Gli strascinati pugliesi

Gli strascinati pugliesi sono una preparazione di pasta fresca senza l’utilizzo dell’uovo;il nome deriva dalla lavorazione stessa dell’impasto:trascinato sul piano di lavoro di legno utilizzando due o tre dita,alla fine ogni strascinato presenta una parte liscia quella trascinata sul piano di lavoro e una irregolare quello rimasto a contatto con le dita.

Affondando le sue origini nel nostro lontano passato e volendo dare una quantità di acqua e di farina diciamo che dobbiamo imparare ad usare l’occhio e quando avremo ottenuto un impasto liscio ed elastico avremo raggiunto il nostro obiettivo(io di solito fisso circa 100 g di farina per ogni persona e poco alla volta aggiungo l’acqua).

Il classico abbinamento in Puglia è con le cime di rapa,un condimento molto semplice che viene esaltato dal filo di olio a crudo nel piatto.

strascinati pugliesiStrascinati pugliesi 

Ingredienti:

farina

acqua

Procedimento:

disporre la farina a fontana sulla spianatoia (circa 100 g di farina per ogni commensale) e versare poco alla volta l’acqua e cominciare ad impastare,quando avrete assorbito tutta la farina potete lavorare il tutto per ottenere un impasto morbido ed elastico.

Lasciatelo riposare per 30 minuti coperto con un canovaccio infarinato.

Riprendete l’impasto e tagliatelo a pezzetti,lavorate ogni pezzo per ottenere dei serpentelli di pasta,tagliateli lunhgi circa 6-7 cm e dategli la forma con le dita “trascinandoli” sul piano di lavoro ben infarinato per ottenere gli strascinati pugliesi.

Collage strascinati

%7% %corrente%
Precedente Cheesecake doppio strato con nutella Successivo Sfogliatine con le prugne

Un commento su “Gli strascinati pugliesi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.