Crea sito

Pane di semola a lievitazione naturale

Il pane di semola a lievitazione naturale è una ricetta che dà tanta soddisfazione. Fare il pane in casa è un’esperienza che consiglio a tutti gli amanti della cucina. Fare il pane significa pazienza, attesa, manualità e voglia di fare. E’ un viaggio lungo due giorni che porterai nel cuore! Scorri e scopri la ricetta! Ho preso spunto da qui per la realizzazione.

pane di semola
  • DifficoltàAlta
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione50 Minuti
  • Tempo di riposo15 Ore
  • Tempo di cottura55 Minuti
  • Porzioni1 pane da 1Kg
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 600 gFarina di semola (rimacinata)
  • 400 mlAcqua
  • 180 gLievito madre (rinfrescato e raddoppiato di volume)
  • 18 gSale
  • 1 cucchiainoZucchero
  • q.b.Olio extravergine d’oliva

Strumenti

  • Impastatrice
  • Pietra refrattaria

Preparazione

  1. Prima di pocedere alla vera e propra ricetta del pane di semola a lievitazione naturale, bisogna rinfrescare il lievito madre, per i dettagli vedi qui.

  2. Nella ciotola dell’impastatrice metti la farina, il lievito madre spezzettato, 300 ml di acqua e lo zucchero. Utilizza il gancio per impastare, avvia la macchina a bassa velocità.

  3. Dopo 5 minuti versa il resto dell’acqua e il sale, imposta la velocità media e lascia lavorare la macchina per 20 minuti. Capirai che l’operazione è completa quando l’impasto si incorderà attorno al gancio e la ciotola sarà pulita.

  4. Trasferisci l’impasto sulla spianatoia già infarinata, copri con un canovaccio e fai riposare per 1 ora.

  5. Spiana l’impasto, fai due giri di pieghe a tre, forma una palla e trasferisci l’impasto in una ciotola unta d’olio extravergine d’oliva. Copri con pellicola alimentare e fai riposare per una notte in frigo.

  6. Togli l’impasto dal frigo e fallo acclimatare per 3 ore, la temperatura anbientale dovrebbe essere di 26°C, se fa più freddo ti consiglio di mettere l’impasto in forno spento ma con la luce accesa.

  7. Trasferisci nuovamente l’impasto sulla spianatoia infarinata. Allarga l’impasto con le mani e con molta delicatezza, per non far perdere i gas di lievitazione, e forma un quadrato. Adesso porta gli angoli al cetro e premi molto bene (altrimenti in cottura rischieresti lo strappo del pane), poi porta al centro gli orecchi che si formano. Stringi forte il centro per far aderire bene tutti gli spigoli.

  8. Ribalta l’impasto su una teglia ricoperta di carta forno e fai lievitare per 4 ore in forno spento con la luce accesa.

  9. Togli l’impasto dal forno e pratica dei tagli sulla superficie, intanto, inserisci nel forno la pietra refrattaria (con questa otterrai una cottura simile a quella del forno a legna, ma se non ce l’hai usa la teglia del forno), quindi preriscalda il forno a 250°C, funzione statica avendo l’accortezza di inserire all’interno un contenitore con acqua bollente: tutto ciò serve per creare un ambiente umido all’interno del forno e favorire la formazione della crosta.

  10. Cuoci per 15 minuti a 250°C, poi togli il contenitore con l’acqua, abbassa la temperatura a 200°C e continua la cottura per altri 40 minuti.

  11. La cottura sarà completa quando bussando sul pane sentirai un rumore di vuoto. I metodi antichi sono sempre i migliori.

  12. Fai raffreddare completamente e buon appetito!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.