Cinghiale in umido con olive nere

Cinghiale in umido

Il cinghiale è una delle carni più difficile da cucinare, ma con pochi accorgimenti il sapore di selvatico scomparirà. Tagliata la carne in pezzi grandi e mettetele in una ciotola bella capiente riempita di acqua fredda, tagliate, sempre nella ciotola, limoni, carote, sedano, alloro, salvia, rosmarino, di tutto e di più e fare marinare per circa 6/8 ore. Trascorso il tempo di marinatura adagiate la carne un una pentola, coprite con acqua fredda e portate ad ebollizione. Schiumate e fate cuocere per circa 30 minuti. Mettete un’altra pentola di acqua sul fuoco, appena inizia a bollire scolate la carne dalla prima pentola e mettetele nella seconda. In questo caso mettete il sale, fate cuocere ancora 30 minuti. Rimettete di nuova una pentola sul fuoco col sale e gli odori che più vi piacciono: carote, sedano, cipolle, pomodorini, ecc.. ecc. Trasferite anche la carne e questa volta portate a cottura finita. Appena la carne e cotta coprite la pentola con un coperchio e fate raffreddare. Tutto questo lavoro viene fatto un giorno prima.

Riprendete la carne, spolpatela e tagliatela a pezzetti.

Preparate un battuto con sedano, carote, cipolla e pomodorini, fate soffriggere in olio di oliva.

 Appena il soffritto e pronto unite la passata di pomodoro e fate cuocere 10 minuti circa.

Aggiungete la carne e fatela insaporire nel sugo, assaggiate e aggiustate di sale se è necessario. A questo punto unite le olive nere, fate cuocere ancora 10 minuti e il cinghiale in umido è pronto per essere servito con pane tostato.

cinghiale

Buon appetito con questa prelibatezza.

 

Precedente Scarole in pizza croccante Successivo Maltagliati e ceci - piatto della tradizione