Gnudi di Erbette

Da quando sono diventata vegetariana passo molto più tempo nel reparto frutta e verdura. Il problema è che non avendone mai mangiata, mi trovo spesso in difficoltà. L’altro giorno, per esempio, avevo bisogno dell’insalata per preparare dei panini con burger e le etichette con il prezzo (e quindi con il numerino per pesarle) erano in ordine sparso. Ero davvero imbarazzata! Sapevo che mi serviva della lattuga iceberg ma non riuscivo a capire quale fosse! Devo decisamente ampliare i miei orizzonti e osare di più. Così, abbandonata la lattuga al suo destino (chissà se alla fine ho preso quella giusta), ho deciso di buttarmi sulle erbette e avvalermi della confezione di ricotta che avevo in casa per preparare gli Gnudi di Erbette.

Per coloro che non ne hanno mai sentito parlare, gli gnudi sono un primo piatto, generalmente condito con burro e salvia, tipico della Toscana ma anche di altre zone del Nord Italia, così chiamato per l’assenza di un involucro di pasta esterno. In pratica, sono realizzati unicamente dal “ripieno” dei ravioli, lessato e condito. Sono semplici e veloci da preparare e vi piaceranno moltissimo!

gnudi di erbette

Gnudi di Erbette

Ingredienti per due persone:

  • 750 g di Erbette (già pulite e lavate)
  • 1 spicchio di Aglio
  • 250 g di Ricotta
  • 1 Uovo
  • 100 g di Formaggio Grattugiato
  • 40 gr di Farina
  • Pangrattato qb
  • 50 gr di Burro
  • 5-6 foglie di Salvia
  • Olio Evo, Sale e Pepe

Procedimento:

Come prima cosa, cuocete le erbette in una capiente padella antiaderente, con il coperchio e senza aggiungere acqua, con lo spicchio di aglio e un filo d’olio finchè saranno appassite. Togliete lo spicchio di aglio e trasferitele, una volta raffreddate, in un mixer assieme alla ricotta. Frullate e aggiustate di sale e pepe.

Versate il composto in una ciotola, unite l’uovo, il grana, la farina e cominciate ad amalgamare. Dovete ottenere una consistenza compatta e, a tal fine, vi servirà aggiungere pangrattato. Per dare agli gnudi la loro forma caratteristica, dovete formare delle quenelle oppure, se non volete uscirne pazzi, potete infarinarvi le mani e formare delle specie di crocchette cilindriche.

Portate a bollore una pentola con abbondante acqua salata e fate una prova cuocendo uno gnudo. Se in cottura non si sfalderà, la consistenza è giusta, in caso contrario unite altro pangrattato o farina. Non dovete spaventarvi, io ne ho buttati tre prima di farcela!

Nel mentre, in una larga padella antiaderente mettete a sciogliere il burro con le foglie di salvia e, non appena gli gnudi verranno a galla, trasferiteli nella padella e fateli insaporire qualche minuto.

Impiattate e completate con una spolverata di grana.

Seguimi sulla mia pagina Facebook per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette!
Il Girone dei Golosi Veg Style

Molte mie Ricette sono state pubblicate nel Sito→ #RicetteBloggerRiunite♥

Grazie al Gruppo @RBR♥

15 Commenti su Gnudi di Erbette

  1. Davvero buoni! Qui da me in Piemonte, esattamente nella provincia di Alessandria, esiste una ricetta simile e si chiamano Rabattoni. Ma vengono cotti in forno, così fanno una bella crosticina 😀

  2. Preparo anch’io questo primo piatto ma ti giuro che non sapevo come si chiamasse 🙂 …sono buonissimi,complimenti per la tua realizzazione!

  3. Che bell’aspetto, mai provato un piatto simile. Devo assolutamente provarli, sicuramente, visti gli ingredienti, saranno buonissimi, grazie mille per la ricetta 🙂

  4. Che delizia..una volta gli ho mangiati da mia cognata..inutile dirti che ho fatto il bis..voglio provare a realizzarli a casa!

  5. non conoscevo questa ricetta ma sono molto curiosa di provare a realizzarla anche io…sembrano buonissimi! grazie per averla condivisa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.