolo e avvolgere su se stesso a mo’ di chiocciola.

    Adagiate dentro una ruola e lasciate lievitare per un’ora.

    Prima di infornare a 180°,spennellate con albume e zucchero,lasciate cuocere per

    circa un’ora.

Note

 

Per degustare la gubana si taglia trasversalmente e si spruzza con grappa o slivovitz slovena (un distillato di prugne) per esaltare il suo ricco ripieno.

%7% %corrente%
Precedente Salame al cioccolato con riso soffiato Successivo Pane sfogliato americano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.