Crea sito

Racconto del mio viaggio a Terni e una ricetta simbolo dell’italianità a 360°

Ed eccoci miei cari lettori, come vi avevo anticipato giorni fa, è arrivato il momento di raccontarvi nel dettaglio la bellissima giornata che ho trascorso a Terni, presso la Chef Academy. Cominciamo dall’inizio! Perché mi sono trovata lì? Perché con mia grande sorpresa e grazie alla mia ricetta del budino di riso con fragole in salsa, ho potuto disputare la semifinale del contest Risate e Risotti, organizzato da Luca Puzzuoli. Partiamo dal giorno 9 giugno alle 12, quando con il mio fidanzato Francesco ci siamo messi in macchina per affrontare il viaggio alla volta di Terni (circa 7 ore di distanza da Vibo Valentia). Arriviamo a Salerno, mangiamo e poi proseguiamo fino ad attraversare Napoli, Caserta, Roma e finalmente eccoci qui… Terni! Eravamo stanchi morti, ma non per questo ci siamo fermati! E chi ci ammazza a noi! 😊

Alloggiamo presso l’Hotel De Paris per quella sera, quindi arriviamo prendiamo la stanza, doccia, cambio e via di nuovo in strada a piedi per le vie di Terni, con navigatore alla mano per cercare la famosa Chef Academy. Gira che ti rigira e dopo aver camminato un po’ più del dovuto, la troviamo! L’insegna è lì che ci guarda e io che già tremavo al pensiero di cosa avrei dovuto affrontare il giorno successivo. Dopo la foto di rito, continuiamo a camminare, abbiamo fame e una volta che sei a Terni cosa vai a mangiare se non un bel tartufo!?

Entriamo così in una pizzeria in centro, da Camelot e, nonostante il menu, cosa potevo mai prendere nella patria dei tartufi? Ovviamente una pizza ad impasto integrale con una salsa al tartufo che era davvero spettacolare, almeno per me che da vibonese conoscevo solo il golosissimo tartufo di Pizzo Calabro! Insieme al mio ragazzo passiamo una bellissima serata e torniamo in hotel. Si dorme ma io ero così tesa e ansiosa che ho messo la sveglia alle ore 6 del mattino successivo! Il giorno seguente mi alzo 2 minuti prima che suonasse la sveglia, faccio la doccia, mi vesto, mi preparo e alle 6:30 sveglio il mio fidanzato. E qui viene la parte che vi farà capire quanto in realtà io sia pazza! Già perché l’appuntamento alla Chef Academy era per le 9:15!  :O Follia pura, e voi sicuramente direte “pover’uomo”, ma ormai lo avevo svegliato, tanto valeva prepararsi, fare colazione e andare. E così abbiamo fatto! Arriviamo al parcheggio custodito, lasciamo la macchina e ci avviamo alla Chef Academy. Erano le 8:00 del mattino, mancava ben 1 ora e 15 minuti, ma pazienza, in quel momento non capivo più nulla. Il tempo scorre ed ecco arrivare altre persone che, come me, sono lì per la semifinale accompagnate rispettivamente da mariti e fidanzati. E, infine, arriva Luca insieme alla chef Massoli.

Dopo le foto di gruppo, entriamo nell’accademia e si parte col sorteggio delle mistery box, ideate proprio dalla chef Massoli. Eravamo in 12 per 2 cucine, partono i primi sorteggi e si inizia! I primi 6 che iniziano a cucinare sono Marta e Bianca, Andrea, Roberto e Silvia, Alessia, Alice e Candida! Successivamente tocca al mio gruppo e sono accompagnata da Ilaria, Angela, Bianca Maria, Sara e Maria Rosaria! Apro la mia mistery box numero 7 e, come potete ben vedere dalla mia faccia, trovo gorgonzola, noci, tartufo, olio al tartufo e salsa tartufata,tutti prodotti dell’azienda Boscovivo, oltre che i buonissimi riso carnaroli Maremma e Parmigiano Reggiano. Questi ultimi 3 ingredienti, sono quelli che mi aspettavo, ma che allo stesso tempo temevo perché personalmente non li avevo mai usati in cucina!

E dopo aver aperto le nostre mistery, iniziamo a cucinare supervisionati dalla chef Massoli e dallo chef Barbarossa, oltre che dalle simpatiche incursioni di Luca e del fotografo che ha scattato tante belle foto! Con gli ingredienti a mia disposizione, insieme agli ingredienti base del risotto quali brodo vegetale, burro, olio e cipolla, decido di preparare un risotto a cui solo al termine ho dato il nome di Croccante e Cremoso! Sono partita, tritando e tostando le noci (notare lo sguardo dello chef Barbarossa, mentre raccoglievo le mie noci tostate nella ciotola 😊 ) e poi ho preparato una crema facendo sciogliere il gorgonzola con poco burro e un goccio di latte. Alla crema ho poi mescolato le noci e messo tutto da parte.

Via con la preparazione del risotto. Trito finemente la cipolla e la metto nel mio tegame, di cui mi sono follemente innamorata, insieme al burro. La faccio rosolare e poi aggiungo il riso per farlo tostare un paio di minuti. A questo punto inizio a bagnare tutto con il brodo vegetale e porto il riso a metà cottura, momento in cui aggiungo la crema di gorgonzola. Mescolo bene e proseguo la cottura, quindi tolgo dal fuoco e manteco tutto con un cucchiaio di olio al tartufo e il parmigiano grattugiato. Faccio riposare il risotto per un paio di minuti, quindi impiatto e procedo con la decorazione. Metto su un cucchiaino di salsa tartufata, delle fettine sottili di tartufo e il resto delle noci tritate e poi… o cavolo tocca già a me presentarmi davanti alla giuria, composta dallo chef Matteo Barbarossa, (chef ufficiale del consorzio del Pecorino Romano, docente alla chef Academy e giudice mondiale della pizza), dalla chef Roberta Massoli (chef presso il ristorante la Pergola di Magliano Sabina e ideatrice delle mistery box), da Luca Puzzuoli (organizzatore del contest e presidente di giuria), da Cristiana Curri (vincitrice del contest nell’edizione 2016) e da Ronny Albucci, (direttore della Chef Academy).

Luca mi chiede quanti anni ho e se per me era la prima esperienza in questo tipo di contest, rispondo di sì, ma dentro di me non vedevo l’ora che assaggiassero il risotto. Finito, e mentre tocca agli altri presentarsi davanti alla giuria, io mi rilasso in attesa di sapere i nomi di chi sarebbe passato alla finale, che si terrà ad Orvieto il 21 luglio. Gli assaggi sono terminati e Luca ci invita nuovamente ad entrare. Nonostante sia tutto finito, ogni semifinalista è stato premiato con dei prodotti eccellenti, sponsor del contest. Vi cito le aziende di seguito: Pastificio Verrigni, Pomodoro Ciro Flagella, Riso Maremma, Parmigiano Reggiano. Ci avviamo così verso l’azienda Italy Heart ad Amelia, dove viene prodotto l’olio buono dal nome Infinito, di cui tutti noi semifinalisti siamo stati omaggiati. L’azienda ci ha offerto il pranzo e nel corso di esso Angela Canale, ci ha illustrato le qualità e le caratteristiche dell’olio di cui siamo stati omaggiati.

Arriva il momento tanto atteso, il momento di conoscere i nomi dei cinque finalisti e no, io non ci sono, ma volete sapere una cosa? Non mi è importato più di tanto, perché io mi sono divertita un mondo. Il clima era talmente sereno e disteso che non sembrava nemmeno essere un vero e proprio contest! È stata un’esperienza bellissima, lavorare in una cucina professionale vera, a fianco di tante persone che, come me, condividono la passione per la buona cucina e accanto a due chef che mai mi sarei sognata di conoscere. È davvero un’esperienza che tutti dovrebbero fare e per la quale sono certa che non ve ne pentirete!

Adesso è giunta l’ora di farvi conoscere la ricetta che ho preparato con un po’ di prodotti che mi sono portata dietro da Terni! È una ricetta che è il simbolo dell’italianità a 360° e si tratta dei buonissimi spaghetti con pomodorini e basilico. Un piatto semplicissimo in cui i pochi ingredienti che lo compongono, devono essere di ottima qualità per ottenere un piatto eccellente! E quali ingredienti migliori se non quelli che ho utilizzato? Per preparare i miei adorati spaghetti ho utilizzato lo spaghettoro Verrigni, così chiamato perché trafilato in oro, i pomodorini Ciro Flagella – Rosso da amare, il Parmigiano Reggiano, l’olio Infinito e il mio profumatissimo basilico! Che ne dite passiamo alla ricetta di questa mia nuova bontà? Seguitemi!


Spaghetti con pomodorini e basilico

Ingredienti

400 g di spaghettoro Verrigni;

500 g di pomodorini Ciro Flagella;

50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato;

4 foglie di basilico;

1 spicchio d’aglio;

Q.B. Olio extravergine d’oliva Infinito;

Q.B. Sale.

Preparazione

Per prima cosa riempite una pentola con dell’acqua e portatela a bollore. Salatela e tuffatevi dentro gli spaghettoro. Cuoceteli e scolateli al dente. Vi occorreranno 8-10 minuti circa. A questo punto dedicatevi alla preparazione del condimento. Versate l’olio extravergine Infinito in una padella insieme ad uno spicchio d’aglio e fatelo imbiondire, quindi unite i pomodorini e fateli insaporire per qualche minuto.

Procedete a schiacciare i pomodorini con una forchetta e proseguite la cottura degli stessi per circa 10 minuti a fiamma bassa, senza aggiungere acqua. Regolate di sale e pepe, spegnete il fuoco ed eliminate lo spicchio d’aglio. Scolate gli spaghettoro al dente e versateli nella padella con il condimento.

Fate saltare la pasta per qualche minuto, quindi impiattate e completate mettendo sopra i pomodorini a cucchiaiate, il parmigiano grattugiato, una foglia di basilico e un giro d’olio a crudo. Servite gli spaghetti con pomodorini e basilico in tavola ben caldi e buon appetito.

Torna alla HOME PAGE per scegliere fra le nuove ricette appena pubblicate

Se vuoi mantenerti sempre aggiornato sulle nuove ricette clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

2 Risposte a “Racconto del mio viaggio a Terni e una ricetta simbolo dell’italianità a 360°”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.