Pizza di scarole

La pizza di scarole è un piatto tipico della cucina tradizionale napoletana. Viene preparata tradizionalmente durante il periodo delle feste di Natale.
Come tutte le ricette tradizionali regionali esistono diverse varianti ed ogni famiglia ha la sua ricetta personale, io vi do la mia e qualche suggerimento se volete personalizzarla.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione50 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni6/8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gfarina 0
  • 250 mlacqua
  • 45 gstrutto
  • 15 glievito di birra fresco
  • 3 cespiscarole
  • 120 golive nere
  • 1/2 cucchiaiosale
  • 25 gcapperi
  • 1 spicchioaglio
  • q.b.sale
  • q.b.pepe
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Strumenti

  • 1 Tortiera
Solitamente la pizza di scarole si fa in una teglia rotonda ma dato che a casa mia la mangio solo io, ho utilizzato una tortiera rettangolare così da avere una pizza di scarole più piccola.
Io ho utilizzato la tortiera rettangolare da 36cm con fondo estraibile di De Buyer che potete trovare qui.

“Questo articolo contiene un link di affiliazione Amazon”

Preparazione

  1. Iniziate la preparazione con la pasta. In una ciotola mettete la farina, fate la fontana e aggiungete l’acqua dove avrete sciolto il lievito di birra.

    Iniziate a mescolare fino a quando l’acqua sarà assorbita dalla farina. A questo punto, sulla spianatoia, aggiungete il sale e lo strutto poco per volta. Dovete impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

    Mettete l’impasto in una ciotola coperta con pellicola e fate lievitare fino al raddoppio in un luogo caldo.

  2. Nel frattempo potete preparare il ripieno. Prendete i cespi di scarola, sciacquateli, eliminate le foglie esterne e il gambo. Tagliate a pezzi grossolani le foglie di scatola e fate cuocere in abbondante acqua fino a quando si saranno ammorbidite.

  3. Scolate la scarola e trasferitela in padella con un filo di olio evo e uno spicchio di aglio. Aggiungete i capperi dissalati e le olive nere, regolate di sale e di pepe e fate cuocere coperto per circa 10 minuti. Fate raffreddare.

  4. Quando la pasta avrà raggiunto il doppio del volume, dividete il panetto in 2 e stendete fino ad ottenere una sfoglia.

  5. Prendete una teglia e cospargetela di olio evo, stendete il primo disco di pasta e disponete al suo intero le scarole stufate.

    Richiudete con l’altro disco di pasta e sigillate molto bene i bordi.

  6. A questo punto la pizza di scarola deve lievitare ancora un’ora circa.

  7. Una volta lievitata, ungete la superficie con un pochino di strutto e create un foro al centro in cui dovrete creare il camino con un pochino di stagnola.

  8. Fate cuocere a 180°C per circa 30/35 minuti.

  9. Fate intiepidire e tagliate a fette. La pizza di scarole è pronta per essere servita.

Preparazione

Molte ricette prevedono anche l’uso all’interno del ripieno di uva sultanina e pinoli; a voi decidere se metterli oppure no è una questione di gusti.

Conservazione

La pizza di scarole si conserva in un contenitore ermetico per un paio di giorni in frigorifero.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.