Crackers al rosmarino, io non li compro più.

Crackers al rosmarino o sfogliatine croccanti?
Il dilemma è tanto so solo che mangiato uno non riesci a smettere tanto sono buoni!
I miei crackers al rosmarino sono nati per testare la mia pasta madre nata da poco, Mimì, che dopo un piccolo incidente, il vasetto caduto a terra infrangendosi in mille pezzi, ho rimesso le mani in pasta per crearla di nuovo.
Se interessa il procedimento della realizzazione della pasta madre, potete leggere tutto il procedimento seguendo il DIARIO

Ritorniamo alla ricetta dei crackers al rosmarino, che ho voluto provare dopo il successo di quelli integrali (RICETTA) in cui ho usato gli esuberi, ma qui ho invece prima rinfrescato, in quanto non ne possedevo, poi atteso il suo sviluppo ho impastato .
Di seguito metterò anche le dosi se si volesse usare il lievito di birra.
Vedrete, son così semplici che non comprerete più i crackers al rosmarino

 crackers al rosmarino vert

CRACKERS AL ROSMARINO con pasta madre

300 g di pasta madre rinfrescata e attiva
150 g di farina 00
100 ml di acqua tiepida circa
30 ml di olio extravergine di oliva
8 g di sale
3 cucchiaini di rosmarino essiccato

CRACKERS AL ROSMARINO con lievito di birra

450 g farina 00
8 g di lievito di birra
100 ml di acqua tiepida circa
30 ml di olio extravergine di oliva
8 g di sale
3 cucchiai di rosmarino essiccato

Io ho usato l’impastatrice, ma si può impastare tranquillamente a mano

PROCEDIMENTO

Sciogliamo il lievito madre precedentemente rinfrescato in una ciotola l’ acqua molto bene.
Ne uso molta in quanto non ci sono tempi di lievitazione.
Se produciamo molto con la pasta madre facendo più panificazioni durante la settimana possiamo anche tenere in considerazione di usare gli esuberi che avremo tenuto in frigo per max una settimana, se no risulterebbero troppo acidi.
Se usando gli esuberi sentiamo un odore troppo intenso all’impasto uniamo una punta di bicarbonato

Se si usa il lievito di birra, ne sciogliamo la dose indicata in metà acqua tiepida e procediamo come di seguito riportato, sia che si usi Pasta Madre, che lievito di birra.

Nella ciotola dell’impastatrice aggiungiamo la farina, il sale infine il rosmarino essiccato e mescoliamo, poi l’olio e la pasta madre sciolta (o il lievito).
Mescoliamo aggiungendo acqua fino a raggiungere una consistenza ne troppo dura ne troppo morbida in base alla farina quanto ne assorbe.
Facciamo lavorare l’impastatrice fino a che non avremo un’impasto elastico, circa 10 minuti.
Accendiamo il forno a 200° e portiamola a temperatura.
Spostiamo in una spianatoia l’impasto.
Io l’ho diviso in più panetti in quanto ho tirato una sfoglia sottile (poco più di 1 mm) sopra un foglio di carta forno in modo da non toccare troppo i crackers al rosmarino e con la rotella tagliapasta ho creato tanti rettangoli e con i rebbi di una forchetta bucherellati.
Spostiamo la carta forno all’interno della placca e inforniamo per un max di 10 minuti controllando la cottura non facendoli bruciare.
Ripetiamo l’operazione fino al termine dell’impasto.

Continua a seguirmi su Facebook
o
nella pagina di Google+

Precedente Ossibuchi di vitello con piselli Successivo Treccia salata con fave, pancetta e pecorino

8 commenti su “Crackers al rosmarino, io non li compro più.

  1. Eheheheheh, anche io, da quando ho scoperto che “home made” sono prelibatissimi, non li compro più. Come tante, tantissime altre cose ^_^
    Complimenti, hanno un aspetto molto invitante.

  2. rosetta il said:

    ciao,
    nella ricetta con lievito di birra forse la dose dell’cqua è sbagliata? 100 g di acqua per 450 di farin mi serbrano molto pochi….

    • Ciao Rosetta, parti con 100 ml di acqua ma se vedi che l’impasto risulta troppo compatto (dipende sempre dalla farina come assorbe) puoi aggiungere fino a 50 ml in più

    • Utilizzando esuberi di pasta madre, questi sono meno forti della pasta rinfrescata e quel tempo permette di rendere il prodotto più gonfio.

  3. Tizy il said:

    Ciao! Una domanda, nel forno li posiziono al centro o parte bassa? (ho un forno normale, non elettrico, col calore dal basso)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.