U Morzeddhu catanzarisi

U morzeddhu catanzarisi non è una semplice ricetta, ma è la ricetta più antica e tradizionale della provincia di Catanzaro. Io tengo il cuore calabrese, ecco perché sul mio blog non poteva mancare questa preparazione. La nascita di questo piatto è legata a una leggenda della città di Catanzaro.

Si narra, infatti, che una serva a servizio presso una famiglia facoltosa, non riuscisse a far quadrare i conti della propria famiglia. Per questo motivo un giorno inventò un piatto parecchio sostanzioso a base di carne di vitello, che contenesse anche le interiora che erano la parte che veniva sempre scartata dal cuoco che cucinava per la nobile famiglia. Fu così che nacque u morzeddhu catanzarisi.

Il nome di questo piatto deriva dal dialetto catanzarese “morza morza”, che significa letteralmente “piccolo piccolo”. Gli ingredienti originali di cui è composta la ricetta sono: milza, intestino, cento pezzi, trippa e polmone. A questi si aggiungono il concentrato di pomodoro, i peperoncini piccanti, il sale e un mazzetto di origano che dà l’aroma al piatto. Oggi, purtroppo, con tutti i problemi sugli animali malati, si tende a fare u morzeddhu catanzarisi soltanto con cento pezzi, trippa e se siete fortunati a trovarlo, anche con il polmone.

La tradizione vuole che u morzeddhu catanzarisi sia servito nella classica pitta catanzarese, un tipo di pane particolare per la forma che ha, ovvero molto simile a una ruota di carro per la sua ampia circonferenza. Il tutto dev’essere necessariamente accompagnato da “nu picciriddu e vinu”. Con il termine picciriddu s’indica il bicchiere in cui è versato il vino che è esattamente quello che vedete in foto.

La pitta dev’essere ben condita col sugo del morzeddhu e, come si dice a Catanzaro, “u morzeddhu è ben conzatu quando ti scula gargi gargi!” Curiosi di scoprire la ricetta della mia nuova bontà? Seguitemi!

u morzeddhu catanzarisi
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    2 ore
  • Porzioni:
    Per 6-8 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 1 kg Cento Pezzi
  • 1 kg Trippa
  • 500 g Milza (la trovate solo dal vostro macellaio di fiducia)
  • 500 g Polmone (lo trovate solo dal vostro macellaio di fiducia)
  • 200 g Concentrato di pomodoro (da calcolare per ogni kg)
  • 1 mazzetto Origano
  • q.b. Grasso di vitello (in alternativa olio extravergine d’oliva)
  • q.b. Sale
  • 3 l Acqua calda (da calcolare per ogni kg)
  • q.b. Peperoncini piccanti (in abbondanza)
  • 1 Pitta catanzarese

Preparazione

  1. Lessate la trippa e il cento pezzi in acqua bollente, dopo averli puliti per bene. In alternativa potrete acquistare della trippa già pulita. Scolateli e lasciateli raffreddare, quindi tagliateli in piccoli pezzi. Se avete a disposizione anche la milza e il polmone, lessateli e tagliateli a pezzetti.

  2. In una casseruola mettete il grasso di vitello o l’olio extravergine d’oliva. Non appena il grasso si sarà sciolto, fatevi rosolare dei peperoncini tritati all’interno e, in seguito, unite la trippa insieme a tutti gli altri ingredienti che avete a disposizione (polmone, cento pezzi e milza) e lasciate soffriggere il tutto in modo che s’insaporiscano gli ingredienti.

  3. A questo punto unite il concentrato di pomodoro e l’acqua calda, calcolati in base a quanti kg di carne avrete utilizzato. Unite anche il mazzetto di origano, il sale e degli altri peperoncini. Fate cuocere a fuoco lento per circa 2 ore. La trippa dovrà essere ben cotta e corposa.

  4. U morzeddhu catanzarisi è pronto per essere servito nelle fondine individuali o nella pitta catanzarese. Buon appetito!

  5. u morzeddhu catanzarisi

I consigli di Franci

  • U morzeddhu catanzarisi si serve in tavola ben caldo.
  • Può essere congelato da cotto, a patto che abbiate utilizzato ingredienti freschi per la sua preparazione.
  • Se lo servite nella pitta, dovrete immergere prima le due estremità nel sugo e poi riempirla abbondantemente con la carne.
  • Non perdetevi la ricetta dei VERMITURI IN UMIDO.

Se vuoi mantenerti sempre aggiornato sulle nuove ricette clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

Precedente Cappelli di strega al cioccolato Successivo Funghi ripieni e gratinati al forno

Lascia un commento

*