Crea sito

PIZZA CON ZUCCA E SALSICCIA (light)

L’estate è da poco finita, l’aria serale si fa più fredda e nelle nostre cucine tornano a prevalere i colori e i sapori dell’autunno, fra una pioggia normale e un temporale, fra il mormorio del vento e il canto degli uccelli, fra un golfino felpato su una maglietta a mezze maniche, e sforniamo ancora una pizza che rappresenta la stagione, una pizza con crema di zucca e salsiccia.
Che dire di questa combinazione? È una bontà che è regina del sabato sera e che diventa sana ed equilibrata quando si combina con ingredienti inaspettati. Anche questa versione è attenta alle calorie, quindi mangiatela senza rimorsi.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Porzioni4 pizze piccole
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 320 gsalsiccia di pollo
  • 400 gzucca
  • 1scalogno
  • 250 gmozzarella (Io light)
  • 40 gMix pecorino e parmigiano (Grattugiato)
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale

Preparazione

  1. Preparare la base per la pizza. Se volete seguire la mia ricetta vi basta cliccare -> base per pizza integrale.

    Preparare poi la farcia.

    In un tegame versare un filo d’olio con lo scalogno tritato e far riscaldare. Non appena lo scalogno inizia a sfrigolare, unire le salsicce e farle leggermente rosolare.

    Tagliare a pezzetti la zucca, unirla alle salsicce, salare e far cuocere per il tempo che diventi morbida a fuoco lento e con coperchio.

    Una volta pronta, togliere le salsicce e frullare la zucca.

    Dividere il panetto di pizza in 4 pezzi e stenderli in 4 teglie legger.ente unte, allargando con le mani.

    Lasciar lievitare una mezz’ora, poi mettere su ogni panetto uno strato di crema di zucca, una polverizzata di mix di formaggi, la mozzarella tagliata a dadini e qualche pezzo di salsi cia affettata.

  2. Preriscaldare il forno al massimo (il mio arriva a 220°) e cuocere le pizze per 15 – 20 minuti.

    Appena pronte servire subito.

/ 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “PIZZA CON ZUCCA E SALSICCIA (light)”

    1. De gustibus. In cucina e nella vita non bisogna essere monotoni. Ok la tradizione, ma discostarsi da essa fa parte anche dell’evoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.