Gelato al pistacchio di Bronte

gelato al pistacchio di bronteIl gelato: come resistergli? Sono golosa, e questo è risaputo, ma chi mi conosce veramente bene sa che il mio punto debole è proprio il gelato e nello specifico il gelato al pistacchio di Bronte! Prima di trasferirmi in Sicilia non potevo neanche sentirne l’odore, proprio non mi piaceva! Quando per la prima volta sono entrata in una gelateria a Palermo e ho visto il gelato al gusto di pistacchio di Bronte mi sono detta: ma cos’è questo colore così pallido? Sembra quasi marroncino! Poi ne ho sentito il profumo, e già ne ero così incuriosita a tal punto che ho vinto il mio solito sdegno nei confronti del gelato al pistacchio e ho provato ad assaggiarlo! Da allora è stato amore eterno! Non so se è stato un bene, dato che non ne posso più fare a meno!  Ormai per me il gelato per eccellenza è di pistacchi di Bronte…. se poi con quest’ultimo si riempe una voluttuosa brioche col tuppo, allora le mie papille gustative sono appagate come non mai!

Ogni volta che vado in una nuova gelateria provo il gusto pistacchio di Bronte (anche detto “di Sicilia”) e decreto se la gelateria è di qualità o meno. Sono severissima e il mio giudizio è rigoroso. Il gelato deve essere profumato, cremoso, non troppo dolce, non troppo pannoso, non deve lasciare sulla lingua quella patina burrosa tipica dei gelati troppo grassi e si devono sentire chiaramente il gusto del pistacchio e quel retrogusto lievemente salatino, tipico di questo frutto.

Tutte queste caratteristiche si ritroveranno in gelati al pistacchio dal naturale colore verde pallido, e non di certo in quelli verde fluo! 🙂 Insomma….il gelato al pistacchio di Sicilia è una cosa seria!

Da quando quel santo di mio marito mi ha fatto arrivare a casa quello che ho battezzato con il nome di “Kucciolo”, ovvero il mio kenwood Km86 nuovo di zecca, con tanto di gelatiera, è iniziata per me tutta una serie di esperimenti, che come potete immaginare sono iniziati proprio con il gelato.

Ovviamente la gelatiera di casa Gastronomy Love è stata battezzata con il mio meraviglioso gelato al pistacchio di Bronte (ricetta Gastronomy Love 100%), guarnito con Pistuccia Marullo, la crema spalmabile di pistacchio di Bronte per eccellenza, sigarette di cialda fragranti come non mai prodotte dai Fratelli Tedesco, e una delicata spolverata di Farinì (farina di pistacchi di Bronte Marullo).

Ingredienti per 650 g di gelato

  • 647 g di latte fresco intero 
  • 39 g di latte scremato in polvere
  • 51 g di panna fresca al 35 % di grassi
  • 139 g di zucchero 
  • 46 g di destrosio
  • 74 g di pasta di pistacchio pura (60 g se lo volete ancora più intenso)
  • 4-5 g di farina di semi di carrube (o neutro)

Per la finitura

Procedimento

  1. Miscelare il latte la panna e la pasta di pistacchio e portarli a 45°.
  2. Aggiungere lo zucchero e la farina di semi di carrube e portare a 85°.
  3. Omogenizzare il composto con un minipimer e raffreddare rapidamente immergendo la base del contenitore contenente la miscela in acqua e ghiaccio.
  4. Lasciare riposare la miscela in frigo per qualche ora (da 5 a 12 h).
  5. Accendere la gelatiera a velocità minima e versarvi la miscela ormai perfettamente raffreddata.
  6. Mantecare a velocità minima per circa 30 minuti.
  7. Trasferire il gelato in un contenitore con coperchio e far riposare in congelatore per qualche ora.
  8. Servire decorando a piacere con crema spalmabile, granella di pistacchio e sigarette di cialda.

 Note & Consigli

Per fare una corretta miscela per gelato gli ingredienti vanno portati a 85° al fine di eliminare i batteri presenti.

La miscela va lasciata maturare in frigo fino a completo raffreddamento. Il processo di maturazione assicurerà una maggiore cremosità del composto.

Occorre fare attenzione e non confondere la farina di semi di carrube (bianchiccia) con la farina di carrube (color cacao).

Buon gelato a tutti! 🙂

P.s: vi ricordo che Marullo produce tutta una serie di prodotti a base di pistacchio di Bronte, rappresentando ad oggi, una delle eccellenze nel campo.

Si ringraziano per la gentile collaborazione:

Fratelli Tedesco semilavorati per la pasticceria

Marullo.

Precedente Gelato al panettone al profumo di rum Successivo Besciamella home made

4 commenti su “Gelato al pistacchio di Bronte

  1. Io sono di Palermo e ti capisco benissimo quando dici che adori il gelato al pistacchio… Io non posso farne veramente a meno!
    Conosco l’azienda Marullo e i suoi prodotti sono davvero ottimi, soprattutto la crema spalmabile al pistacchio… E’ davvero qualcosa di eccezionale! 😉

    http://www.latavolaallegra.it

  2. verissimo il gelato industriale…per intenderci quello fluo,non a nulla a che vedere con quello artigianale ,realizzato con i pistacchi di Bronte:D
    ciaooo
    Ketti 😀

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.