Trofie con pesto genovese

Le trofie con pesto genovese sono un primo piatto della tradizione ligure molto semplice, ma di una bontà unica. Semplice sì, ma assolutamente da preparare con materie prime ottime e ben bilanciate nel loro peso, ho preso le dosi direttamente dal Consorzio del pesto genovese e devo dire che così buono e cremoso non mi era mai venuto. Seguitemi in cucina e sentirete che profumino.

Trofie con pesto genovese
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    per 600 g di trofie
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 600 g Trofie
  • 50 g basilico freschissimo
  • 1 spicchio di aglio grosso (la ricetta prevede uno spicchio normale ogni 30 foglie di basilico))
  • mezzo bicchiere olio extravergine di oliva
  • 120 g Parmigiano reggiano (grattugiato)
  • 40 g Pecorino sardo (grattugiato)
  • 1 cucchiaio pinoli
  • 1 pizzico Sale fino

Preparazione

  1. Trofie con pesto genovese evidenza3
    • Innanzitutto ci tengo a precisare che il vero pesto genovese si prepara con il mortaio ed il pestello di legno, ma purtroppo non tutti ne siamo muniti e con la frenesia dei giorni nostri sono sempre di più le persone, liguri compresi, che usano il frullatore. Io ho usato il frullatore e ricordatevi di mettere le lame nel congelatore una ventina di minuti prima di iniziare a preparare il pesto, in questo modo, il freddo delle lame, ridurrà il processo di ossidazione del basilico. Bene iniziamo.
    • Porre sul fuoco una capace pentola piena di acqua salata e portarla a bollore.
    • Lavare le foglie i basilico sotto acqua fresca corrente, poi porle su un canovaccio pulito allargate.
    • Sbucciare l’aglio e porlo nel frullatore, insieme al pizzico di sale, i pinoli e metà dell’olio indicato.
    • Aggiungere, poco per volt, il basilico, azionando il frullatore per poco tempo e ad intermittenza (per non scaldare troppo le lame).
    • Infine unire i formaggi e dare un ultima veloce frullata. Il pesto genovese è pronto, non vi preoccupate se vi sembra troppo denso, lo allungheremo con un pochino di acqua di cottura delle trofie. Se invece intendete conservarlo, aggiungete un cucchiaio abbondante di olio.
    • E’ il momento di cuocere le trofie seguendo le indicazioni di cottura sulla confezione. Una volta cotte, scolarle (tenere un po’ di acqua da parte) e porle in una zuppiera, Condirle con il pesto genovese e mescolare bene, se risultasse troppo compatto, diluire con l’acqua di cottura messa da parte. Servire subito e buon appetito!

    Torna alla HOMEPAGE


    Clicca su MI piace alla mia pagina facebook QUI e non perderai più le nuove ricette!

  2. Volete essere sempre aggiornati sulle nuove ricette del blog?
    Iscrivetevi alla Newsletter, non ve ne perderete una!

    Se avete piacere, potete seguirmi sul web: trovate
    qui la mia pagina FacebookTwitter e anche Google+ ( pagina del blog e profilo personale ) per
    restare sempre aggiornati sulle nuove ricette e in contatto con me!

Precedente Melanzane arrostite alla messinese Successivo Impepata di cozze

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.