Crea sito

Ginetti calabresi

I ginetti calabresi sono delle golose ciambelline dolci tipiche di Roggiano Gravina, in provincia di Cosenza. Sono dei piccoli e tradizionali dolcetti di Pasqua, che un tempo erano preparati anche per i matrimoni e offerti ad amici e parenti.
I ginetti sono dei dolci a pasta dura, molto simili a un biscotto, e sono ricoperti di una candida glassa bianca che nel dialetto calabrese si chiama annaspru o solo nnaspru. Nonostante la loro origine sia cosentina, i ginetti calabresi sono diffusi in tutta la Calabria e, come per ogni ricetta tipica, ogni zona e ogni famiglia ha la sua personalissima ricetta.
Come vi dicevo un tempo erano preparati per i matrimoni e la tradizione voleva che la sposa li preparasse con la futura suocera, mentre lo sposo doveva montare l’albume d’uovo con lo zucchero e quindi preparare u nnaspru. Ancora oggi i ginetti si preparano per Pasqua e sono usati particolarmente per decorare le palme per la processione.
Curiosi di scoprire come preparare la ricetta della mia nuova bontà? Seguitemi!

ginetti calabresi
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • PorzioniPer circa 25 ginetti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 10Uova
  • q.b.Farina 00
  • 500 gZucchero a velo
  • 2 gocceSucco di limone

Strumenti

Ti serviranno anche

  • 1 Spianatoia in legno
  • 1 Ciotola
  • 1 Frusta elettrica
  • 1 Setaccio

Preparazione

  1. Versate 6 uova intere e 4 tuorli in una ciotola e mettete da parte i quattro albumi rimanenti. Unite la farina setacciata a occhio e iniziate a impastare. L’impasto dei ginetti prende farina quanto ne riceve fino a ottenere un impasto morbido, omogeneo e non appiccicoso.

  2. Non appena avrete ottenuto la giusta consistenza dell’impasto, rovesciatelo su una spianatoia in legno e ricavate dei filoncini di almeno 2 cm di diametro e chiudeteli a ciambella. Disponeteli a mano a mano su una leccarda ricoperta di carta forno. Quando avrete terminato di preparare le ciambelline, cuocetele in forno statico preriscaldato a 180°C per 30 minuti.

  3. Mentre i biscotti cuociono, preparate l’annaspru, quindi montate i 4 albumi messi da parte in precedenza e unite lentamente lo zucchero a velo setacciato e le gocce di limone per rendere la glassa luminosa. Quando le ciambelline saranno cotte, sfornatele e passatele ancora calde nell’annaspru.

  4. Adagiatele delicatamente su una gratella o, come si usava anticamente, su delle stecche di legno.  A piacere potrete cospargere la superficie con zuccherini colorati. Lasciate asciugare bene i dolcetti. Quando saranno ben asciutti, servite i ginetti calabresi in tavola.

I consigli di Franci

·         I ginetti calabresi si conservano in un cesto ben coperto da un canovaccio pulito fino a un paio di settimane.

·         Si sconsiglia la congelazione.

·         È meglio preparare i ginetti calabresi nei giorni soleggiati e mai in quelli umidi, poiché la glassa avrà difficoltà ad asciugarsi.

·         È preferibile far asciugare i ginetti all’aria in modo che la glassa si mantenga lucida e bianca. Non metteteli mai in forno o si opacizzeranno.

·         La tradizione vuole che vengano serviti in un cesto di vimini con un tovagliolo bianco ricamato!

·         Non perdetevi la ricetta dei TARALLI CALABRESI ALL’ANICE.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.