Cavolfiore stufato.

Un’altra ricetta della tradizione Made in Sud, cavolfiore stufato…

Il suo nome deriva dal latino “caulis” (fusto, cavolo) e “floris” (fiore).

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • Cavolfiore (il peso fa riferimento al cavolfiore già pulito) 600 g
  • Olio extravergine d'oliva 50 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Alloro (meglio se fresco) 2/3 foglie
  • Acqua (calda) mezzo bicchieri
  • Vino bianco 1 tazza da caffè
  • Olive taggiasche 20
  • Peperoncino (facoltativo) 1
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Tagliate il cavolfiore e dividetelo in cimette e lavatelo sotto l’acqua corrente.

    In un tegame ampio fate rosolare l’olio e l’aglio , quando l’aglio sarà brunito (attenzione a non bruciarlo) aggiungete le cimette di cavolfiore, fate rosolare a fuoco medio/alto per 7/10 minuti.

    Quando saranno ben rosolate aggiungete le olive, sempre a fiamma medio-alta, fate insaporire per qualche minuto, se gradite aggiungete il peperoncino, salete (non troppo, perchè le olive sono già salate), sfumate con il vino bianco, aggiungete l’alloro, fate evaporare il vino, abbassate la fiamma e versate mezzo bicchiere di acqua calda, mettete il coperchio e fate cuocere a fiamma bassa per circa 10 minuti, girando di tanto in tanto.

    Trascorsi i primi dieci minuti, levate il coperchio, alzate la fiamma e fate asciugare i liquidi.

    Ricordate che il cavolfiore non deve cuocere eccessivamente, deve rimanere croccante.

    N.B. I tempi di cottura sono dettati anche dalla grandezza delle cimette che andrete a tagliare; quindi dal momento in cui abbassate la fiamma e mettete il coperchio trascorsi i primi 5 minuti controllate se le cimette sono cotte a quel punto scoperchiare la pentola e alzare la fiamma prima dei tempi sopra indicati.

    Buon appetito…

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.