Crea sito

Pastiera napoletana pasquale di casa mia

La Pastiera napoletana pasquale a casa mia è una vera e propria tradizione a cui non riusciamo a sottrarci, è uno di quei momenti in cui tutta la mia famiglia si ritrova in cucina e ci mettiamo tutti a preparare insieme questo dolce meraviglioso. La ricetta l’ho presa direttamente dal ricettario (la classica agenda scritta a mano) di mia mamma, una ricetta della sua amica Lalla. Vi racconto un episodio simpatico legato alla pastiera: mio padre non mangia assolutamente la ricotta, per cui mia mamma prima non preparava questo dolce per paura di sprecare tempo e soprattutto denaro. Un giorno Lalla le propose di prepararle all’insaputa di mio padre, in gran segreto, e così fecero. La pastiera napoletana che avevano preparato era buonissima, talmente buona che mio padre ne fece una gran scorpacciata. Io e mia mamma morivamo dalle risate, poi a un certo punto gli abbiamo detto: ma guarda che è piena di ricotta! E lui: ma è buona! E da quel giorno la pastiera napoletana è entrata a far parte della nostra tradizione di famiglia.

Ecco la ricetta per una pastiera napoletana doc

Pastiera napoletana pasquale di casa mia

Pastiera napoletana pasquale di casa mia

Ingredienti per 3 pastiere da 22 cm di diametro

Per il ripieno:

  • 500 g ricotta
  • 200 g zucchero
  • 80 g canditi misti colorati
  • 2 fialette di acqua di fiori d’arancio
  • 6 tuorli
  • 4 bianchi montati a neve
  • grano

per la cottura del grano:

  • 1 barattolo di grano cotto per pastiera (580 g circa)
  • 500 ml latte
  • la scorza di un limone biologico
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 noce di burro

Per la frolla:

  • 500 g farina 00
  • 3 uova
  • 200 g burro
  • 200 g zucchero
  • 1 bustina lievito per dolci
  • scorza grattugiata di un limone

Per preparare la pastiera napoletana per prima cosa partiamo dalla preparazione del grano: in una pentola mettiamo il grano cotto, 500 ml di latte, la scorza di limone (evitate di prendere la parte bianca perchè è amara), un cucchiaino di zucchero e una noce di burro. Fate bollire a fiamma bassa per 1 ora (si deve assorbire tutto il latte), mescolando di tanto in tanto per evitare che si attacchi. Fate raffreddare completamente (di solito mia madre prepara il grano la mattina per poi usarlo il pomeriggio).

Lasciate scolare la ricotta in uno scolapasta per un paio di ore.

In una ciotola capiente lavorate la ricotta e lo zucchero con una forchetta o con uno sbattitore elettrico, aggiungete le due fialette di acqua di fiori di arancio, i canditi e aggiungete uno alla volta i 6 tuorli. In ultimo aggiungete il grano cotto (da cui avrete eliminato le scorze di limone) e i 4 bianchi montati a neve con un pizzico di zucchero, mescolando dal basso verso l’alto per non smontare i bianchi.

Preparate nel frattempo la pasta frolla: sciogliete il burro e poi mescolatelo a uova e scorze di limone, farina setacciata insieme al lievito e lo zucchero. Lavorate poco, formate una palla e mettetela a riposare in frigo, avvolta in pellicola, per 45 minuti (deve rassodarsi).

Siamo pronti per la composizione della nostra pastiera napoletana: dividete l’impasto della pasta frolla e anche il ripieno in 3 parti uguali.

Da ogni parte di pasta frolla prelevate un terzo del peso (che useremo poi per fare le caratteristiche strisce): stendete la pasta frolla fino a farle assumere una forma circolare di 26 cm di diametro (la tortiera da usare è da 22 cm), rivestite la tortiera con carta forno e stendete all’interno della tortiera la base di frolla, coprendo anche parte delle pareti. Versate all’interno del guscio il ripieno, livellate e decorate con strisce di pasta frolla per ottenere il caratteristico aspetto della pastiera.

Preriscaldate il forno a 160°C funzione statica, cuocere la pastiera napoletana per un’ora (controllando che la superficie non si scurisca troppo, in caso coprite con un foglio di alluminio). A termine cottura fate raffreddare nel forno con lo sportello aperto. Buon appetito e Buona Pasqua!

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook FORNO E FORNELLI per non perdere nessuna novità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.