Gattò di patate, ricotta e mozzarella

Gattò di patate, piatto tipico della cucina campana.

Il gattò viene considerato un piatto unico perchè contiene tanti ingredienti quindi, molto nutriente. Io ho fatto la versione semplice, ma voi potete aggiungere salumi e formaggi a vostro piacere. Se non si consuma tutto in giornata, si conserva tranquillamente in frigo per un paio di giorni e poi alla bisogna si riscalda. E come si dice dalle mie parti, nel Cilento, questo è un piatto che più ci metti e più ci trovi ( chiù nge mitti e chiù nge truovi).
gattò di patateIngredienti:
  • 2 kg di patate
  • 350 g di ricotta fresca
  • 1 mozzarella di circa 250 g
  • 150 g di formaggio grattugiato
  • 8 uova intere
  • Sale qb
  • Prezzemolo qb
  • Pepe qb
Preparazione del gattò:
cominciate la preparazione lessando le patate, sciacquatele e mettetele in una pentola, copritele con  acqua fredda. Per la cottura ci vorranno circa 45 minuti. Scolate le patate e sbucciatele ancora calde e schiacciatele. Unite alle patate la ricotta setacciata, il formaggio grattugiato, le uova, il prezzemolo, il sale e il pepe. Impastate bene il tutto aggiustando di sale se necessario.  Ungete una teglia da 30 cm con olio e cospargete di pane grattugiato. Mettere sul fondo della teglia metà dell’impasto di patate, create un pochino di bordo. Tagliate la mozzarella a piccoli pezzetti sullo strato di patate e coprite con l’altra metà dell’impasto di patate, bagnatevi le mani per livellare il gattò. Coprite con pan grattato e infornate  a 220° per circa 1 ora, controllate la cottura, come vi dico sempe, non tutti i forni sono uguali, il gattò sarà pronto quando sarà bello dorato in superficie.

 

Consiglio di mangiarlo caldo, magari con una bella insalata mista per contorno.

Grazie a tutti per il tempo che mi dedicate e se vi fa piacere mi trovate sui social:

facebook

instagram

pinterest

youtube