Crea sito

Biscotti di San Martino, tradizionali palermitani

I biscotti di San Martino, sono biscotti tipici biscotti siciliani, anzi palermitani, vecchi come il mondo che fanno parte della tradizione dell’11 novembre in onore del Santo
I biscotti di san Martino sono di facilissima esecuzione, possono essere conservati per diverso tempo in una scatola di latta.

Il gusto di questi biscotti duri e friabili allo stesso tempo, aromatizzati di anice e cannella, accompagnati con il profumo e la fragranza mediterranea del moscato (prodotto a Pantelleria da secolari viti di zibibbo – un’uva dolce e profumatissima conosciuta anche come Moscato d’Alessandria), raffigurano un connubio irripetibile.

Esistono altre due versioni del biscotto di san martino: il rasco e  il san martino decorato
il primo è il biscotto farcito “raschiando” l’interno, di crema di ricotta. Il San martino decorato è la versione barocca. Si tratta infatti di biscotto farcito e decorato con glassa reale, e zuccherini.
Ma adesso veniamo alla ricetta

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione25 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

circa 20 biscotti

  • 200 gfarina 00
  • 10 glievito di birra fresco
  • 25 gstrutto
  • 40 gzucchero
  • 1 pizzicocannella
  • q.b.semi di anice
  • 10 gocceanice (o aroma in fialetta)
  • 100 gacqua
  • 1 pizzicosale

la bagna

  • 300 gacqua
  • 50 gzucchero
  • 2 cucchiaimoscato
per la versione “rasco”

Preparazione dei biscotti di san martino classici

  1. Metti tutti gli ingredienti in una ciotola anche dell’impastatrice con la foglia o gancio e impasta tutto avendo cura di ottenere un impasto morbido ed elastrico, tipo quello del pane.
    Lascia riposare coperto per circa 15 minuti.
    ricava delle palline del peso di 30g ciascuna.

    Ricava dei bastoncini che andranno arrotolati a spirale schiacciando la punta e sistemale nella teglia foderata di carta fonro.
    Lascia lievitare 1 ora o più e poi inforna in forno caldo a 200 gradi per circa 10 minuti.
    dovranno colorarsi un poco.

    Quindi sfornali e porta la temperatura del fono a 160 gradi.
    Inforna nuovamente per 20 minuti avendo cura che non scuriscano troppo.

    Lasciali raffreddare e gustali con il moscato.

    Buon appetito.

Versione “Rasco”

  1. Questa è la versione elaborata dei biscotti di san martino, chiamata “rasco“.

    Il nome probabilmente deriva dalla “raschiatura” della parte interna del biscotto per fare spazio alla crema di ricotta.

    Per realizzare il “rasco”  basterà preparare delle palline, che una volta lievitate andranno cotte a 200gradi per circa 12/15 minuti e comunque fino a doratura.

    Lascia raffreddare, aglia la calotta superiore e scava un poo l’interno.

    Con le dosi indicate prepara la bagna, inzuppa la parte inferiore del biscotto, farcisci con crema di ricotta (la stessa che si usa per la cassata, senza canditi e gocce di cioccolato)

    Bagna anche la calotta superiore e la superficie esterna del biscotto.
    Chiudi il biscotto appoggiandola sopra la crema.

    Spolvera di zucchero a velo e decora con una striscina di cannella e tieni in frigo almeno mezza giornata.

4,6 / 5
Grazie per aver votato!

5 Risposte a “Biscotti di San Martino, tradizionali palermitani”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »