Polpettine d’India

Speziate, saporite, morbidissime, profumate e colorate! Queste polpettine profumano d’Oriente e hanno tutto il gusto delle tipiche pietanze della cucina indiana, una cucina per la quale nutro una profonda passione. Il profumo del cardamomo, la freschezza pungente dello zenzero, la nota addolcente della cannella, il carattere deciso dell’aglio, il colore della curcuma, l’odore forte e dolciastro del cumino: un pout- purri di aromi e sapori che danno vita a una cucina unica nel suo genere e immediatamente distinguibile. La cucina indiana non può lasciare indifferente: o la si ama alla follia o non la si tollera, e io decisamente me ne sono innamorata tanti anni fa, nello stesso istante in cui mi sono innamorata di mio marito, in un romanticissimo ristorante indiano di Palermo.

candela

Come sempre la mia cucina è fatta di ricordi e questi più che mai hanno il tepore di una candela accesa e profumano di spezie!

E a proposito di spezie… vi lascio la mia personalissima ricetta per ottenere delle polpettine speziate morbidissime, realizzate senza uova, cotte in una salsa insaporita con abbondante tandoori masala e accompagnate da un classico riso basmati profumato al cardamomo.

INGREDIENTI

Per le polpettinepolpettinde d'India 2

  • 200 g di macinato misto
  • 1 cucchiaio abbondante di farina di ceci (darà compattezza alle polpettine)
  • sale q.b
  • 2 pizzichi di curcuma
  • 1 cucchiaino di cumino
  • 2 pizzichi di paprika dolce
  • pepe q.b
  • coriandolo macinato (fresco ancora meglio)
  • 1/2 cm di zenzero fresco grattugiato
  • latte q.b (è il vero segreto per delle polpette morbide)
  • farina  q.b

Per la salsaspicy sauce

  • 1 cucchiaio abbondante di tandoori masala
  • 400 g di polpa di pomodoro
  • 2 cucchiai di olio di oliva
  • 1/2 cipolla rossa
  • sale q.b

Per accompagnareriso basmati

  • riso basmati al vapore

PROCEDIMENTO

In una ciotola impastare la carne, la farina di ceci, le spezie e lo zenzero grattugiato aggiungendo tanto latte quanto basta ad ottenere un impasto morbido ma ancora lavorabile con le mani. preparazione polpettine d'IndiaFormare 20 polpettine  e passarle nella farina. Soffriggere la cipolla e il tandoori masala nell’olio o nel burro chiarificato (ghee). Aggiungere la polpa di pomodoro e allungare con un bicchiere abbondante di acqua. Quando la salsa sarà giunta ad ebollizione aggiungere le polpettine. Aggiustare di sale ed eventualmente aggiungere altro tandoori masala a piacimento. Abbassare la fiamma, coprire con un coperchio e cuocere per 30-40 minuti.

Preparazione riso basmati: trucchi e metodiche.

Il riso basmati è una varietà di riso a chicco lungo con una fragranza caratteristica e un gusto molto delicato. Il suo nome in hindi Basamatī significa “regina di fragranza” e deriva dal sanscrito vasaymayup (vasay: aroma; mayup: intriso). Da centinaia di anni il riso basmati viene coltivato in India e Pakistan. Ad oggi nel mondo esistono ben 86 varietà di riso basmati ma non tutte hanno le caratteristiche originali di questo ormai famosissimo alimento.

Preparare il riso basmati richiede una serie di accorgimenti fondamentali per evitare l’effetto “papocchio” (colla).

Se seguirete scrupolosamente i seguenti passaggi non avrete problemi:

  1. lavare ripetutamente il riso in acqua fredda corrente almeno 4 o 5 volte, o fino a quando l’acqua non risulterà quasi limpida
  2. mettere il riso a  bagno in acqua fredda per 30 minuti
  3. scolare il riso e lasciarlo in un colino fino al momento della cottura
  4. cuocere il riso utilizzando uno dei metodi seguenti (in nessun caso vanno saltati i passaggi precedenti).

Metodi di cottura del riso basmati

1° METODO – COTTURA AL MICROONDE: in una ciotola con coperchio adatta alla cottura in microonde unire 1 parte di riso e 1 parte e 1/2 di acqua ( 1 tazza di riso + 1 tazza e 1/2 di acqua), un pizzico di sale  e cuocere il riso nel microonde utilizzando la funzione vapore per circa 3-4 minuti oppure cuocere a 750 W per circa 6-8 minuti. Anche in questo caso vi consiglio di controllare la cottura più volte, almeno la prima volta per imparare a conoscere il giusto tempo di cottura del vostro riso. Sgranare il riso con una forchetta e lasciarlo riposare per una decina di minuti.

2°METODO – COTTURA CON BOLLITURA PER ASSORBIMENTO: riempire una pentola con una tazza e mezza di acqua per ogni tazza di riso (il riso va misurato prima di lavarlo). Bollire a fuoco medio l’acqua con un pizzico di sale e appena comincia a bollire aggiungere a pioggia il riso ben scolato. Alzare la fiamma finché l’acqua riprende il bollore dopodiché riabbassarla  al minimo. A piacimento aggiungere un cucchiaio d’olio o di burro chiarificato  per ottenere un riso più lucido. Coprire con un coperchio lasciando uno spiraglio per la fuoriuscita del vapore. Cuocere 10 minuti, dopodiché spegnere la fiamma e lasciar riposare per altri 10 minuti a coperchio chiuso. Sgranare il riso con una forchetta e servire.

3°METODO – COTTURA PER BOLLITURA: riscaldare abbondante acqua salata e al bollore calare il riso. Dopo aver calato il riso, alla ripresa del bollore abbassare la fiamma controllando la cottura di frequente. Non appena il riso è pronto scolarlo e lasciarlo riposare una decina di minuti.

4° METODO – COTTURA PER ASSORBIMENTO CON PARTENZA A FREDDO: mettere il riso nella pentola e coprirlo con acqua fredda sino a superare di 1/2 centimetro il livello del riso stesso. A fiamma alta portare a bollore. A bollore raggiunto abbassare la fiamma al minimo e coprire col coperchio. Cuocere dieci minuti, dopodiché lasciarlo riposare per altrettanti dieci minuti.

polpettinde d'India

Se come me volete ottenere un basmati ancor più profumato, prima della cottura aprite due bacche di cardamomo e unite i semini neri in esse contenuti al riso. Il risultato sarà quello di un riso profumatissimo.

Preparati sia il riso che le polpettine servite queste ultime molto calde con abbondante sugo e ricoperte con del coriandolo fresco tritato (o del prezzemolo). Accompagnate il tutto con una porzione di basmati al cardamomo.

Lo sapevi che?

Il tandoori masala è una miscela composta da peperoncino, coriandolo, chiodi di garofano, cardamomo, fieno greco, cannella, pimento, cumino, aglio e zenzero. Prende il nome dal tandoor, il tradizionale forno cilindrico in argilla tipico dell’India settentrionale. La miscela tandoori è infatti quella utilizzata per aromatizzare le carni che vengono fatte macerare con yogurt e spezie, per poi essere infilate su lunghi spiedini e disposte verticalmente nel tandoor, pronte per una cottura velocissima. Ciò non toglie che se amate il gusto di questo masala (miscela) potete anche adoperarlo per insaporire stufati e sughi, proprio come ho fatto io.

polpettine speziateDopo un viaggio gastronomico tra i profumi e i sapori dell’India, vi lascio con un bellissimo proverbio indiano che è la riprova della grande saggezza di questo popolo.

“Tutto ciò che non viene donato va perduto!” 

Precedente Pollo al limoncello Successivo Salsicce & cime di rapa

12 commenti su “Polpettine d’India

  1. Rosellina il said:

    Non aprite quella pagina web *—-* quando capito da queste parti mi ritrovo a segnare ricette che mai avrei immaginato per i loro abbinamenti innovativi e gustosi! Devo dire che sono sempre stata un po’ restia ad assaggiare alimenti speziati con la curcuma in quanto tempo fa ebbi una reazione allergica da contatto (mi ci volevo schiarire i capelli xD), ma per queste polpettine farò un’eccezione :3

    • solaria M. il said:

      Ciao Rosellina! Io ti consiglio di rifarle omettendo la curcuma perché con le reazioni allergiche è meglio non rischiare. Vedrai che saranno ugualmente buonissime. Buona Domenica.

  2. Alessandra Oliva il said:

    ma che meraviglia questa ricetta, me la scrivo subito! Anche io adoro la cucina indiana, finora a casa mi ero cimentata solo nel pollo al curry, ma voglio provare queste polpettine gustose

  3. Graziella Di Chiano il said:

    Dalle tue parole traspare la tua passione per la cucina indiana. Io amo la cucina speziata, ma forse per me quella indiana è un po’ troppo, complice un viaggio in aereo di linea dall’India nel quale io e mio marito eravamo gli unici non indiani. L’odore delle spezie negli abiti e nei corpi degli altri viaggiatori mi ha veramente sconvolta.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.