Ricetta pasta frolla facile: a mano o in planetaria.

La pasta frolla è una delle preparazioni basilari della pasticceria e probabilmente anche la prima cosa che si impara a fare avvicinandosi al mondo dei dolci. Estremamente versatile, la ricetta della pasta frolla è un classico della pasticceria e si dimostra utile per mille preparazioni diverse: crostate, biscotti, tartellette, pasticcini e così via.

Di ricette di pasta frolla ne esistono veramente a bizzeffe. Oggi ti lascio la ricetta di una pasta frolla molto semplice, dolce al punto giusto e non eccessivamente burrosa. Ti insegnerò le due tecniche principali per prepararla sia a mano che in planetaria.

Pasta frollaIngredienti per una crostata da 30 cm (o biscotti)

  • 500 g di farina 00
  • 200 g di zucchero a velo
  • 160 g di burro
  • 2 uova intere
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci o un pizzico di bicarbonato (facoltativo)
  • semi di 1/2 bacca di vaniglia o 1 cucchiaino di essenza di vaniglia (o altro aroma a piacere)
  • scorza grattugiata di 1/2 limone
  • 1 pizzico abbondante di sale (1 g)

Preparazione a mano con metodo classico

  1. Setacciare la farina con un cucchiaino di lievito per dolci o un pizzico di bicarbonato (facoltativo).
  2. Disporre la farina a fontana su di un piano di lavoro o all’interno di una ciotola.
  3. Al centro della fontana aggiungere lo zucchero, le uova, il burro a temperatura ambiente, il sale, e gli aromi.
  4. Con la punta delle dita cominciare ad impastare dal centro verso l’esterno. Occorre dunque lavorare dapprima gli ingredienti centrali (zucchero, burro e uova) e solo verso la fine inglobare la farina.
  5. Impastare il tutto velocemente e il meno possibile fino ad ottenere un panetto omogeneo.
  6. Avvolgere il panetto nella pellicola per alimenti e far raffreddare la pasta frolla in frigo per un paio di ore.
  7. A raffreddamento avvenuto estrarre la pasta frolla dal frigo, lavorarla leggermente per fargli riprendere l’elasticità, dopodiché utilizzarla secondo il bisogno per crostate, biscotti, tartellette e quant’altro.

Preparazione a mano con metodo sabbiato

  1. Disporre la farina setacciata su di una spianatoia e aggiungere il burro freddo a tocchetti.
  2. Strofinare tra le mani la farina e il burro fino a ottenere un composto della consistenza del formaggio grattugiato.
  3. Aggiungere lo zucchero a velo, il pizzico di sale, gli aromi e le uova leggermente sbattute con una forchetta.
  4. Impastare dapprima dal centro amalgamando le uova con zucchero e aromi, e solo in seguito inglobare la farina.
  5. Lavorare il tutto molto velocemente in modo da evitare che il composto si scaldi troppo. A tal proposito, nella prima fase di impasto è consigliabile prediligere l’uso di un tarocco da cucina, per poi utilizzare le mani solo nella fase finale.
  6. Formare un panetto, avvolgerlo con  pellicola e farlo riposare in frigo almeno per un’ora (meglio ancora un paio di ore, o addirittura tutta la notte).

Preparazione con planetaria con metodo classico

  1. All’interno della ciotola della planetaria versare il burro morbido e lo zucchero.
  2. Lavorare con la frusta a k fino ad ottenere una crema.
  3. Aggiungere a filo le uova leggermente sbattute, un pizzico di sale e gli aromi continuando a lavorare il tutto.
  4. In ultimo aggiungere il lievito (facoltativo) e la farina.
  5. Lavorare a minima velocità finché la farina risulterà completamente assorbita.
  6. Trasferire il composto su di una spianatoia a lavorarlo velocemente a mano fino a formare una palla.
  7. Avvolgere l’impasto in pellicola per alimenti e lasciarla raffreddare in frigo per un paio di ore.

Preparazione con planetaria con metodo della sabbiaturapreparazione pasta frolla con metodo sabbiato

  1. Nella ciotola della planetaria unire la farina e il burro freddo a pezzetti e con il gancio a foglia lavorare due minuti a velocità  2, fino ad ottenere la consistenza del formaggio grattugiato (avvenuta sabbiatura).
  2. Aggiungere  lo zucchero a velo, le uova leggermente sbattute con una forchetta e gli aromi.
  3. Lavorare ancora a velocità 2 per un altro paio di minuti, fino a che l’impasto non si compatterà attorno al gancio.
  4. Riversare il composto su di una spianatoia spolverizzata con farina, compattare il composto a mano formando una palla e avvolgere quest’ultima nella pellicola per alimenti. A tal proposito il maestro Montersino consiglia in alternativa di adagiare la frolla tra due fogli di carta da forno e formare un panetto rettangolare leggermente appiattito, al fine di agevolare il raffreddamento.
  5. Far riposare la pasta frolla in frigo per un paio di ore.
  6. Trascorso il tempo necessario di riposo, estrarre la pasta frolla dal frigo e lavorarla velocemente con le mani per snervare l’impasto, ovvero riottenere la classica consistenza lavorabile della frolla.
  7. Utilizzare la pasta frolla secondo necessità.

Note & consigli

  • Per realizzare una crostata stendere la pasta frolla ad uno spessore di circa 1/2 cm. Arrotolare la frolla sul mattarello e poggiare il tutto sulla teglia spennellata di burro fuso. Per ottenere dei bordi perfetti passare il mattarello sui bordi della tortiera affinché l’eccesso venga eliminato e far aderire bene la frolla allo stampo. Far riposare la frolla già nello stampo per 10 minuti in frigo o congelatore. Infornare in forno caldo a 180° per 40 minuti.
  • Per realizzare dei biscotti stendere la frolla su un piano infarinato e tagliare i biscotti con la formina desiderata. Dopodiché cuocere i biscotti su di una leccarda rivestita con carta oleata  in forno caldo a 180° per 15 minuti
  • E’ possibile congelare la pasta frolla avvolta in pellicola trasparente per un paio di mesi. Quando necessario, lasciarla scongelare in frigo per un paio di ore.
  • Ti piacciono le frolle molto burrose? Prova la frolla fine del maestro Montersino
  • Preferisci la frolla al cacao? Impara con me a prepararla con i consigli del maestro Knam.

Alla prossima ricetta! ^_^

Valeria

Precedente Totani ripieni in umido Successivo Come pulire il pesce

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.