Impepata di cozze

‘A’mpepata e cozz, ovvero l’impepata di cozze, è un antipasto della cucina partenopea conosciuto e apprezzatissimo in tutta Italia, sia per la sua bontà che per la facilità di preparazione che la contraddistingue. Basta pulire le cozze e si può dire che il gioco è quasi fatto!

‘A ‘mpepata e cozz, cozze alla tarantina, cozze scoppiate, cozze in tegame: tutti sinonimi per indicare la medesima ricetta! Tu chiamale pure come vuoi, la sostanza non cambia! ^_^

Cozze scoppiate
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    5 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 1 kg Cozze
  • q.b. Pepe nero

Ingredienti facoltativi

  • 1 spicchio Aglio
  • 1 cucchiaio Olio extravergine d’oliva
  • 1 ciuffo Prezzemolo fresco
  • 1 limone

Preparazione

  1. Pulizia delle cozze

    Pulire le cozze come indicato qui.

  2. Cozze scoppiate_cottura

    Scaldare una casseruola, versarvi le cozze, condire con abbondante pepe (chi lo desidera può aggiungere anche aglio e olio) e coprire da subito con un coperchio.

  3. Impepata di cozze_cottura

    Lasciar cucinare 4-5 minuti a fuoco vivace agitando la casseruola di tanto in tanto in modo da mescolare le cozze. Il tempo di cottura può variare (anche se di poco) in base alla quantità di cozze; le cozze saranno cotte non appena le valve appariranno aperte.

  4. Cozze scoppiate_piatto finito

    Spegnere la fiamma, eliminare le cozze che non si sono aperte e servire immediatamente guarnendo ogni singola porzione con spicchi di limone e prezzemolo fresco.

Note & Consigli

  • Questa stessa ricetta è molto diffusa anche in Sicilia dove prende il nome di cozze scoppiate.
  • Chi desidera un piatto maggiormente gustoso può fare un leggero soffritto con un cucchiaio di olio d’oliva e uno spicchio di aglio per poi aggiungere le cozze e procedere come indicato sopra.
  • Con lo stesso procedimento possono essere preparate anche le vongole.
  • Le cozze (termine regionale del sud Italia), scientificamente chiamate “mitili”, sono conosciute anche con altri nomi tipicamente regionali tra i quali il più diffuso nel nord Italia è il termine ligure “muscoli”.
  • Prediligete consumare le cozze nel periodo che va da aprile a settembre, ovvero il periodo in cui potete trovare le cozze della specie “mediterranea”, caratterizzate da piccole dimensioni e un frutto dal colore intenso (più chiaro per la specie maschile, più arancio per quella femminile). Se invece vi capita di trovare cozze più grandi e dai frutti più chiari sappiate che si tratta di cozze della specie “atlantica”, più comunemente dette “spagnole”, decisamente meno saporite rispetto a quelle della varietà italiana.

Precedente Pasta cu i vruocculi arriminati Successivo Insalata di mare economica

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.