Pane con macchina del pane

Uno dei ricordi più belli che ho della mia infanzia sono i sabato mattina in cui passavo al forno con mia mamma 👩‍👧e la fornaia mi accompagnava nel retro per vedere le macchine che impastavano il pane e le pagnotte appena sfornate. Il profumo del pane fresco 🍞 è per me qualcosa di irresistibile, così come una pagnotta calda e appena sfornata. Sono sempre stata un’amante dei carboidrati e credo proprio non potrei vivere senza pane, che sia a colazione con ricotta e marmellata oppure a cena assieme a un secondo e un contorno.
Come se non bastasse, mia nonna è un’appassionata della panificazione ha una macchina del pane enorme in cui prepara sempre i tipi di pane più disparati 🥖: da quello integrale o ai semi a quello con la farina di segale o di avena fino a quello alla curcuma. Vicino alla macchina del pane, infatti, ha una stanza in cui tiene tantissime farine diverse che usa nei suoi esperimenti. Da brava nipote, io sono la “cavia” per il suo pane e, assaggio dopo assaggio, mi sono avvicinata a questo mondo e ho deciso di provare anche io a farlo 😋.
Preparare il pane con la macchina del pane, però, è sempre un rischio perchè, a meno che non si usi una ricetta molto buona, il rischio è quello di ritrovarsi con un mattoncino pesante e poco lievitato 🙄. Io volevo ottenere un pane simile a quello in cassettta: morbido e sofficissimo. E sapete cosa ho fatto? Dato che online n esistono tantissime versioni, ho chiesto la ricetta a mia nonna e mi sono messa all’opera!
Il risultato è stato eccezionale: una pane davvero morbido e lievitato alla perfezione, con la crosta morbida e sottile fuori e super soffice dentro 🍞. Che dire? Ho trovato la ricetta perfetta e sono soddisfatta al mille per cento! Sotto vi spiego come e una versione super basic del pane fatto in casa utilizzando la classica farina 0 e vi lascio qualche trucco utile 🧁

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura3 Ore
  • CucinaItaliana

Strumenti

  • Macchina per il pane

Ingredienti:

450 gr di farina 0

250 ml di acqua

1/4 di bicchiere di olio extravergine di oliva

1 cucchiaino e 1/2 di sale

1 cucchiaino di zucchero

6 gr di lievito di birra

Procedimento:

Mettere nel cestello i liquidi (acqua leggermente tiepida e olio) con il sale e lo zucchero. Versarvi sopra la farina e infine il lievito sbriciolato. Agganciare il cestello alla macchina del pane e selezionare il programma desiderato. Una volta pronto, lasciar raffreddare il pane prima di portarlo in tavola.

Consigli:

– Io utilizzo la macchina del pane Severin ma le dosi che vi ho indicato non sono quelle scritte nel libretto di istruzioni, bensì quelle che mi ha insegnato mia nonna

– La mia macchina del pane consente impasti fino a 550 gr di farina, perciò la mia ricetta è tarata su 450 gr di farina. Se avete una macchina più grande, potete tranquillamente raddoppiare le dosi

– Il programma che ho selezionato è quello per sandwich e panini e consente di ottenere un pane con la crosta poco spessa. Per questo motivo, resta super simile al pane in cassetta del forno..a me soddisfa al mille per cento!

– Se amate il pane con la crosta spessa e croccante, vi consiglio di selezionare il programma di cottura normale e con una cottura molto dorata

– La lievitazione dipende da molti fattori, primi tra cui il clima e l’umidita, perciò potrà capitarvi di ottenere risultati leggermente diversi a seconda del tempo

– In questa ricetta ho usato una farina 0 ma in futuro ve ne proporrò altre versioni. Come linea generale, però, se decidete di usar farine più forti (1, 2, integrali) il consiglio è quello di aumentare leggermente la dose di acqua e di usare un mix di farine diverse

Se ti è piaciuta la mia ricetta, fammelo sapere nei commenti sotto al post 🥰

Hai provato una mia ricetta? Mandami una foto e la ripubblicherò 📸

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.