Crea sito

Buccellato: dolce tradizionale natalizio

Il Buccellato dolce natalizio tradizionale siciliano, a Palermo si realizza a forma di ciambella oppure a tozzetti ricoperti di glassa bianca e zuccherini colorati, o più semplicemente cosparsi di zucchero a velo.
Google suggerisce che il suo nome deriva dal latino “buccellatum” cioè pane da convertire in buccelli, ovvero in piccoli tozzi, bocconi, per avere una migliore morbidezza.
Ci sono due scuole di pensiero sull’origine del buccellato, la prima che fa risalire questo dolce tradizionale medievale alla presenza dei lucchesi nella città di Palermo e fa pensare quindi, che questo dolce ci fu importato da loro (dove tutt’ora è ancora diffuso); la seconda ritiene che sia una ideazione della cultura arabo-normanna poiché la presenza di essenze mediterranee come gli agrumi, cedri, zucche, ecc. nella formazione dell’impasto è riferibile alla loro arte culinaria.
Ne ho provate diverse di ricette, alla fine ho optato per la mia frolla con lo strutto e con il ripieno copiato ad Albenghi dal forum di Gennarino

Ingredienti per 1kg e 800grammi di ripieno

750g fichi secchi
200g mandorle abbrustolite
200g gherigli di noci
100g uva sultanina
50g di pistacchi freschi non salati
150g cioccolata fondente
2 chiodi di garofano
1 cucchiaino di cannella
300ml di buon vino rosso (ho messo acqua)
1 bicchierino di Marsala
4 cucchiai di miele di fiori d’arancio
30g zucchero
La scorza di un’arancia grattugiata

Procedimento

Mettere ad ammollare in acqua tiepida per un’oretta i fichi secchi.
Trascorso il tempo tritare finemente al coltello i fichi (sgocciolati con cura), le mandorle, i gherigli di noce e i pistacchi.
Mettere a bollire in un tegame il vino rosso e il marsala (che può essere sostituito da un bicchierino di Cointreau) con i chiodi di garofano, lo zucchero, il miele e la cannella; trascorsi 3 minuti unisci i fichi, l’uva sultanina, le mandorle, le noci, i pistacchi e proseguire la cottura, a fuoco lentissimo, per una decina di minuti.
Quindi togliere dal fuoco e, quando il composto si è intiepidito, unire il cioccolato spezzettato e la scorza d’arancia grattugiata.

Prendere la pasta frolla, dividere in due parti e stendere con un mattarello infarinato su carta da forno ricavandone delle sfoglie rettangolari di 3 mm. di spessore (di misura cm. 14 x 30).

Porre adesso il ripieno per tutta la lunghezza del rettangolo, ripiega la pasta su se stessa saldando bene i bordi (spennellati con uovo battuto) e sagomando a forma di un grosso salame.
Unire poi le estremità dando forma circolare.
Pizzicare la pasta con l’apposito attrezzo

buccellato12

(se non lo si ha provare a fare delle piccole incisioni con i rebbi di una forchetta), spennellare con uovo ed infornare a 180° per 20-25 minuti.
Quando è freddo spennellarlo con gelatina oppure come ho fatto io con miele scaldato e diluito con un po’ d’acqua.
N.b. questa dose serve per farcire almeno 2 buccellati grandi o se fate i buccellatini se ne tirano fuori tantissimi. Se non volete usarlo tutto subito, il ripieno può essere conservato per un paio di settimane in un sacchetto per congelare ben chiuso e nella parte più fredda del frigorifero.

ed ecco la foto del buccellato interobucellatoe questi invece i buccellatini

buccellato

.buccellato

25 Risposte a “Buccellato: dolce tradizionale natalizio”

  1. Li abbiamo assaggiati in più di un'occasione, sono da delirio, strabuoni! Non ne conoscevamo la ricetta, ora potremmo quasi anche provarci a farceli in casa, sono ipercalorici sì, ma di un piacere che se non li assaggi non puoi nemmeno immaginare!
    Baciotti
    Sabrina&Luca

  2. E già, è arrivato il momento di cominciare a produrre per deliziare amici e parenti durante le feste.Buonanotte,Roby

  3. Deve essere uno spettacolo di bontà!
    Però niente a che vedere col buccellato nostro, fatto con pasta lievitata e ripieno solo di uvetta, canditi e anici. Mi sa che non sono stati i lucchesi a portarlo lì 🙂
    Un bacione

  4. Picciotti miei lo so benissimo che bomba è il buccellato, ma Natale quando arriva arriva 😀

    Fratè….la prima è vecchia..la seconda è fresca fresca…ma ho ancora taaaaanto pane duro (anzi buccellati) da mangiare prima di imparare
    :DDDD

  5. Non conoscevo l'esistenza dei buccellati… quante cose nuove si imparano nei blog! E a te Cinzia cara, faccio i miei complimenti per il tuo blog, oltre che alla ricetta (che mi segno). Un bacione!

  6. @Silvia grazie per la visita.

    @giulia è vero! e pensa quelli piccini…

    @Kiara benerarrivata e grazie per i complimenti, ricambierò la visita al più presto!

  7. Maroooooooooò Cinzia! Io li adoro, non li ho mai fatti ma presentati così… che fa ci provo? Magari i nicareddi…. e c'hai ragione Natale quando arriva arriva!
    baci

  8. questo dolce l'ho sentito nominare ma non me ne sono mai interessata a dovere. grazie per la ricettina, mi sa che la provo… baciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »