Lampascioni fritti.

“Scappa avén avén c’a so bbuèn cavt l’lambasciun “, corri, vieni che sono buoni caldi i lampascioni.
Così si sente gridare nei vicoli del borgo antico quando sono pronti i lampascioni fritti.
Non credo esista pugliese che non abbia mangiato almeno una volta questa bontà.
Quando si preparano fritti sembrano delle rose, in questo caso rose Made in Sud.

Questo bulbo dal sapore amarognolo simile a una cipolla, ma di dimensioni più piccole, si trova tra i 12 e i 20 cm sotto terra e son noti in Puglia e Basilicata.

  • Preparazione: 30 Ore
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Lampascioni (ovviamente se ne possono fare quanti se ne vogliono e soprattutto di più se i lampascioni sono piccoli) 10
  • Olio di semi Abbondante
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. La cosa principale da sapere prima di eseguire questa ricetta è che i lampascioni dovranno stare a bagno tutta la notte, anche per 24 ore, sarebbe meglio.

    Pulite i lampascioni sfogliandoli, proprio come si fa con le cipolle, incidere la parte inferiore formando una croce e metterli nell’acqua dopo averli lavati accuratamente, perchè sono davvero molto pieni di terra.

    Il mio adorato fruttivendolo Salvatore, fa questo lavoraccio per me.

    Come in premessa, tenere possibilmente i lampascioni a bagno per 24 ore, avendo l’accortezza di cambiare l’acqua.

    Questa procedura è importante, perchè consente al nostro bulbo di perdere una buona parte del sapore amaro che lo caratterizza.

    Dopo aver atteso il tempo utile per spurgare i lampascioni, asciugateli con della carta assorbente e incidete la parte superiore in quattro; attenzione non andate troppo infondo altrimenti si dividono, invece devono rimanere interi.

    In una padella fate riscaldare abbondante l’olio di semi, quando sarà arrivato a temperatura tuffate i lampascioni e fate cuocere da un lato e dall’altro fino a quando non si saranno dorati e si apriranno a forma di fiore.

    Una volta fritti, disponeteli su carta assorbente in modo da asciugarli dall’olio in eccesso e salateli ancora caldi.

    Serviteli caldi e buon appetito…

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.