Migliaccio dolce di Carnevale

Il migliaccio è un dolce napoletano tipico del periodo di Carnevale. Si tratta di una preparazione rustica a base di semola di grano duro, uova, latte, zucchero e aromi. Viene spesso reso più “fine” al palato attraverso l’aggiunta di ricotta e prepararlo è davvero un gioco da ragazzi!

Migliaccio dolce napoletano
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    50/60 minuti
  • Porzioni:
    10 pezzi
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Per una tortiera da 22/24 cm

  • 500 g Acqua
  • 500 g Latte
  • 200 g Semolino
  • 50 g Burro
  • 350 g Ricotta
  • 250 g Zucchero
  • 4 Uova
  • 1 g Sale
  • Scorza d’arancia grattugiata
  • Scorza di limone grattugiata
  • buccia di limone intera
  • buccia d’arancia intera
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 cucchiaio limoncello (o Strega)

Preparazione

  1. In una pentola unire il latte, l’acqua, la bacca di vaniglia (in alternativa 1 cucchiaino di essenza o 1 bustina di vanillina) la buccia di un’arancia e di un limone e riscaldare il tutto per bene fino a sfiorare il bollore.

  2. Abbassare la fiamma, eliminare la buccia degli agrumi e la bacca di vaniglia, aggiungere il burro e farlo sciogliere.

  3. Versare il semolino a pioggia e continuare a mescolare con una frusta per non farlo attaccare.

  4. Non appena il semolino si sarà addensato (basteranno un paio di minuti), spegnere la fiamma, trasferire le semola ormai in una pirofila e lasciarla raffreddare.

  5. A parte lavorare le uova con lo zucchero, la buccia grattugiata di limone e d’arancia, la vaniglia (essenza), il limoncello e la ricotta (aggiunta un cucchiaio per volta). Infine unire il semolino e lavorare il composto fino a che non risulta liscio e omogeneo.

  6. Rivestire uno stampo con carta da forno e riversare l’impasto al suo interno. Livellare la superficie con un cucchiaio umido.

  7. Infornare in forno preriscaldato a 180° e cuocere per 40-50 minuti o comunque fino a che la superficie risulta dorata. Il migliaccio è cotto se infilando uno spaghetto al centro dell’impasto questo fuoriesce asciutto.

  8. Lasciare raffreddare un paio di ore (ancora meglio tutta la notte), dopodiché spolverizzare con abbondante zucchero a velo e servire.

Note & Consigli

  • Per un migliaccio più rustico e meno liscio la ricotta può essere omessa
  • Il migliaccio esiste anche in una saporita versione salata ricca di salame.
  • Il giorno dopo è sempre più buono!
  • Non lesinare con gli aromi! C’è anche chi utilizza acqua di fiori d’arancio o millefiori.

Precedente Insalata di mare economica Successivo Muffin al cacao senza uova e senza burro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.